…AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD
The Century Of Self

 
 
9 Marzo 2009
 

Anno di grazia 2002. Dopo aver scaldato gli ambienti più elitari del sottobosco musicale americano per diversi anni, i texani …And You Will Know Us By The Trail Of Dead irrompono sulla scena internazionale con l’acclamatissimo “Source Tags & Codes”, album che si presentava come crocevia di molteplici influenze, dal progressive all’alternative passando per il punk. Dopo l’ottimo ep “The Secret Of Elena’s Tomb”, proprio quando sembrava che avessero il mondo ai propri piedi, le cose invece iniziano ad andare male: il bassista Neil Busch fu allontanato per i problemi legati all’eroina e l’album “Worlds Apart” iniziò a mostrare i primi segni del declino, evidenti nel successivo e deludente “So Divided”. Al ritorno dal tour europeo targato 2007 Conrad Keely e soci lasciano la Interscope per mettersi prima in proprio e poi accasarsi con la teutonica Superball (che ha prodotto l’ottimo “Frames” degli Oceansize) per tentare un ritorno alla forma smagliata esibita in passato. E quando tutti eravamo pronti a celebrare il funerale della formazione di Austin ecco spuntare “The Century Of Self”, opera che riabilita i Trail Of Dead nel panorama musicale indie-rock.

La strumentale “Giants Causeway” apre epicamente le danze con una miscela di rumore e melodia prima di cedere il passo ai cinque minuti dell’ambiziosa “Far Pavillions”, tutta detonazioni controllate e duetti vocali tra Reece e Keely, i due elementi cardine dell’ensemble. Poi arriva il momento di “Isis Unveiled”, striature pop-punk accompagnate da arrangiamenti barocchi, un’esplosione di energia che investe in pieno l’ascoltatore e che introduce la successiva “Halcyon Days”: meno immediata del brano precedente, la traccia in questione conquista lentamente in virtù di venature malinconiche che nel finale evolvono in boati emotivi. Non mancano frangenti meno elaborati come la coinvolgente incursione pop di “Fields of Coal” e la ballata a lenta combustione di “Luna Park” che donano all’opera quella variazione stilistica che ricorda da vicino i migliori momenti di “Source Tags & Codes”. Insomma un’ottima selezione di brani in cui emerge prepotente una visione musicale di ottimo livello capace di coniugare maestosità e concretezza, resistendo anche a ripetuti ascolti.

“The Century Of Self” è l’album della rinascita: più forti degli eventi negativi i Trail Of Dead sono riusciti a ritrovare l’alchimia dei giorni passati. Bentornati.

Cover Album

  • MySpace
  • BUY HERE
The Century Of Self
[ Superball – 2009 ]
Similar Artist: Sonic Youth, My Bloody Valentine, Muse
Rating:
1. Giants Causeway
2. Far Pavillions
3. Isis Unveiled
4. Halcyon Days
5. Bells Of Creation
6. Fields Of Coal
7. Inland Sea
8. Luna Park
9. Pictures Of An Only Child
10. Insatiable (One)
11. Ascending
12. An August Theme
13. Insatiable (Two)
Tracklist
 
 

bdrmm – Bedroom

Facile salire adesso sul carro dei vincitori. Facile osannare questi ragazzi stanziati in zona Hull/Leeds e definirli “nuovi eroi ...

Gum Country – Somewhere

Tanto nostalgico quanto piacevole. Courtney Garvin (che conosciamo per essere nei The Courtneys) e Connor Mayer ci conducono nel loro mondo ...

Arca – KiCk i

“KiCk i” è un calcio a sorpresa alla bocca dello stomaco che ti costringe a spalancare gli occhi e a guardare. Arca esiste, guardala. ...

Le voci di Gero – Il colore ...

Un disco impegnativo quello di Le voci di Gero, nome in codice di Andrea Aloisi, cantautore milanese con le idee chiare e i piedi ben ...

Altrove – Bolle

Ho seguito da vicino la lavorazione di quella miscela odorosa e raffinata che è “Bolle” sin dall’apertura dei cantieri, ...