OF MONTREAL
Skeletal Lamping

[ Polyvinyl - 2008 ]
5
 
Genere: pop
 
10 Novembre 2008
 

Gli Of Montreal sono una realtà interessante dell’indie-rock. Circa un anno e mezzo fa hanno inciso un album “Hissing Fauna” che è stata una boccata d’aria fresca in un panorama musicale che, soprattutto negli ultimi tempi, appare sterile o pre-confezionato.

Quest’anno tornano con “Skeletal Lamping” ma, purtroppo – e dispiace scriverlo – non ripagano le attese. Kevin Barnes, anima del gruppo, creativo e mai scontato, è troppo indaffarato a mostrare cosa sa fare e quest’ambizione di fondo, che per fortuna in “Hissing Fauna” è una nota positiva, in “Skeletal Lamping” è fuori luogo. Che Barnes sia talentuoso lo sanno tutti, critica e pubblico, e non era necessario creare un pout-pourri di suoni e stili in un album che non conduce a niente. Intendiamoci, le canzoni sono tutt’altro che brutte ma, purtroppo, non ci si può fidare di loro. È come se voi usciste con un amico che si professa fedele, gli date piena fiducia e, d’improvviso, v’accorgete che, in realtà, tradisce la speranza che avete riposto in lui. Perdonatemi questo paragone, forse inappropriato, ma io penso che sia così. In rete, si è disquisito parecchio su quest’album parlando addirittura di nuova frontiera del pop. Ma, per intenderci, cosa significa ‘pop’ ? Insomma, è una generalizzazione, un modo semplice (e semplicistico) di etichettare un gruppo, un artista, nel bene o nel male.

Se per ‘pop’ si intende libertà stilistica, piena di inventiva e salutare follia (un po’ come il David Bowie di “Ziggy Stardust”), allora gli Of Montreal potrebbero diventare la nuova frontiera del pop. “Skeletal Lamping” mantiene solo le premesse ma, in concreto, non è né carne né pesce e, forse, è proprio questo l’obiettivo del gruppo. L’album è caotico, Barnes non mette a fuoco le sue –tante- idee e prende in prestito tutto il meglio e il peggio dell’indie rock senza fare alcuna selezione. Non c’è, quindi, compattezza (la mancanza di omogeneità in questo caso è un difetto) e non c’è incisività. Nemmeno dopo due-tre ascolti, rimane qualcosa all’ascoltatore. Probabilmente questo è un album che apprezzeremo tra qualche anno perché ha tutte le caratteristiche di un disco seminale, ma è altrettanto probabile che, tra qualche anno, la maggior parte di noi avrà già dimenticato questo lavoro.

“Skeletal Lamping” va al di là del concept-album, è sicuramente al di là di ogni classificazione e caratterizzazione, è contraddittorio, banale, raffinato, malato e terribilmente modaiolo.

Credit Foto: Christina Schneider

Tracklist
1. Nonpareil Of Favor
2. Wicked Wisdom
3. For Our Elegant Caste
4. Touched Something's Hollow
5. An Eluardian Instance
6. Gallery Piece
7. Women's Studies Victims
8. St. Exquisite's Confessions
9. Triphallus, To Punctuate!
10. And I've Seen A Bloody Shadow
11. Plastis Wafers
12. Death Is Not A Parallel Move
13. Beware Our Nubile Miscreants
14. Mingusings
15. Id Engager
 

4 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

In completa antitesi.

Uno dei migliori Album dell’anno. Supera in ascolti anche il precedente.

Son due mesi che cerco di ascoltarlo ma la terzo pezzo mi viene di lanciare il disco contro il muro..

Manco a dirlo che questi indieggiovani non mi sono mai piaciuti.Questo manco lo ascoltero’.Appoggio Lazzaroblu di default

Ottima recensione, concordo col giudizio in pieno, un po’ meno coi gruppi di riferimento. A me ricorda un certo tentativo di destrutturazione di pop, in stile ultimo Malkmus solista, o Incredible String Band, con alcune pretese Zappiane(An Eluardian Instance, per esempio). Rispetto agli altri lavori risulta tutto troppo macchinoso. Con queste idee i Los Campesinos ci fanno 15 album. Tentativo mal riuscito, ahimè..gli do tempo altri 10 ascolti, ma non vedo come possa riuscire a digerirlo.

 

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

The Mars Volta – The Mars ...

Lo scioglimento all’inizio del 2013, l’effimera ma produttiva reunion con gli At The Drive-In tra il 2016 e il 2018 e, infine, il ...

The Beths – Expert In A Dying ...

Nonostante il loro sophomore “June Rope Gazers” fosse uscito solamente a luglio 2020, l’attesa per questo terzo LP dei Beths, ...

Marcus Mumford – ...

Generalmente quando il frontman di una band decide di intraprendere una carriera solista (mantenendo comunque quella originale) non è mai ...

Whitney – Spark

Mi sono approcciato al nuovo album dei Whitney (band di Chicago capitanata dai fondatori Max Kakacek e Julien Ehrlich) con ancora nelle ...

Recent Comments