GAZEBO PENGUINS
The Name Is Not The Named

 
 
25 maggio 2009
 

Primo full-lenght per i tre pinguini dopo l’ep ”Penguinvasion”.
Il titolo recita ”The Name Is Not The Named”, frase del polacco Korzybski, e a me già torna in mente l’esame di logica, a scoppio ritardato quello d’ epistemologia; sillogismi, deduzioni, terzo escluso…insomma pura filosofia raccolta in formule statiche, roba pesante che toglie la gioia del pensiero più acuto, dell’intuizione geniale. E allora ribaltiamo tutto, il nome non è la cosa designata dal nome, tu non sei tu, quello che indichi non è quello che vedi, quindi fregatene inserisci il cd nello stereo e buttati giù dal balcone.
Tanto la musica che sentirai non è musica, e quelle non sono canzoni, e questa recensione non è una recensione.

Tutto quello che c’è di vero è energia post-punk pompata a manetta, amore incontrastato anche se tu sei sulla strada in una pozza di sangue (ma ormai dovresti sapere che quello non è sangue), chitarrone scazzate che girano e rigirano creando pathos e atmosfere, lo sballato in astinenza di adrenalina pura che impenna sul motore, la vecchietta che bastona il maleducato di turno perché si è rotta i coglioni dei classici schemi e scopre che la vecchiaia è solo un illusione.
E dalla tua finestra le casse continuano a pompare, ritmi veloci, ossessivi, disperatamente sparati nella degna di nota ”Babo Vs Mollica At The Gate”, da citare anche ”Mary Mongò Used To Call Me Igino” leggermente più rilassata. Mentre i primi secondi di ”Maybe In December” fanno pensare a un entrata iper pompata di una band metal, i pinguini si ingegnano e portano in porto un crescendo che segna un altro episodio a cui strizzare l’occhio; insomma un lavoro basato sull’energia del power-trio che cerca di scombussolarti la giornata, rovesciarti la mente e spaccarti i timpani, ma sempre con la riserva del dubbio che quelli non siano timpani, e che tu non sia una persona. Tutto pare un inganno, una bleffa, un’allucinazione.
Sono loro i nostri illusionisti.

The Name Is Not The Named
[ Suiteside – 2009 ]
Similar Artist: Fugazi, At The Drive-In, Forward Russia
Rating:
1. You & Me & Dave
2. Babo Vs Mollica At The Gates
3. Harsh Realm
4. Mary Mongò Used To Call Me Igino
5. Banjochitarra
6. Maybe In December
7. Back In Blake
8. Robert Mitchum Stole My Girlfriend On The Battigia
9. All The Pregnants Are In Love
10. Wallabee
11. There’s Never Goodbye For Motorpsycho’s Fans
Tracklist
 
 

Charles Bradley – Black ...

Triste pensare che la Daptone, etichetta responsabile di un bel revival soul funk nel nuovo millennio, abbia dovuto salutare negli anni ...

Anderson .Paak – Oxnard

Una produzione di lusso, collaborazioni stellari e un talento non da meno. Ecco i tre ingredienti fondamentali di Oxnard, il nuovo album di ...

Boygenius – Boygenius EP

Le Boygenius, spaccano e lo dimostrano con il primo Ep omonimo appena uscito. Un supergruppo vibrante giovane e cazzuto,  formatosi per ...

Maiole – Cose Pese

Dopo aver sposato, in un certo senso, una causa ben preicsa in “Music for Europe”, Marco Maiole è tornato a distanza di pochissimo ...

Bad Moves – Tell No One

I Bad Moves sono un quartetto di Washington DC, ragazzi uniti da una vera amicizia e tanta passione per la musica. Ce ne sono migliaia di ...