PARLOVR
S/T

 
Tags:
 
1 Aprile 2009
 

Se aggiungete un po’ di zucchero a certe ricette agrodolci create dai Wolf Parade e dagli Arcade Fire e immaginate certe intuizioni dei Talking Heads virare più verso un’isterica allegria che verso alienanti nevrastenie psico-musicali, avrete una vaga idea di che cosa contiene l’album d’esordio di questa frizzantissima band canadese dal nome impronunciabile. Si tratta di un trio, eppure le canzoni ivi contenute sono dotate di una tale pomposità, di una tale epicità (alquanto bizzarra), di una tale capacità d’impatto e sono così ridodanti e così piene zeppe di suoni straripanti e trovate varie che non sembrerebbero poter scaturire da sole sei mani e da soli tre cervelli. Un bel circo musicale insomma, stordente, rincoglionente, coloratissimo. Si tratta di una band che per quanto divertente, alla fine può stancare se ascoltata solo in camera. I Parlovr andrebbero sicuramente gustati dal vivo per riuscire ad assorbire in pieno tutta l’energia che è capace di esprimere e irradiare la loro scoppiettante e multicromatica creatura musicale.

Le undici tracce di quest’album autoprodotto si snodano tra voci deliranti, una trascinante sezione ritmica, chitarre taglienti, tastiere giocattolose, testi spassosi e sarcastici e divertenti ritornelli all’insegna di un pop allucinato e stralunato. Il gusto è certamente molto “canadese”, però indubbiamente i tre hanno la stoffa per riuscire a risaltare nel folto mucchio di musici appartenenti alla scena indie nord-nord-americana. Pezzoni come “Pen To The Paper”, “Sandwalking”, “Hiccup!”, “Speechcloud/Thought Cloud”, “All The World Is All That Is The Case”, tanto potenti quanto leziosi, sono intrattenimento allo stato puro.

La musica dei Parlovr è un bellissimo modo per prendere per il culo sto mondo in rovina riempiendolo di colori sgargianti e gioiosa follia.

Cover Album
MySpace
Parlovr [ Fargo – 2009 ]
BUY HERE
Similar Artist: Wolf Parade, Arcade Fire, Talking Heads, Handsome Furs
Rating:
1. Pen To The Paper
2. Sandwalking
3. On The Phone
4. Hiccup!
5. Sever My Ties
6. Speech Bubble/Thought Cloud
7. In Your House
8. Archy & Mehitabel
9. Sleeping Horses
10. Palace Of Identical Things
11. All The World Is All That Is The Case
Tracklist
 
 

Braids – Shadow Offering

Inizia con la dichiarazione di un amore fugace contenuta nell’opening track “Here 4 U” il quarto album in studio della ...

Cloud Nothings – The Black ...

Era ottobre 2018 quando i Cloud Nothings avevano pubblicato, via Wichita Recordings, il loro quinto LP, “Last Building Burning”: ora la ...

The Beths – Jump Rope Gazers

Diamo il bentornato ai simpatici Beths di Auckland che danno un seguito al piacevolissimo esordio di due anni fa. Il quartetto cambia un ...

Khruangbin – Mordechai

Tornano i mariachi del groove texani dopo l’ottimo “Con Todo El Mundo”, e lo fanno dimostrano un invidiabile stato di ...

Sault – Untitled (Black is)

In un mondo di sovraesposizione mediatica i Sault si fanno notare per la loro misteriosa identità: arrivati al terzo album, di cui due ...