RöYKSOPP
Junior

[ Astralwerks - 2009 ]
7.5
 
Genere: dance, elettronica, pop
Tags:
 
1 Aprile 2009
 

Hanno i loro tempi, i Röyksopp. Sono passati più di tre anni e mezzo dal loro secondo lavoro in studio “The Understanding”, mentre per ritrovare “Melody A.M.”, il fulminante esordio che li ha proiettati nei club di mezzo mondo, bisogna risalire fino al 2001. Il duo norvegese composto da Torbjørn Brundtland e Svein Berge è solito fare le cose con calma, curare ogni cosa in proprio e a proprio modo. Ascoltando “Junior”, loro terzo disco, diventa più chiara un’impressione che già era sorta in passato: i Röyksopp non si muovono tanto per direzioni o idee definite. Al contrario, procedono per intuizioni, accumulano tentativi, si guardano intorno, prendono quello che gli sembra funzionare, buttano via tutto il resto. La base di partenza resta nota, quell’incrocio ormai marchio di fabbrica tra la Francia elettronica dei Daft Punk e i paesaggi dance-pop di Giorgio Moroder. Quello che si accumula sopra, però, è ogni volta imprevedibile. E sorprendente, a questo punto, è come il risultato finale, il disco dall’inizio alla fine, abbia una sua identità riconoscibile, un percorso preciso e definito. Un risultato che per essere conquistato richiede, evidentemente, tempo.

Molto più che nei precedenti lavori targati Röyksopp, le voci in “Junior” hanno un ruolo di primo piano. I featuring muovono la scaletta, segnano le canzoni in profondità. Anneli Drecker è ormai quasi un membro aggiunto del duo, ospite già nel disco d’esordio e spesso compagna di tour. Non a caso la sua voce è quella che si inserisce in maniera più naturale, completando i brani, rendendoli finiti. Regala luce al funk oscuro di “Vision One”, spazio alle trame electro di “True To LIfe” e con “You Don’t Have a Clue” crea uno dei momenti più dolci e delicati del disco. Dolce, ma decisamente più marcato sul lato pop è anche “Miss It So Much”, che vede ospite Likke Li, mentre la voce di Robyn è perfetta per “The Girl And The Robot” e i suoi echi Depeche Mode. E’ Karin Dreijer, però, a lasciare il segno più profondo. La cantante dei Knife e del nuovo progetto Fever Ray, che già era stata protagonista nel precedente “The Understanding”, torna ospite in due brani: anima con forza l’incedere deciso di “This Must Be It”, disegna luci e ombre sulla sorprendente “Tricky Tricky”, dove ai suoni saltellanti dei Röyksopp si sovrappongono e nuove strutture spezzate e atmosfere inquiete.

Ma sarebbe un errore soffermarsi soltanto sulle canzoni che vedono ospiti alla voce. Gli strumentali “Silver Cruiser” e “Röyksopp Forever” raccontano di quanto i Röyksopp siano prima di tutto compositori di brani finiti e indipendenti. La prima è summa perfetta del suono Röyksopp, quasi un incrocio ideale tra le atmosfere dilatate di “Melody A.M.” e i battiti secchi che animavano “The Understanding”. La seconda è un intreccio in crescendo tra l’elettronica creata dal duo e il suono classico di un’orchestra d’archi: un esperimento, molto ben riuscito, che sembra già guardare verso strade future.

Poi c’è “Happy Up Here”, traccia d’apertura e singolo di lancio dell’album. Tre minuti scarsi per uno dei momenti più sorprendentemente gioiosi e solari che i Röyksopp abbiano mai creato. Un pezzo destinato a farsi spazio rimbalzando tra le pareti di parecchi dancefloor. E’ un inizio che spiazza per la sua immediatezza e regala più di un sorriso, ma è solo l’inizio. Più avanti si apre un percorso di suoni, voci e soluzioni che procede tra piege precise e svolte inattese. “Junior” è così, compatto ma sorprendente. La freddezza che può emergere da uno stile ormai rodato e conosciuto è scaldata ogni volta dove serve dalle nuove scoperte che i Röyksopp hanno conquistato nel loro tranquillo e calmo perigrinare.

Credit Foto: Stian Andersen, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons

Tracklist
1. Happy Up Here
2. The Girl And The Robot
3. Vision One
4. This Must Be It
5. Röyksopp Forever
6. Miss It So Much
7. Tricky Tricky
8. You Don't Have A Clue
9. Silver Cruiser
10. True To Life
11. It's What I Want
 

2 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Innanzitutto ottima recensione.
Il disco invece mi ha lasciato spesso perplesso, forse per la mia scarsa vocazione al pop dancefloor mainstream che fa capolino in diversi brani. Forse è una questione di gusti, ma per me i Royksopp sono morti ai tempi del loro splendido esordio

Concordo con quanto scritto sopra. per me questo disco è stato abbastanza deludente, si lasciano ascoltare le canzoni con la tipa dei Knife, “Röyksopp Forever” e poco altro, per il resto è un disco palloso e insipido. Insomma,
l’ennesima virata verso la pista da ballo, niente di nuovo sotto il sole

 

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Weezer – SZNZ: Autumn

Con l’enorme saggezza che ci contraddistingue abbiamo deciso di aspettare che calassero le temperature e arrivasse davvero ...

Holy Coves – Druids And Bards

Terzo album per i gallesi Holy Coves, un trio capeggiato dal cantante/songwriter Scott Marsden che ha tutte le carte in regola per fare ...

Dead Cross – II

Primo disco dei Dead Cross con Mike Patton ben inserito in formazione. La musica dell’esordio datato 2017, infatti, era già stata ...

Goat – Oh Death

Probabilmente hanno veramente visto la morte in faccia, la fine di un elisir col brivido del successo, la morte per consumo o stanchezza del ...

Recent Comments