THE RECORD’S
Money’s On Fire

 
 
18 Ottobre 2008
 

A pensarci bene, in fondo la vita è tutta una questione di coincidenze. Un gioco fatto di coincidenze prese e coincidenze perse. Esserci o non esserci fa la differenza, fin dal primo nanosecondo. Venire al mondo a Roma piuttosto che a Mumbai o a Bogotà cambia tutte le carte in tavola. A volte mi capita di immaginare cosa sarei stato in una delle miriadi di eventualità alternative: magari sarei sulle Ande, in groppa ad un lama sputacchiante, a masticare foglie di coca; o in un ristorante di Tokyo a tagliare pesce crudo e ad arrotolarlo in alghe mollicce.

Se lo saranno chiesto anche i Record’s come sarebbero andate le cose se sulle loro carte d’identità, al posto di Brescia vi fosse stato scritto Leeds o Sheffield o Manchester. Come minimo avrebbero già all’attivo una copertina su NME e l’effimero marchio di ‘next big thing’ della scena indie internazionale. Perché il loro disco d’esordio “Money’s On Fire” ha effettivamente tutte le carte in regola per piacere ad un sacco di persone. Le coordinate sono quelle di un rock-pop’n’roll-garage tirato e coinvolgente che schizza fuori dalle casse come una saetta e non lascia alcuna possibilità di restare immobili, tra riff ad altissimo potenziale radiofonico ed una corposa lista di rimandi musicali e ammiccamenti a band più o meno note. Tra organi sixties e chitarre incendiarie, tra un basso corposo e la voce calda e ruvida, si colgono rimandi al miglior sound d’oltremanica e a nomi come Kinks e Sonics, ai Beatles (”Clouds Are Moving” o la titletrack “Money’s on Fire” non sfigurerebbero in un qualsiasi album dei caschetti più famosi del mondo), e per guardare a tempi più recenti, a gente come Franz Ferdinand e, al di là dell’oceano, Pixies e Strokes. Con tutta questa succulenta carne messa sul fuoco il rischio più grosso era quello di risultare derivativi, ed invece no: i Record’s se la cavano alla grande, infilando una dozzina di brani frizzanti e tutti da ballare, che proprio della leggerezza fanno il loro punto di forza.

Complice la presenza di “Wet Dreams” nello spot del giornale rosa più amato dagli italiani ed una notevole dose di carattere, che in certi casi non guasta mai (vedere la dedica a quelli che ci ignorano sul retro copertina), c’è da scommettere che i Record’s non saranno un semplice fuoco fatuo.

  • Band Site
  • MySpace
  • BUY HERE
Money’s On Fire
[ self-released – 2008 ]
Similar Artist: Kinks, Pixies, Franz Ferdinand.
Rating:
1. Can’t Sleep
2. Clouds Are Moving
3. Free As A Bird
4. Hot Spot
5. Money’s On Fire
6. Little Content
7. Rudy Can Shake
8. Draft
9. Black Ropes Hanging Over
10. Wet Dreams
11. Shoe Shine
12. Big Time

THE RECORD’S su IndieForBunnies:

Tracklist
 
 

Day Wave – Pastlife

Day Wave ritorna con questo suo secondo album dopo cinque anni dal suo esordio, “The Days We Had” (in mezzo è uscito anche l’EP ...

Weezer – SZNZ: Spring / ...

Siamo sopravvissuti al caldo anomalo della primavera e abbiamo varcato la soglia di un’estate che, sul fronte climatico, si preannuncia ...

The Dream Syndicate – ...

La nuova fase dei Syndicate approda ad una ulteriore evoluzione, un mix di ritorno alle origini e contaminazione con la contemporaneità  ...

Phill Reynolds – A Ride

“A Ride” è un racconto di viaggio e di fuga, di redenzione e di ricerca, di comprensione e di dannazione, nel quale una vicenda ...

Moderat – MORE D4TA

Tornando ad abbeverarsi alla fonte di una elettronica “totale” (dall’idm al trip-hop), il progetto Moderat (Sasha Ring aka Apparat e i ...