SHOLI
S/T

 
 
9 Marzo 2009
 

Strofa, ritornello, strofa: la struttura canonica di ogni canzone pop, nell’accezione più ampia di questo ultimo termine. Magari un bridge, un assolo, una giustapposizione tra momenti pacati e passaggi più pesanti, un riff che ritorna per radicarsi nella testa di chi ascolta, una lunga coda psichedelica… Ma la formula chimica ideale della musica popular resta quella sopra descritta. E tuttavia ci sono alcuni gruppi che assolutamente non riescono a restare ingabbiati in archetipi e strutture canoniche. Tutto questo inutile spreco di parole per dire che gli Sholi proprio non sanno che farsene di versi e ritornelli.

Direttamente dall’entroterra di San Francisco, il terzetto di casa Quarterstick/Touch and Go si presenta al mondo con un ricercatissimo biglietto da visita che è un centrifugato di jazz, post-rock, progressive e miriadi di riferimenti musicali più o meno celati (June Of 44, Beatles, Sonic Youth, Karate, Mogwai, Jeff Buckley), con un orecchio teso ad apprendere la lezione sonora dell’Occidente ed un altro rivolto alle radici orientali del cantante e chitarrista Payam Bavafa. Musica destrutturata e cerebrale ma con una spiccata sensibilità per le aperture melodiche, spigoli vivi e attimi di quiete che si frantumano nell’esplosione di improvvisi maelstrom sonori, misure dispari e derive rumoristiche: abbastanza per restare spiazzati al primo ascolto. E del resto si tratta di canzoni che traggono ispirazione dall’esperienza di Payam come ricercatore in un istituto di neuroscienza, dai suoi studi sul funzionamento della memoria umana e sui meccanismi con cui la mente processa e riformula le idee tramite ricordi selettivi. Tutto ciò si riflette nei testi raffinati ed intimisti – We decide what we cherish and what we forget, what we leave at the other end – e ancor più nella geometria frammentaria del disco che zigzaga tra pause e ripartenze, quasi fosse una corsa nevrotica sulle montagne russe tra stasi tranquille ed ovattate, fughe folli verso picchi dissonanti e vertiginose discese emozionali trascinate dal drumming imprevedibile di Jonathon Bafus. Ciliegina sulla torta, una indiscutibile padronanza dei mezzi ed una tecnica invidiabile.

L’esordio degli Sholi è un lavoro dalle mille sfaccettature, in grado però di palesare una direzione musicale ben chiara, segnata dalla bisettrice tra melodia e psichedelia. Un disco di qualità che sfiora livelli di eccellenza, come nell’empatica “November Through June” o nell’opening-act “All That We Can See”, e che difficilmente porterà alla noia. Una piacevole sorpresa nell’immediato ed una promessa per il futuro, con Greg Saunier dei Deerhoof alla produzione come garante illustre.

Cover Album
MySpace

Sholi [ Quarterstick/Touch And Go – 2009 ]
BUY HERE
Similar Artist: June Of 44, Karate, Deerhoof, Sonic Youth
Rating:
1. All That We Can See
2. Tourniquet
3. November Through June
4. Spy In The House of Memories
5. Any Other God
6. Dance For Hours
7. Out Of Orbit
8. Contortionist
Tracklist
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

AliX – Last Dreamer

Sono passati ben quattordici anni da “Good One”, ultimo disco a nome AliX dopo l’esordio omonimo, “Cuore In Bocca” del 1999, ...

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Recent Comments