OPERATOR PLEASE
Yes Yes Vindictive

 
 
14 Maggio 2008
 

[ratings]

Dall’Australia, con amore.
Gli Operator Please qui da noi sono giunti solo nei primi mesi del 2008, anche se il loro disco d’esordio “Yes Yes Vindictive” venne pubblicato l’anno scorso in terra natìa.

Ricordate Karen O? Certo, come dimenticarla.
E Beth Ditto? Ovviamente.
E poi Lovefoxxx?
Di quei personaggi che nel loro piccolo rivoluzionano l’immagine.

Qui, oggi, abbiamo Amandah Wilkinson, cantante degli Operator Please. Che se vogliamo è un po’ l’insieme di questi tre personaggi, con un po’ di cose da dire in meno, ma con altrettanta sfrontatezza. Non cattiveria, ma grinta sì.
NME ha già stravisto per loro, e compaiono più volte nelle charts del mese, specialmente tra i pezzi più ballati dei dancefloor inglesi.
E come dargli torto??
Ascoltate il singolo “Leave It Alone”. Ci sentirete un po’ di Long Blondes e un po’ di Yeah Yeah Yeahs, cassa dritta e giri di basso, assolutamente il-pezzo-riempipista. Con un tocco di violino.
“Get What You Want”, altro pezzo che ti trascina, ha le reminescenze di una Peaches lontana, forse un po’ più strumentale, forse un po’ più rock, anche se i riferimenti alla cantante berlinese si fanno più espliciti in “Just a Song About Ping Pong”, dai ritmi ancora più serrati, quasi una rincorsa all’ultima parola cantata/urlata.

Ma l’album ha anche tracce più propriamente pop, come “Two For My Seconds”, “Other Song” e la traccia di chiusura “Pantomime”, che forse tendono a far perdere un po’ di credibilità al gruppo, o forse sono io che preferisco gli Operator Please più danzerecci e punk/rock.

Il quintetto australiano ha di certo verve da vendere, come dimostrano anche le aperture ai live di Arctic Monkeys, Bloc Party, The Go! Team, Maximo Park, etc. a cui non sono certamente estranee le loro sonorità.
Ma un po’ privi di personalità.

A voi, le danze.

Cover Album
Band Site
MySpace
Yes Yes Vindictive [ Virgin / EMI – 2008 ] – BUY HERE
Similar Artist: The Long Blondes, The Gossip, New Young Pony Club, Yeah Yeah Yeahs, Le Tigre, CSS, Peaches
Rating:
1. Zero Zero
2. Get What You Want
3. Just a Song About Ping Pong
4. Cringe
5. Two For My Seconds
6. Terminal Disease
7. 6/8
8. Yes Yes
9. Other Song
10. Ghost
11. Leave It Alone
12. Pantomime
Tracklist
 
 

bdrmm – Bedroom

Facile salire adesso sul carro dei vincitori. Facile osannare questi ragazzi stanziati in zona Hull/Leeds e definirli “nuovi eroi ...

Gum Country – Somewhere

Tanto nostalgico quanto piacevole. Courtney Garvin (che conosciamo per essere nei The Courtneys) e Connor Mayer ci conducono nel loro mondo ...

Arca – KiCk i

“KiCk i” è un calcio a sorpresa alla bocca dello stomaco che ti costringe a spalancare gli occhi e a guardare. Arca esiste, guardala. ...

Le voci di Gero – Il colore ...

Un disco impegnativo quello di Le voci di Gero, nome in codice di Andrea Aloisi, cantautore milanese con le idee chiare e i piedi ben ...

Altrove – Bolle

Ho seguito da vicino la lavorazione di quella miscela odorosa e raffinata che è “Bolle” sin dall’apertura dei cantieri, ...