THE PAINS OF BEING PURE AT HEART
The Pains Of Being Pure At Heart

[ Slumberland - 2009 ]
7.5
 
Genere: shoegaze, dream-pop
 
8 Aprile 2009
 

Come ogni mattina bisogna aprire il balcone. Lividi nel cielo bombato, aria gelida che sferza la pelle ancora accaldata. Rumori meccanici in lontananza. Ora scappo, pensi. Corro, sì, ancora in pigiama, veloce, folle, scriteriato, con un secchio di vernice fucsia per ridipingere la città e al diavolo tutto il resto.

E un’idea talmente irrealizzabile, che la mastichi con rabbiosa convinzione. E’ chiaro che sei vittima di un vagito adolescenziale, di un rimorso esistenziale che t’ingrigerà i giorni a venire. Colpa loro e dei Pains Of Being Pure At Heart suonati in sottofondo dallo stereo. Poi ripensi a chi ascolta musica per rilassarsi e sorridi amaro.

Tornare indietro nel tempo, al rumore rosa che pizzicava i neuroni, alla dolce confusione che animava le giornate. Tra melodie Smithsiane e distorsioni shoegaze, il quartetto newyorkese inanella dieci canzoni perfette, vibranti, circolari come la miglior centrifuga, essenziali come il più lucido dei sogni. Vengono in mente illustri predecessori, dai Black Tambourine agli onnipresenti My Bloody Valentine, dai Pastels agli M83. Davvero un bagno rigenerante, un Cocoon casereccio, tuffarsi nel pop maleducato di Alex, Kip, Kurt e Peggy. Mezzo ascolto e si rimane invischiati tra i solchi di questo debutto convincente, innamorati persi, come al tempo delle mele, di ogni sguardo che incrocerete per strada.

I Pains Of Being Pure At Heart in 34 minuti scarsi riassumono molto bene il concetto base del ‘pop’ di qualità, scartando il superfluo e premendo l’acceleratore tra cuore e stomaco. Dieci canzoni, dieci singoli potenziali.
Rotolano feedbacks in continuazione come caprette che scendono dal pascolo, riverberi e caramelle alla fragola che imporporano lingua e labbra. E’ tutto un gioco di rimandi e malinconie che fanno bene.
Ed ora accettate un ultimo consiglio: se proprio dovete fuggire di mattina presto, cambiatevi almeno quell’orrendo pigiama di pile marrone. Ci vuole stile nella vita. Sempre. Soprattutto nelle fughe.

Tracklist
1. Contender
2. Come Saturday
3. Young Adult Friction
4. This Love Is Fucking Right!
5. Tenure Itch
6. Stay Alive
7. Everything With You
8. Teenager in Love
9. Hey Paul
10. Gentle Sons
 
 

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...

Francesco Vannini – Non siamo ...

Francesco Vannini è un cantautore indie, ma non troppo, ma nemmeno troppo mainstream, troppo pop, di certo non rientra benissimo in una ...

Thao & The Get Down Stay Down ...

Erano oltre quattro anni che non avevamo notizie dei Thao & The Get Down Stay Down, quando la band di San Francisco aveva pubblicato il ...

Jess Williamson – Sorceress

A due anni esatti di distanza dal suo terzo LP, “Cosmic Wink”, questo weekend Jess Williamson ha pubblicato il suo successore, ...

Hayley Williams – Petals for ...

Semestre ricco di esordi, nonostante Covid-19 e rinvii vari che si sono succeduti. Uno dei più interessanti si sta dimostrando quello che ...