banner

LOVE
Forever Changes

28 gennaio 2009

TAGS:

Al cospetto di dischi così importanti talvolta mi sento a disagio: il foglio bianco da riempire evitando le banalità, cercando di non inciampare in qualcosa che non sia stato scritto centinaia di volte. Impossibile, per cui l’unica soluzione ed affondare le mani con vigore senza paura di sporcarsi.
Davvero è importante descrivere la musica dei Love ancora una volta? Davvero è indispensabile descrivere con accuratezza il suono di “Forever Changes”?
Personalmente trovo più importante ribadire le grandissime qualità di un album eterno che, nella sua immensa importanza, è ancora sottovalutato.

Volgendo lo sguardo al mio scaffale dei dischi, scorrendone rapidamente l’elenco rigorosamente alfabetico ( si, sono un maniaco della catalogazione) mentre il lettore sputa fuori le prime note di “Alone Again Or”, non posso fare a meno di pensare a quante band attuali oggi debbano essere riconoscenti ad Arthur Lee e soci. A quanto pare il folk è tornato di moda, spesso accompaganto dal prefisso ‘Psych’, come a delineare un linea dritta e atemporale che dalla summer of love di fine anni ’60 porta dritto fino ad oggi. Esisteva anche un modo diverso di vivere quel periodo, almeno musicalmente, è questo il grandissimo merito dei Love. Hanno sempre impastato le melodie ed il barocchismo orchestrale proprio di quel periodo con il folk, somigliando più ai Byrds e ai Jefferson Airplanes che ai fab four, facendosi portavoci di una cifra stilistica che fa delle sfumature acide il proprio fiore all’occhiello.

La tradizione americana che incontra le orchestrazioni pop, le atmosfere sempre sospese tra l’agrodolce e una cupezza di fondo ben celata dietro arrangiamenti corposi ed eleganti a ricamare trame sonore che non temono i momenti più abrasivi. Un miracolo pop. Un miracolo rock. Un miracolo folk. Semplicemente un album eterno.

Cover Album

Forever Changes [ Elektra - 1967 ]
BUY HERE
Similar Artist: Jefferson Airlplanes, The Byrds, Syd Barrett
Rating:
1. Alone Again Or
2. A House Is Not A Motel
3. Andmoreagain
4. The Daily Planet
5. Old Man
6. The Red Telephone
7. Maybe The People Would Be The Times Or Between Clark And Hilldale
8. Live And Let Live
9. The Good Humor Man He Sees Everything Like This
10. Bummer In The Summer
11. You Set The Scene

 

Articoli Correlati:

6 commenti »

Ultime recensioni

Ruins

GROUPER
Ruins

I’m happy for any emotion to present itself in a song, and to give…

Petali

GIAN LUCA MONDO
Petali

Le suggestioni cominciano già dal nome “Petali”, che però non bastano da sole per…

Acoustic Dust

LEE RANALDO AND THE DUST
Acoustic Dust

Stare dietro alle carriere (ormai) separate di quella che era la complicata famiglia Sonic…

Soused

SCOTT WALKER + SUNN O)))
Soused

“Soused” è una collaborazione tra sperimentatori di razza, l’enigmatico Scott Walker (musicista con una…

Shallow

PISSED JEANS
Shallow

Alcune band gli esordi preferirebbero dimenticarli come errori di gioventù ormai superati, morti e…

Into The Wide

DELTA SPIRIT
Into The Wide

Eccoli di nuovo, i Delta Spirit. Meno allegri del solito, con un pizzico di…

L’Improbabile

BANDABARDO’
L’Improbabile

Spesso salire il carro di una major significa “riconoscimento” artistico dopo per anni di…

Listen

THE KOOKS
Listen

C’erano una volta dei ragazzini con la chitarra che giocavano a fare le rockstar,…