THE ORANGES
Hit The Centre

 
Tags:
 
5 Luglio 2008
 

Fa caldo. E’ un caldo infame, schifoso e appiccicoso. L’aria è costantemente impregnata del puzzo dei campi in fiamme. Mangiare il necessario per sopravvivere è un’impresa; dormire poi è impossibile. Anche respirare diventa difficile. Inutile aggiungere che il solo pensare di fare qualcosa di produttivo in questa situazione costa troppa fatica. L’ozio è l’unica risposta: divorare dischi vecchi e nuovi è un valido palliativo per dimenticare che luglio è ancora agli inizi.

Fa caldo. Ho sete. Il mio equilibrio mentale è messo a dura prova. Prendo un disco a caso e lo infilo nel lettore. The Oranges, italianissimi, di Desenzano del Garda. Le arance. Penso che avrei decisamente voglia di un’aranciata gelata. Guardo il succoso frutto in copertina mentre esplode tra mille spruzzi e mi ritrovo a sbavare ad occhi chiusi. Premo play prima dell’inesorabile evaporazione (fisica e psichica).
Va meglio. Batteria, basso, chitarra e si parte con “I Got White”, e con i riferimenti musicali che sono chiarissimi fin dai primi tre accordi tre: Kinks e Buzzcocks in primis, e poi tutto ciò che oggi ruota intorno a questi nomi (leggi Libertines e Strokes, tanto per spararne due a caso). Poi gli Stooges “coverizzati” nel riff iniziale di “Bang!” e tanto garage, voce abrasiva, ritmi sostenuti e chitarra graffiante. Pochi fronzoli e quintali di melodia. Qua e là spunta pure Mr. Dave Grohl (tipo in “Rain”). Una parata di riff pescati a mani basse dall’enciclopedia del rock si susseguono nelle tredici tracce di “Hit The Centre”: peccato che alla fine dei giochi la carenza di originalità e di qualche guizzo pesi quanto un macigno, tanto che risulta quasi impresa da Settimana Enigmistica cogliere le differenze tra un brano e l’altro. Già sentito, mi ripeto.

Premo stop. Continua a far caldo ed io sono particolarmente insofferente.
Il sole là fuori mi guarda e se la ride. Sghignazza alto nel cielo, l’infame.
Io penso che vorrei solo un disco in grado di farmi dimenticare i 40°.
Chiedo troppo a questo 2008?

Cover Album

  • MySpace
Hit The Centre
[ Polka Dots – 2008 ]
Similar Artist: Buzzcocks, The Kinks, The Strokes, Foo Fighters
Rating:
1. I Got White
2. Modette
3. Bang!
4. Crazy Monday
5. I Wanna Try
6. Maybe Today
7. Mr. Monkey
8. Apologise
9. Walk The Line
10. Rain
11. I Wanna Leave You
12. The Band
13. I Will Never Be
Tracklist
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments