PRIMAL SCREAM
Beautiful Future

[ B-Unique - 2008 ]
8
 
Genere: psych-rock, alternative rock
 
8 settembre 2008
 

È difficile non iniziare una recensione sul nuovo disco (il nono in studio) dei Primal Scream con espressioni trite come “venticinque anni di onorata carriera” o simili, quasi quanto è difficile non chiedersi come ci stupiranno questa volta Bobby Gillespie e soci: perché la band di Glasgow ha sempre amato mischiare le carte e sorprendere ad ogni uscita, esempio lampante la pubblicazione di un disco dal sound classico come “Give Out But Don’t Give Up” dopo l’exploit psichedelico e creativo di “Screamadelica”.

Il nuovo “Beautiful Future” arriva a soli due anni di distanza da “Riot City Blues” e se ne distacca solo in parte sul versante musicale: non abbiamo di fronte gli eccessi chimici ed elettronici del già citato album epocale o di “Vanishing Point” o “XTRMNTR” e neppure il rock vintage degli altri lavori, piuttosto una via di mezzo, molto pop, assolutamente non irrisolta ed anzi matura e coinvolgente in quasi tutti i suoi episodi.

Se il singolo “Can’t Go Back” è un rock’n’roll senza troppe pretese che si lascia ascoltare con piacere senza però sbalordire e che lega stretta la propria inquietudine (emozione predominante in questo album) al testo, ben presto i Primal Scream ci regalano notevoli perle: “Uptown” è la prima in ordine d’incontro, martellante e dubb(i)osa, levigata e quasi glamour nel suo profondo e trascinante scheletro ritmico; “The Glory Of Love” sfoggia una grandiosa interpretazione di Bobby sopra un pezzo brit poco distorto e molto disco. “Suicide Bomb” è forse scontata, ma suona tanto sincera nel suo immaginarsi una specie di hard-rock inedito, tra intrecci e suoni di chitarra noise e un incedere quasi motorizzato.

La vetta del disco è posta verso la fine, ed alza ulteriormente la standard qualitativo del lavoro: si tratta di “Beautiful Summer”, ballatona spettrale e sporcata di elettronica, un pezzo per cui tante nuove leve farebbero carte false o arriverebbero quasi ad uccidere, sicuramente a mutilare. Meritano certamente una citazione anche le collaborazioni dell’album: Josh Homme fa il suo dovere nello sporco garage-rock di “Necro Hex Blues”, mentre non aggiunge nulla la presenza della folk-singer Linda Thompson nella deliziosa, incantata ed appena appena riverberata “Over And Over” (cover dei Fletwood Mac, molto vicina a certe passate elegie come “I’m Coming Down”). Sorprende anche Lovefoxx dei CSS nel tenebroso electro-rock di “I Love To Hurt (You Love To Be Hurt)”, uno di quei pezzi che sembra non aspettare altro che un remixer coi controcazzi lo trasformi a dovere come fece all’epoca un giovane Andrew Weatherall con un pezzo minore del secondo album.

Forse “Beautiful Summer” non entrerà nelle classifiche di fine dicembre, ma posso affermare che continuerà a girare a lungo nei nostri lettori.

Tracklist
1. Beautiful future
2. Can’t Go Back
3. Uptown
4. The Glory Of Love
5. Suicide Bomb
6. Zombie Man
7. Beautiful Summer
8. I Love To Hurt
(You Love To Be Hurt)
9. Over & Over
10. Necro Hex Blues
11. The Glory Of Love
 
 

Sambassadeur – Survival

L’idea di pop che hanno i Sambassadeur è la nostra. C’è poco da fare. Una canzone semplice, in apparenza, che ti rinfranca ...

These New Puritans – Inside ...

I These New Puritans continuano la loro quieta ascesa in un inafferrabile empireo di art-rock lontano da ogni trend musicale. La band ormai ...

Idlewild – Interview Music

Tornano gli scozzesi Idlewild autentici pezzi da novanta di quello che nella seconda metà degli anni 90 venne etichettato come post ...

Apparat – LP5

Chiudete gli occhi, immaginatevi d’essere all’interno di una stanza vuota, con una sola finestra che mostra il mare e un ...

Priests – The Seduction of ...

Non sono stati tempi facili per la band di Whashington D.C. Quando tutto sembrava procedere per il meglio, con il loro debut “Nothing ...