SEELAND
Tomorrow Today

 
 
di Alessandro "AleBon" Bonetti
13 maggio 2009
 

Un tuffo nel passato, un cedere di colpo alla nostalgia di un’epoca musicale che ha disseminato molteplici ricordi nei non più giovanissimi. Si perchè i Seeland hanno deciso di rinvangare quell’elettro-pop anni Ottanta che sembrava morto e sepolto per un tentativo che al massimo risulta inoffensivo.

Certo “Tomorrow Today” regala alcuni momenti spensierati e di buona fattura, fatto da non sottovalutare in questi tempi di magra. Ma nel complesso la pur sufficiente proposta non riesce a catturare appieno l’attenzione dell’ascoltatore, peccando di profondità nei frangenti cruciali. Le piacevoli trame sonore avvolte da un’abbondante spolverata di silicio intrattengono senza lasciare il segno a causa di un’architettura musicale che raramente rischia qualcosina in più. Ciononostante tracce come la stranamente vivace e coinvolgente “Turnaround” e l’eterea “Static Object” lasciano intravedere un potenziale che, se sfruttato a dovere, potrebbe dare discreti frutti nelle uscite future.

I Seeland hanno svolto il loro compitino senza particolari sbavature, partorendo un lavoro che rischia di passare inosservato nell’affollato calderone musicale pop.

Tomorrow Today [ Loaf - 2009 ]
BUY HERE
Similar Artist: Broadcast, Plove, Stereolab
Rating:
1. Burning Pages
2. Hang On Lucifer
3. Colour Dream
4. Turnaround
5. Captured
6. Library
7. Goodbye
8. Static Object
9. Station Sky
10. Call The Incredible
11. 5 A.M.
12. Pretty Bird
Tracklist
 
 

Morning Tea – Nobody Gets A ...

Mattia Frenno è nato nel 1988, ma vanta già una buona esperienza con il gruppo…

The Fire – Bittersweet EP

Dal 2005 i The Fire hanno portato la loro musica in giro per l’Europa, dividendo…

Feet Down Below – S/T

I piacentini Feet Down Below, non sono quelle band che si tuffano a capofitto in…

Wet Floor – Profezia In 12 ...

Idolatria “fuck off”, questo gira come valore supremo nel nuovo disco dei monzesi Wet Floor,…

Andy Stott – Faith In ...

In che direzione si muove Andy Stott? Dopo “Luxury Problems” era inutile cercare di…