FRANZ FERDINAND
Tonight: Franz Ferdinand

[ Domino - 2009 ]
7.5
 
Genere: alternative rock
 
2 Febbraio 2009
 

Che fine avevano fatto i Franz Ferdinand, la band con gli occhi al mondo Indie e i piedi nel mainstream? Rieccoli dopo l’uno-due dell’ omonimo album d’esordio (2004) e del successivo “You Could It Have So Much Better” (2005, generalmente stroncato dalla critica ma in realtà apprezzabile). La lunga attesa non è stata vana, poiché questo album impregnato di flavour funkeggianti e groove contagiosi (ma non solo) è davvero spassoso e godibile.
Certo si tratta di brani che non fungono nella solitudine domestica come invece potrebbero fare in una situazione outdoor, tipo macchina, discoteca o festino.

Gli arrangiamenti sono abbastanza ricercati, l’elettronica assume una certa importanza negli impasti sonori, il basso pulsa più che mai quasi come volesse portare nel suo trip ritmico tutti gli altri strumenti, mentre lo chef Kapranos si è messo a scavare nella sua ugola per stanare nuovi stili e sfumature.

Apre le danze e inaugura i giuochi il singolo-vampiro tutto sibili elettronici e cadenze danzerecce “Ulysses”, deciso ad attentare a colli e menti di musicofili annoiati e desiderosi di un po’ di sano divertimento e coatti musicalmente analfabeti. Stupisce l’epica “Twilight Opens”, ammalia la veste indiscutibilmente retrò di “Send Him Away”, prende a calci nel culo la noia l’invasata “Bite Hard”, devastata da schitarrate graffianti. Ma la vera chicca è “Can’t Stop Feeling”, pezzo di nuovo funkettone e danzereccio ma un po’ più oscuro e tribale.

Stonano un po’ con tutto il resto i due pezzi finali, l’enigmatica “Dream Again” (impalpabili percussioni, tintinii ipnotici e leziosi/oscuri synth ottantiani) e la prettamente acustica e giocosamente malinconica “Katherine Kiss Me”.

Certo alla lunga l’album stanca, ma è una questione proprio di stile musicale più che di valore intrinseco dell’opera. Gli Scozzesi comunque sanno ancora come destare l’attenzione e farsi notare nel marasma delle uscite discografiche…e sono ancora in grado offrire nello stesso tempo un prodotto di qualità. Non v’è dubbio.

Credit Foto: Andy Knowles

Tracklist
1. Ulysses
2. Turn It On
3. No You Girls
4. Send Him Away
5. Twilight Omens
6. Bite Hard
7. What She Came For
8. Live Alone
9. Can't Stop Feeling
10. Lucid Dreams
11. Dream Again
12. Katherine Kiss Me
 
 

Antonioni – Antonioni

Anche se le nuove regole di un mondo che combatte il virus ci ha costretti agli arresti domiciliari, possiamo almeno coccolare i nostri ...

Death From Above 1979 – Is 4 ...

Sembravano destinati a restare in eterno delle meteore i Death From Above 1979 che nel 2006, un paio di anni dopo aver dato alle stampe ...

Du Blonde – Homecoming

Registrato tra Newcastle, Los Angeles e Londra, “Homecoming” è il quarto album per Beth Jean Houghton (il terzo con il moniker di Du ...

Jacques Moolman – The Great ...

Jacques Moolman proviene da Johannesburg ed è il frontman degli Shadowclub, rock band sudafricana: dopo aver passato i suoi anni formativi ...

The Natvral – Tethers

Dopo aver chiuso il ciclo dei Pains Of Being Pure At Heart con il quarto LP, “The Echo Of Pleasure”, uscito a settembre 2017, Kip Berman ...