BARZIN
Notes To An Absent Lover

 
Tags:
 
13 febbraio 2009
 

L’inverno è uno stormo di fiori che vola a testa in giù. E’ il sole che, stanco e timoroso, irradia luce pallida attraverso un tappeto di nuvole, il ricordo di qualcuno intrappolato in una bolla d’aria fluttuante regalata al vento e al destino. E’ la stagione degli acquerelli grigi e le tonalità minori, delle certezze scivolose come ghiaccio sull’asfalto, quando resti imbrigliato nel dubbio tra il restare ancora un po’ e quello di andartene via di corsa.

Esistono delle sottili connessioni tra le sensazioni tattili della stagione fredda sulla pelle e quelle eteree, annidate nella parte più recondita di noi stessi. Momenti statici in cui il meccanismo ad orologeria dentro la testa è pronto a mettersi in moto, magari ascoltando il disco giusto nel momento giusto. Coincidenze ed incastri speciali, come un pacco dono a compenso per la nostra pazienza. Il tutto si è materializzato in un instante, adesso, quando l’intima fragilità di una voce ha riempito gli angoli della mia stanza.

Barzin preferisce i sinuosi percorsi dello slow-core, il sussurro al rumore, il chiaroscuro alle tinte forti. Questa volta è puntuale come l’alba all’ingresso del giorno, ha scelto il momento migliore per farsi avanti e stringere in un abbraccio fragile, ma rassicurante. Canzoni classiche, che non hanno la pretesa di rinnovare nulla in ambito pop, che hanno bisogno di incastrarsi con le nostre suggestioni remote per essere comprese sino in fondo. Anche una sostanza più cantautorale rispetto al passato, come se Damien Rice fosse il cantante degli Spain, come se i Sophia lasciassero da parte gli ultimi sussulti elettrici della loro essenza. Un carillon d’autore, un vecchio giocattolo che funziona ancora perfettamente.

Se non chiedete la pioggia, se non avete bisogno di vivere un viaggio restando in contemplazione della strada macinata dietro al vetro di un finestrino, allora questo forse non è ciò che fa per voi. Al contrario, se serbate dentro l’inverno perpetuo e ogni tanto la stagione fredda vi viene a trovare nel vostro letto, tutto quello che dovreste fare adesso è lasciarvi andare a queste nove canzoni, scritte col cuore tra le mani e gli occhi rivolti al cielo grigio perla.

Cover Album

Notes To An Absent Lover
[ Monotreme – 2009 ]
Similar Artist: Spain, Sophia, Damien Rice
Rating:
1. Nobody Told Me
2. Words Tangled In Blue
3. Soft Summer Girls
4. Queen Jane
5. When It Falls Apart
6. Lost
7. Stayed Too Long In This Place
8. Look What Love Has Turned Us Into
9. The Dream Song

Tracklist
 
 

Gruff Rhys – Pang!

Gruff Rhys ama cambiare, stupire. Difficile trovare un filo conduttore nell’ormai lunga carriera solista del frontman dei Super Furry ...

Lana Del Rey – Norman Fucking ...

Ogni volta che Lana Del Rey pubblica un album il dibattito tra estimatori e detrattori della musica di Elizabeth Grant diventa sempre più ...

Kazu Makino – Adult Baby

Siamo abituati a sentire la voce eterea di Kazu Makino nei Blonde Redhead a fianco dei gemelli Simone e Amedeo Pace, ma ora Kazu ha deciso ...

Frankie Cosmos – Close It ...

Sempre molto prolifica la giovane Greta Kline, titolare del progetto Frankie Cosmos: dopo un anno e mezzo dal precedente “Vessel”, ...

The Futureheads – Powers

Aspetti positivi: i ritorni sono sempre graditi. Specie se le cose che più si ricordano negli ultimi anni circa la band di Sunderland sono ...