WOVENHAND
Ten Stories

 
Tags: ,
 
7 Ottobre 2008
 

Tra tante giovani gemme scintillanti, che poi invece si rivelano inutile bigiotteria da quattro spicci, c’è una pietra misteriosa ricoperta dalla polvere, in verità scuro diamante grezzo che rifiuta di essere benedetto dai potenti raggi del Sole del deserto. Nessun riflesso luminoso sulle sue facce scolpite rozzamente da Madre Natura. La luce è dentro…va scovata dentro al diamante. Dentro di noi, verso la redenzione. Ma priva di arrivarci (se mai ci si possa arrivare), il viaggio sarà periglioso e doloroso.

Il diamante scuro è Wovenhand, creatura del peso massimo David Eugene Edwards (già leader dei 16 Horsepower, per quegli sciagurati che non lo sapessero), uno dei songwriters più incorruttibili e intensi che l’America abbia mai avuto. “Ten Stones” è la nuova, ennesima testimonianza del fervore artistico/mistico che anima la voce, le carni e lo spirito del devoto Edwards. L’elemento religioso è sempre lì, a impregnare le declamazioni del biondo artista, a costituire la spina dorsale del suo pensiero e delle sue visioni, mentre la musica guarda come al solito al folk americano delle origini rivisitandolo con un tocco personalissimo, senza dimenticare qualche rimando al post-punk più plumbeo: una miscela esplosiva.

L’opera appare più ‘catramosa’ e cupa del suo predecessore. Più rockeggiante e aggressiva. Si passa dalle interpretazioni sospese tra estasi e sofferenza delle sferzanti “The Beautiful Axe” e “Not One Stone” alle fuliggini che sanno d’antico di “Horsetail” e “Cohawkin Road”, alle atmosfere pre e post-apocalisse rispettivamente di “Kingdom of Ice” e “Iron Feather”, fino ad arrivare al sobrio crooning da piacione (pensate un po’…) di “Quiet Nights Of Quiet Stars”, per citare alcuni episodi.

Non fatevi scappare le dieci pietre nere del deserto ivi contenute (che in realtà sarebbero undici, se contiamo l’ambientale ghost track conclusiva), redimetevi, continuate a peccare, fate quello che volete, ma insomma date una chance a questo eccellente nuovo lavoro targato Wovenhand.

Andate in pace. Andate all’inferno. Ma prima passate di qui.

  • Website
  • MySpace
  • BUY HERE
Ten Stones
[ Sounds Familyre – 2008 ]
Similar Artist: 16 Horsepower, Black Heart Procession, Nick Cave
Rating:
1. The Beautiful Axe
2. Horsetail
3. Not One Stone
4. Cohawkin Road
5. Iron Feather
6. White Knuckle Grip
7. Quiet Nights Of Quiet Stars
8. Kicking Bird
9. Kingdom Of Ice
10. His Loyal Love
11. Untitled
Tracklist
 
 

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...

Sea Girls – Open Up Your Head

Il mondo musicale inglese, ormai, ogni giorno propone nuovi progetti tutti da scoprire: infatti, non è un caso che vi sia un genere ...

Paul Armfield – Domestic

Dopo mesi passati forzatamente rinchiuso e prigioniero tra quattro mura c’è chi di casa non vuol più sentir parlare. Paul Armfield, ...

Bill Callahan – Gold Record

Il fu Smog Bill Callahan ritorna a noi dopo solo un anno dal precedente “Shepherd In A Sheepskin Vest” (LEGGI QUI LA RECENSIONE) ...