YEAH YEAH YEAHS
It’s A Blitz

[ Interscope - 2009 ]
8
 
Genere: alternative rock
 
4 Maggio 2009
 

Correndo in un bosco addormentato dalla primavera svogliata, il mio lettore, nella sua modalità casuale, all’improvviso mi propone un brano strano: sembrano i New Order ma a cantare è Karen ‘O, con quel suo modo unico di attorcigliare la voce su se stessa con una sensualità rara.
Mi fermo e guardo: Yeah Yeah Yeahs, “Zero”.

Lo stupore è ovviamente grande nel sentire una band garage che punta decisamente agli alternative dancefloors, ricordando i primi Killers.
A questo punto il mondo potrebbe dividersi in due: da una parte il partito degli ‘eranomeglioprimisti’ e dall’altra gli irriducibili “cambiamentisti”.
Ma ascoltando bene il disco, ripetutamente se ne colgono le sfumature e si capisce che il prodotto è di spessore.

Nessun suono è fuori posto, frutto di un ottimo lavoro di produzione affidato ad un vecchio drago di nome Nick Launay (Nick Cave, Arcade Fire, Talking Heads) assieme a Dave Sitek dei TV On The Radio.
Dalla perfetta “Zero”, una techno-rock ballad, il disco propone una magica “Head Will Roll” dove Karen ‘O ci incanta con degli urletti ritmati che si insinuano nella nostra memoria in maniera quasi indelebile.
Quando ormai il sudore scorre sulla nostra pelle, ecco che il disco rallenta con una struggente “Skeleton” che sembra proseguire anche nel brano dopo “Dull Life” che, dopo un inizio addormentato, ci riporta ai suoni cui gli Yeah Yeah Yeahs ci avevano abituati.
Poi un’altra pausa (“Runaway”) prima del finale: “Dragon Queen” sa di mid-eighties disco, poi il ritmo cala verso un finale quasi addormentato da una perfetta “Champagne Supernovesca” ballata dal titolo “Little Shadow”.
Chi comprerà la versione De Luxe avrà ancora alcune perle acustiche da assaporare.

Una volta ascoltato fino in fondo più volte questo disco mi schiero decisamente (ed inaspettatamente) dalla parte dei ‘cambiamentisti’: parliamoci chiaro, il genere garage rischia a lungo andare di sfociare nella mera autocelebrazione e quindi gli Yeah Yeah Yeahs hanno fatto bene a cambiare.
Se poi il cambiamento è di questo livello non resta che togliersi il cappello e inchinarsi.

INDESCRIVIBILE

Tracklist
1. Zero
2. Heads Will Roll
3. Soft Shock
4. Skeletons
5. Dull Life
6. Shame And Fortune
7. Runaway
8. Dragon Queen
9. Hysteric
10. Little Shadow
 
 

Rufus Wainwright – Unfollow ...

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il ...

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...

Alain Johannes – Hum

Il nome di Alain Johannes non è certo sconosciuto agli appassionati della matrice più alternativa e avventurosa del rock. Produttore, ...

Hockey Dad – Brain Candy

Ritornano gli Hockey Dad a due anni e mezzo di distanza dal loro sophomore, “Blend Inn”: la divertente band surf-pop del New South ...

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...