RANGER3
Old Simplicity

 
 
14 Gennaio 2009
 

28 gennaio 1962: la sonda spaziale statunitense Ranger 3, partita dalla Terra due giorni prima, manca di 36.800 km il suo obiettivo, la Luna, e si allontana inesorabilmente verso un’eterna deriva nell’ignota immensità del cosmo. Se ne va nel silenzio scoppiettante di cariche elettrostatiche delle comunicazioni radio, con il suo bagaglio di strumenti, computer e ferraglia varia. Tecnologia all’avanguardia per l’epoca, ma che oggi probabilmente farebbe sorridere i cervelloni della NASA per l’ingenua semplicità che non gli consentiva di centrare qualcosa grande quanto un pianeta. Tecnologia e semplicità: un connubio quasi impossibile, un ossimoro, una contraddizione in termini, come la musica dei Ranger3, duo anglo-irlandese composto da Jim Perkins e Ronan Burke, che prende in prestito il moniker proprio dalla sfortunata sonda persa nel nulla un cinquantennio addietro.

Semplicità, insita nel tenue folk che costituisce la linfa da cui germogliano le ovattate composizioni dei Ranger3. Tecnologia, quella adoperata per scomporre e manipolare i suoni in un infinito taglia e cuci, che trasfigura ogni brano in un Frankenstein sonoro in continuo divenire. I due musicisti fanno ricorso con impeccabile maestria ad un ampio armamentario di strumenti tradizionali e diavolerie varie; guardando un po’ ai Kraftwerk, un po’ ai The Books, molto alle inconfondibili timbriche di casa Morr, si divertono a destrutturare i suoni, a ridurre le melodie in fattori primi e a smembrare le linee vocali, per poi ricomporre il tutto partendo dalle fondamenta e creando il loro edificio fatto di innumerevoli stratificazioni in crescendo, in bilico tra corde pizzicate, arpeggi e glitch elettronici. Il cantato imperfetto di Ronan, mirabilmente incastonato nella morbida geometria delle composizioni, è il fiocco con cui i Ranger3 sigillano i loro piccoli scorci elettrofolk.

Il disco cresce ascolto dopo ascolto rivelando dettagli sempre nuovi ed una maniacale cura per i particolari. La sensibilità eclettica che muove i pezzi, sempre sospesi tra modernità e tradizione, tra folk ed elettronica, tra cori eterei e vecchi strumenti acustici, crea un equilibrio fragile ma ben calibrato. Un piccolo mondo antico in cui anche la tecnologia può essere imperfetta. Eppure ancor più incantevole nella sua imperfezione.

Cover Album
MySpace

Old Simplicity [ Bigo & Twigetti – 2009 ]
BUY HERE
Similar Artist: The Books, Dntel, Girl With The Gun, Colleen
Rating:
1. If We Were Ready
2. Pendulum
3. Sense Of Direction
4. The Photograph
5. Together
6. Old Simplicity
7. A Step Too Far
8. Satellite
9. Caught Cold
10. Seventeen Miles
Tracklist
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

AliX – Last Dreamer

Sono passati ben quattordici anni da “Good One”, ultimo disco a nome AliX dopo l’esordio omonimo, “Cuore In Bocca” del 1999, ...

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Recent Comments