banner

The Black Angels – Live @ Circolo Degli Artisti (Roma, 01/11/08)

15 dicembre 2008

TAGS:

Pioggia, pioggia e ancora pioggia. Da una settimana abbondante Roma e dintorni è fittamente colpita da torrenziali scrolloni ‘monsonici’ neanche fossimo nel sub-continente indiano durante il periodo piovoso.
Come da giorni, anche lunedi 1 dicembre 2008 la capitale è coperta d’acqua, ricordando a tutti che anche a Roma è arrivato l’inverno e con esso i Black Angels live al Circolo Degli Artisti.
Sono arrivato nel locale a fine set dei Dragon Of Synth, pregevole gruppo spalla della band texana e, durante gli ultimi pezzi a cui ho assistito, pensavo tra me e me: sembrano i TV on The Radio mandati in acido. Il giorno dopo scopro che il giovane gruppo è prodotto niente di meno che da Tunde Adebimpe e soci. Ma guarda un po’…

Durante il cambio palco esco a fumare la solita sigarettina infra-gruppi, ma visto il tempo mi affretto a rientrare in sala, neanche un minuto (raramente ho visto fare un cambio palco cosi veloce) e già gli ‘Angeli Neri’ erano apparsi: imbracciano le chitarre, regolano gli amplificatori, stringono le pelli a dovere e partono.
Un lungo viaggio, dove infiniti loop ritmici, cadenzano i nostri respiri, facendoci sprofondare per circa 2 ore in un microcosmo ovattato e lisergico. Se ancora a senso parlare di psichedelia dopo quarant’anni,sicuramente i Black Angels questa sera ce l’hanno dimostrato.

La voce di Alex Maas, cantante e forse leader del gruppo, è perennemente riverberata cosi come gli impasti di chitarra, esattamente in pieno stile ’70. Neanche 10 minuti e già sono in trance, cado paurosamente sotto i colpi in delay della sei corde, proiettato in un’altra dimensione, dove la sabbia e le dune del deserto texano sostituisco pavimento e pareti del locale.
La musica dei Black Angels è pura forza evocativa, un muro sonoro tanto onirico quanto potente, che dal vivo sprigiona la sua vera essenza più di quanto non accada su disco. Benchè non avessi dubbi su questa band, la prova live ha confermato e rispettato,appunto, le mie aspettative nei loro confronti, facendosi apprezzare per quello che è: portatrice sana di pscichedelia.

Link:
THE BLACK ANGELS Official Site
THE BLACK ANGELS MySpace

Recensione “DIRECTIONS TO SEE A GHOST”

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Do To The Beast

THE AFGHAN WHIGS
Do To The Beast

Se qualcuno avesse detto, appena qualche anno fa, che in questo 2014 sarebbe uscito…

Close To The Glass

THE NOTWIST
Close To The Glass

La storia dei Notwist è fatta di apparizioni improvvise. E di silenzi. Una carriera…

Il Profumo Dei Fiori Secchi

DAVIDE MARTISCIANO
Il Profumo Dei Fiori Secchi

“Il profumo dei fiori secchi” di Davide Matrisciano è un album lungo, impegnativo, intenso.…

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…