YUPPIE FLU
Fragile Forest

 
 
20 Maggio 2008
 

[ratings]

Poco più che silenziosamente, alle spalle di altre promesse dell’indie made in Italy più o meno tramutatesi in felici realtà, gli Yuppie Flu arrivano, anche loro, al famigerato decennio di carriera.
“Fragile Forest”, al di là di ogni ripetitivo e stressante questionare sulla scelta Radioheadiana di distribuire il tutto via web con l’accattivante formula dell’offerta libera, è ancora una volta una valida dimostrazione, se mai ce ne fosse bisogno, di come gli Yuppie Flu, da promessi Pavement di casa nostra, nel silenzio di 6 lavori sempre diversi e convincenti, siano in realtà un’entità eclettica e rappresentativa di una scena, quella indiependente italiana, che paradossalmente, è sempre sembrata riporre in loro molta meno attenzione che all’estero.

Se la copertina del precedente “Toast Master” non sfigurava umile al fianco di consumati e loquaci poster degli Strokes, “Fragile Forest” riprende la ricercata malinconia di “Days Before The Day”, mettendo però da parte i Notwist e quell’indietronica che lo resero, a onor della mia personalissima opinione, uno dei dischi italiani meglio riusciti dal 2000 ad oggi.
“Fragile Forest” si veste d’autunno, ma l’estate è ancora lì nella testa con i suoi ultimi scampoli di sole e spensieratezza.

Se “Patient One” apre il disco con un delicato dialogo lo-fi tra chitarre acustiche e voce, la successiva “title-track” scombussola tutto: dei My Bloody Valentine in vacanza le danno il via epici come solo loro possono essere, poi gli Yuppie Flu riprendono le redini del gioco e creano un gioiello di dream pop, o più semplicemente pop, che è sicuramente il pezzo più riuscito dell’ensemble.
É l’estate che ricordiamo e che adesso aspettiamo, più avanti confermata dall’orientaleggiante “Eyes”, più in là smentita o solo rinviata da “The Night And I” o dalla conclusiva “Blue Plot”, dolorosamente incastonata in un riverberoso pianoforte dritto dritto su qualche arteria.
In mezzo, “Summer Afternoon” sembra riproporre i Giardini di Mirò in chiave Yuppie Flu, giusto giusto per portare a termine col cambio automatico un riuscito esercizio stilistico più che un convincente e necessario episodio.
Stesso discorso per “Yellow Hills”, troppo sentitamente Flaming Lips.

Poco importa, in fondo.
“Fragile Forest” sa scuotere i nervi, sa scombussolare la pelle, sa scrivere dei nostri cuori una geografia nuova, che solo l’estate, climaticamente schierata che sia, può comprendere ed esplorare.

Cover Album
Band Site
MySpace
Fragile Forest [ Homesleep – 2008 ] – BUY HERE
Similar Artist: My Bloody Valentine, Flaming Lips, Radiohead, Pavement, Giardini di Mirò
Rating:
1. Patient One
2. Fragile Forest
3. Eyes
4. Sweet Lame
5. Yellow Hills
6. The Night And I
7. Make It Happen
8. Cold Device
9. Summer Afternoon
10. Blue Plot
Tracklist
 
 

bdrmm – Bedroom

Facile salire adesso sul carro dei vincitori. Facile osannare questi ragazzi stanziati in zona Hull/Leeds e definirli “nuovi eroi ...

Gum Country – Somewhere

Tanto nostalgico quanto piacevole. Courtney Garvin (che conosciamo per essere nei The Courtneys) e Connor Mayer ci conducono nel loro mondo ...

Arca – KiCk i

“KiCk i” è un calcio a sorpresa alla bocca dello stomaco che ti costringe a spalancare gli occhi e a guardare. Arca esiste, guardala. ...

Le voci di Gero – Il colore ...

Un disco impegnativo quello di Le voci di Gero, nome in codice di Andrea Aloisi, cantautore milanese con le idee chiare e i piedi ben ...

Altrove – Bolle

Ho seguito da vicino la lavorazione di quella miscela odorosa e raffinata che è “Bolle” sin dall’apertura dei cantieri, ...