MICAH P. HINSON
Micah P. Hinson And The Red Empire Orchestra

[ Full Time Hobby - 2008 ]
7
 
Genere: folk, songwriting
 
23 Settembre 2008
 

Il debutto nel 2004 del giovane cantautore texano di Austin, “Micah P. Hinson and The Gospel of Progress”, fu un capolavoro.
La sua voce roca spiccava tra le note country della sua chitarra, lasciando trapelare lievi stonature che aggiungevano qualità straziata alla canzone.
Con il passare degli album, Micah P. Hinson cresce, ed arriva al suo terzo lavoro, “Micah. P. Hinson and the Red Empire Orchestra”, con una, come al solito bellissima, foto in bianco e nero in copertina.
Micah si fa sentire profondo e intimo, ma ci appare più pacato degli esordi, placando le roche grida dei primi lavori per approdare verso lidi più composti e dentro le righe. Per intenderci, non aspettatevi brani come quel capolavoro che era “Patience”. Aspettatevi però un disco molto ben composto, elegante, maturo come si suol dire, di counrty-folk alternativo.

Si apre con l’americanissima “Come Home Quickly Darlin’”, un incipit fatto di suoni lontani e leggermente gracchianti, come fosse un vecchio vinile sul giradischi che sfocia poi in un country più pomposo ed orchestrato. E’ un Hinson romantico, che trasmette tutta la sua profonda eleganza attraverso questo lentissimo brano che cresce piano piano in lirismo.
Nella successiva “When We Embraced” emerge maggiormente la chitarra acustica e le note vengono condite da un tocco epico e ‘50’s, un po’ crooner, che riaffiorano anche in “Throw The Stone” nella quale si aggiunge un banjo o in “I Keep Havin’ These Dreams” dove spiccano gli archi, avvolgendo il tutto in un alone misterioso e sognante.

In chiusura, c’è la bellissima “We Won’t Have To Be Lonesome”, il brano forse più pop del disco, altra ballata da crooner americano che precede “Dyin’ Alone”, dalle sfumature più country e quasi parlata.
Micah, il cantautore dall’aspetto di fanciullo, dimostra grande talento nella ricercatezza dei brani e nelle scelte strumentali, lasciando intravedere non tante novità in questo suo ultimo disco, quanto però consolidate e mature basi musicali.

Tracklist
1. Come Home Quickly, Darlin'
2. Tell Me It Ain't So
3. When We Embraced
4. I Keep Havin' These Dreams
5. Throw the Stone
6. Sunrise Over the Olympus Mons
7. Fire Came Up to My Knees
8. You Will Find Me
9. Wishing Well and the Willow Tree
10. We Won't Have to
Be Lonesome
11. Dyin' Alone
12. My God
13. You Ain't Callin' the Shots
 
 

Pony – TV Baby

Attivi sin dal 2015 con una manciata di singoli e un paio di EP già realizzati sul loro Bandcamp, i Pony pubblicano ora il loro primo album ...

Samantha Crain – I Guess We ...

Dopo aver realizzato il suo sesto album, “A Small Death”, solo lo scorso anno, Samantha Crain è già ritornata con un nuovo EP, ...

Rhiannon Giddens & Francesco ...

Il lavoro di recupero della tradizione folk gaelica, americana, afroamericana e nativo americana che Rhiannon Giddens ha avviato negli anni ...

Palm Ghosts – Lifeboat ...

Sintetizzatori ben orchestrati, chitarre taglienti e sezione ritmica con bassi roboanti e batteria pulsante d’ordinanza. Insomma, ...

Hey, King! – Hey, King!

Si presentano con un biglietto da visita di tutto rispetto le Hey, King! : un album d’esordio prodotto da Ben Harper (già al loro fianco ...