DENTE
L’Amore Non E’ Bello

 
 
2 marzo 2009
 

La vita è tragica follia:
Ridiamoci sopra e facciamo allegria.
Abbasso la malinconia;
Porgimi un gotto di malvasia:
La vita è tragica follia.

A.Symons

Ogni disco ha un suo odore. Ne riconosci l’essenza dopo pochi attimi, sai benissimo quali sapori si sono mescolati durante la registrazione e la sua elaborazione. Così viene da pensare che un panorama non sia scivolato via per caso tra i finestrini di un treno in corsa o che il frusciare delle carte a briscola vada oltre l’atto fine a se stesso.

Dettagli persi nelle pieghe del quotidiano, sentimenti narcotizzati, l’amore declinato in tutte le sue evoluzioni, leggerezza e Lucio Battisti che scorre nel sistema linfatico: Giuseppe Peveri, in arte Dente, nonostante l’atteggiamento sfacciatamente naif ha ben chiaro in mente ciò che vuole. La ricetta è semplice e tremendamente difficile da realizzare allo stesso tempo.
In poco più di quaranta minuti Dente traccia una linea che lo lega a doppio filo col più bel cantautorato italiano degli ultimi quarant’anni, posizionandosi a pieno diritto tra i classici del genere. Impresa non da poco in un campo minato da autocompiacimenti di nicchia e verbose strutture stilistiche. Ed il tutto lo fa fischiettando, quasi senza accorgersene, con la svagatezza romantica che solo i grandi o i pazzi riescono a dissimulare.

Allora pare di camminare tra le poesie di Gianni Rodari, tanto innocenti fin quando non annerano il loro incedere sotto i fendenti di rasoiate improvvise, inesorabili nello squarciare realtà apparentemente idilliache. Fulminanti trovate verbali, controsensi ed un’innata propensione all’equilibrismo linguistico caratterizzano il trentaduenne fidentino, abile paroliere, a volte irresistibilmente ironico come nella esilarante “Quel Mazzolino”, altre volte invece capace di disintegrare sentimenti opachi in infiniti pezzi di vetro luccicanti col solo veloce pizzicare di chitarra. Cantastorie vecchia maniera, Dente lascia da parte l’atteggiamento ed il suono lo-fi dei primi due album, approdando verso rotondità melodiche più curate, volutamente sospese tra Kings Of Convenience, Bruno Lauzi e rimembranze di quel ‘pop’ assolato suonato da Alan Sorrenti.

Tra candori declamati con voce fanciullesca, ‘erre’ arrotate e timide orchestrazioni, Dente inanella con disarmante facilità d’ascolto tredici perle di inebriante malinconia, ineffabili schegge di follia emotiva, camarilla giubilante attorno al suo re-giullare, che in un momento di ispirazione genuina tira fuori dal cilindro Sergio Endrigo consegnando alle enciclopedie musicali la soffice “Vieni A Vivere”, quadratura perfetta del cerchio tracciato anni or sono da “Ci vuole un fiore”.

Come direbbe l’esile Vincenzo ‘DoReCiakGulp’ Mollica col suo frasario ampio ed articolato: Dente è bello e bravo, sa emozionare ed un giorno ne risentiremo parlare.
Chapeau.

L’Amore Non E’ Bello [ Ghost – 2009 ]
BUY HERE
Similar Artist: Kings Of Convenience, Lucio Battisti, En Roco, Artemoltobuffa, Sergio Endrigo, Bruno Lauzi
Rating:
1. La Presunta Santità Di Irene
2. Incubo
3. A Me Piace Lei
4. Voce Piccolina
5. La Più Grande Che Ci Sia
6. Buon Appetito
7. Sole
8. Parlando Di Lei A Te
9. Quel Mazzolino
10. Finalmente
11. Sempre Uguale A Mai
12. Vieni A Vivere
13. Solo Andata
Tracklist
 
  • http://www.indieforbunnies.com sachiel

    Bello bello bello. Agrodolce. Tristallegro.

  • fAnny

    Questo disco è un vero e proprio gioiellino. Una piccola cosa preziosa.
    Da ascoltare con molta attenzione per apprezzare i meravigliosi testi, come nella geniale ‘Quel mazzolino’ (“l’etilometro ha gli asterischi, mi ricordano i tuoi occhi…”).
    AmoDente :)

  • Dustman

    Bel pezzo. Joses recensore #1.
    Ricordo ancora l’esilarante concertino di Dente l’anno scorso all’Alter Festival…plausi al Peveri

  • http://www.sullivan-street-records.splinder.com joses

    Dite cose sagge tutti quanti,ma specialmente Dustman… :D
    A parte gli scherzi, grazie Luca

  • n

    delicato…

  • Helmut

    Grande disco e splendida recensione, come al solito Joses.

  • http://www.sullivan-street-records.splinder.com joses

    e come al solito ti ringrazio, Helmut :) :)

  • Dem

    “A me piace lei, e lei piace a me”
    Geniale

  • Lazzaroblu

    Joses, innanzitutto complimenti per la recensione. Comunque sta emergendo una scena “indie” in Italia interessante…ascolterò con attenzione questo lavoro di Dente.

  • http://www.sullivan-street-records.splinder.com joses

    Lazzaro ti ringrazio molto :)
    Se gli italiano decidono di fare gli ‘italiani’ e non gli americani uscirà qualcosa di buono…nel frattempo ti consiglio, se non lo conosci, di ascoltare Giuliano Dottori

  • Alessandro

    Ho conosciuto Dente con lo scorso Ep quando i suoi giochi di parole con i numeri mi avevano conquistato. Poi l’ho visto dal vivo quest’estate e non è che mi avesse impressionato, azni l’ho torvato un pò troppo “stupidino” nei suoi intermezzi paralti tra una canzone e l’altra. Visto che però bisognerebbe fermarsi alle canzoni, di sicuro mi ascolterò con attenzione questa nuova fatica.
    Sono nuovo del sito, molto bello, mi piace!!
    ciao
    ale

  • aldofree

    ho trovato più ispirato non c’è due senza te, forse più ricco di canzoni che restano in mente (mentre questo ha più curata la scrittura musicale), comunque è una spanna sopra le solite solfe italiche.

  • giov

    hahahah l’esile Mollica….

  • Helmut

    Mollica, cmq, direbbe anche: “Dente , ma come fai ad essere così bravo?”

  • Daniele

    A me sinceramente non piace molto, lui è bravo, ma non mi piglia.

  • Lord Faust

    Li ho visti per caso al Circolo degli Artisti… davvero pessimi… se questo è quel che comincia dall’alba, spero che il loro giorno finisca presto. E’ stato peggio di un mal di dente.

 

case/ lang/ veirs – case/ ...

Spesso sono i grandi folk singer (uomini) oppure mostri sacri del jazz o del metal…

Vinicio Capossela – Canzoni ...

L’ultimo disco di Vinicio Capossela è un viaggio nella tradizione più autentica e misconosciuta del…

Lateral Blast – La Luna Nel ...

Con brividi, ricordi ed emozioni a bizzeffe si riaffacciano dolce/prepotentemente gli anni Settanta dei voli…

Weaves – Weaves

Indicati dai più come una delle bands to watch e con un viatico di lusinghiere…

Band Of Horses – Why Are You ...

A dieci anni esatti da quel piccolo capolavoro che fu “Everything All The Time”, i…