TROPIC THUNDER

 
 
29 Ottobre 2008
 

Cinque attori convinti di girare un colossal sul Vietnam destinato a passare alla storia di Hollywood finiscono nel bersaglio di feroci narcotrafficanti.

Dopo aver preso di mira il mondo della moda, a sette anni da “Zoolander”, Ben Stiller si dà da fare per seppellire con fragorose risate l’intero showbiz hollywoodiano. Ferocemente satirico verso le star egocentriche e nevrotiche, i produttori senza scrupoli e le false retoriche, Stiller dichiara che ”Tropic Thunder” parla soprattutto di Hollywood, del cinismo dello show business e degli estremismi che lo caratterizzano. Il film è a tutti gli effetti un passo in avanti nella carriera dell’attore-regista, che qui si rinnova con ambizione nel genere comico-demenziale, aggiungendo una considerevole dose d’intelligenza e autocritica. Come i sogni e gli incubi esorcizzano e parlano dei nostri timori sepolti, così il grottesco “Tropic Thunder” in parte pare filtrare le paure di pre-pensionamento di Stiller, e probabilmente di tutto il Frat Pack . Lo fa, ben inteso, senza nulla concedere ai patetismi ma con la sua solita carica di satira e irriverenza. Tirato come un tamburo come il secondo Rambo, Stiller veste infatti i panni di Tugg Speedman, astro-morente d’improbabili sequel di fanta-avventura che dopo un duro flop cerca di tirare le redini della sua carriera in declino. Al suo fianco troviamo le due caricature Jeff Portnoy (Jack Black) – ciccione cocainomane che ha fondato la propria fortuna su film a base di scoregge – e Kirk Lazarus (Robert Downey Jr), attore impegnato e pluripremiato che soffre però per l’abuso del metodo Stanislavskij. A fianco dei tre, troviamo il personaggio di Kevin Sandusky (Jay Baruchel), esordiente che si studia il copione come un compito in classe, e la star dell’hip hop tutto tette-e-culi Alpa Chino (Brandon T. Jackson), che cela un inconfessabile quanto insospettabile segreto. Ciascuno cerca riscatto attraverso un film ambizioso che dovrà passare alla storia, ma quello che li aspetta è naturalmente ciò che di meglio ci possiamo aspettare da questo cast stellare di re della comicità.

Non lasciatevi ingannare dalle apparenze: “Tropic Thunder” non è un semplice light-movie da sorseggiare la domenica pomeriggio sgranocchiando pop corn. “Tropic Thunder” scava per giungere al cuore di tenebra di Hollywood, farla a pezzi proprio come una mina anti-uomo (anti-regista? anti-star?) e riderci su. Per questo, se è lecito un tale accostamento, il film oltre a citare pellicole come “Platoon”,”Apocalypse Now” e il già nominato “Rambo”, fa riaffiorare al ricordo “Full Metal Jacket” non solo grazie alla ‘palla di lardo’ Jack Black ma anche attraverso la duplice e triplice possibilità di lettura del film. Dalla scelta degli attori e dei numerosi camei (a voi il gusto di scovarli) alla fotografia realizzata dal due volte premio Oscar John Toll ( con “Vento Di Passioni” e “Braveheart”). Stiller nulla lascia al caso e con la collaborazione di Etan Cohen e Justin Theroux cesella la sua creazione in modo quasi impeccabile. Il risultato è un film che oltre a far ridere già dai primi minuti fa anche pensare a visione terminata. Fiori all’occhiello gli spassosissimi trailer iniziali (che di per sé valgono l’intero prezzo del biglietto), e la performance di Tom Cruise che, trasformato in anello di congiunzione tra il produttore e la scimmia, ci delizia con monologhi vagamente volgari e balletti strappa-risate. Il solo punto dolente sta nel fatto di non aver potuto vedere Owen Wilson (a causa del suo tentato suicidio) nel ruolo a lui designato, affidato quindi al sempre ammirevole Matthew McConaughey.

Locandina
Titolo originale: Tropic Thunder
Regia: Ben Stiller
Sceneggiatura: Ben Stiller, Justin Theroux, Etan Cohen,
Fotografia: John Toll
Montaggio: Greg Hayden
Musica: Theodore Shapiro
Scenografia: Jeff Mann
Interpreti: Ben Stiller, Jack Black, Robert Downey Jr., Brandon T. Jackson, Jay Baruchel, Nick Nolte, Danny McBride, Steve Coogan, Bill Hader, Tom Cruise, Matthew McConaughey
Nazione: USA / Germania
Anno: 2008
Durata: 107 minuti
Distribuzione: Universal Picture

TRAILER:

 

The End Of The F***ing World ...

Forse, anzi sicuramente, perché ha perso l’effetto sorpresa della prima stagione, diverte e stupisce un po’ meno di quanto ci ...

Il Campione

Ennesima variazione su tema rapporto studente difficile/professore, del quale ricalca dinamiche e topoi, “Il campione” è la ...

The Laundromat (Panama Papers)

Non che gli ultimi film (numerosi come scoregge dopo una fagiolata) di Steven Soderbergh siano un granchè, ma “The Laundromat” ...

Terminator – Destino oscuro

di Kociss Leardini Chi scrive questa recensione è un grande fan di “Terminator”. Il primo film del 1984 è un capolavoro ...

1994

Non poteva non terminare nel 2011, “1994”. Dopo averne lentamente esplorato l’ascesa nel corso di tre stagioni, il gran ...