THE PAINS OF BEING PURE AT HEART
The Pains Of Being Pure At Heart

[ Slumberland - 2009 ]
7.5
 
Genere: shoegaze, dream-pop
 
8 Aprile 2009
 

Come ogni mattina bisogna aprire il balcone. Lividi nel cielo bombato, aria gelida che sferza la pelle ancora accaldata. Rumori meccanici in lontananza. Ora scappo, pensi. Corro, sì, ancora in pigiama, veloce, folle, scriteriato, con un secchio di vernice fucsia per ridipingere la città e al diavolo tutto il resto.

E un’idea talmente irrealizzabile, che la mastichi con rabbiosa convinzione. E’ chiaro che sei vittima di un vagito adolescenziale, di un rimorso esistenziale che t’ingrigerà i giorni a venire. Colpa loro e dei Pains Of Being Pure At Heart suonati in sottofondo dallo stereo. Poi ripensi a chi ascolta musica per rilassarsi e sorridi amaro.

Tornare indietro nel tempo, al rumore rosa che pizzicava i neuroni, alla dolce confusione che animava le giornate. Tra melodie Smithsiane e distorsioni shoegaze, il quartetto newyorkese inanella dieci canzoni perfette, vibranti, circolari come la miglior centrifuga, essenziali come il più lucido dei sogni. Vengono in mente illustri predecessori, dai Black Tambourine agli onnipresenti My Bloody Valentine, dai Pastels agli M83. Davvero un bagno rigenerante, un Cocoon casereccio, tuffarsi nel pop maleducato di Alex, Kip, Kurt e Peggy. Mezzo ascolto e si rimane invischiati tra i solchi di questo debutto convincente, innamorati persi, come al tempo delle mele, di ogni sguardo che incrocerete per strada.

I Pains Of Being Pure At Heart in 34 minuti scarsi riassumono molto bene il concetto base del ‘pop’ di qualità, scartando il superfluo e premendo l’acceleratore tra cuore e stomaco. Dieci canzoni, dieci singoli potenziali.
Rotolano feedbacks in continuazione come caprette che scendono dal pascolo, riverberi e caramelle alla fragola che imporporano lingua e labbra. E’ tutto un gioco di rimandi e malinconie che fanno bene.
Ed ora accettate un ultimo consiglio: se proprio dovete fuggire di mattina presto, cambiatevi almeno quell’orrendo pigiama di pile marrone. Ci vuole stile nella vita. Sempre. Soprattutto nelle fughe.

Tracklist
1. Contender
2. Come Saturday
3. Young Adult Friction
4. This Love Is Fucking Right!
5. Tenure Itch
6. Stay Alive
7. Everything With You
8. Teenager in Love
9. Hey Paul
10. Gentle Sons
 
 

FUR – Facing Home Mixtape EP

I FUR ci fanno perdere la trebisonda e ci mandano metodicamente in brodo di giuggiole, con la loro indole rétro che, ovviamente, si ...

Love Fame Tragedy – Wherever ...

Quest’anno alcuni ex leader di indie rock band made in UK hanno pubblicato i loro primi lavori da solisti. Si parla, ad esempio, di ...

Julianna Barwick – Healing Is ...

L’artista statunitense Julianna Barwick, di stanza a Brooklyn dopo i primi anni trascorsi tra Louisiana, dove è nata, e Missouri, con ...

Rufus Wainwright – Unfollow ...

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il ...

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...