banner

FANFARLO
Reservoir

27 maggio 2009

TAGS:

Il dibattito sulle etichette, tanto major quanto indipendenti, sul loro peso nella crisi discografica, sul loro ruolo in tempi di internet è lungo, articolato e soprattutto lontano da questa sede. Un elemento da aggiungere a ragionamenti e riflessioni salta però fuori inevitabile guardando a “Reservoir”, album d’esordio per i Fanfarlo. Di questi cinque londinesi si parla con insistenza da ormai almeno un paio d’anni. Hanno pubblicato una serie di singoli accolti puntualmente con grandi elogi edentusiasmo , hanno alle spalle una lunga lista di concerti, con tour importanti e prestigiose puntate statunitensi, hanno raccolto una schiera numerosa (e crescente) di fan che fino ad oggi ha atteso impaziente il debutto del gruppo sulla lunga distanza.

Si guarda a tutto questo e poi si guarda a “Reservoir”, uscito autoprodotto in una confezione essenziale (ma anche economica, con 10 sterline ve lo portate a casa), e qualcosa sembra non tornare. Se siano i Fanfarlo ad avere pretese eccessive di integrità artistica o la discografia più o meno indipendente ad essere troppo prudente (per non dire miope) non è dato sapere. La sorpresa però rimane. Una pezza a questo “buco discografico” la mette ora la Rough Trade, con l’annuncio di un’edizione limitata di “Reservoir”: solo 500 copie, ma con un packaging di prestigio, degno di quella che è ad oggi una delle uscite migliori della stagione.

Basta un ascolto veloce, anche distratto, alle undici tracce in scaletta per rendersene conto, per capire di essere davanti a qualcosa di serio: non l’ennesimo gruppo usa-e-getta, ma una band di talento, che ha parecchie cose da dire e che ha appena iniziato a dirle. Il primo nome da fare, associazione d’idee immediata, è Arcade Fire . L’idea di pop orchestrale attraversa tutto l’album, sostenuta dalla presenza forte di tromba e violino e rafforzata dalla voce calda di SimonBalthazar (inglese d’adozione, di origini svedesi). E quello che non manca mai è l’immediatezza, inseguita e trovata tanto nei momenti più scorrevoli (“The Walls Are Coming Down”) che in quelli più tranquilli (l’iniziale “I’m A Pilot”, ma anche la ballata soffusa “If It Is Growing”).

Per chi segue già da qualche tempo il nome Fanfarlo non serve spendere troppe parole d’elogio guardando alla saltellante “Harold T. Wilkins” o alla splendida “Fire Escape”, decorata con un tocco sintetico che omaggia i Grandaddy, entrambe già pubblicate come singoli su sette pollici. “Luna” può sorprendere invece anche i fan più devoti per la decisione con cui si getta suldancefloor senza rischiare di perdere coerenza o equilibrio, cullando l’esuberanza d’apertura con il valzer ondeggiante che riempie il finale.

The National e Okkervil River sono altri due nomi che sembra impossibile non citare, soprattutto dopo aver ascoltato “Drowning Man” e i crescendo incalzanti di “Ghosts” e “Finish Line”. Ma i Fanfarlo sono davvero ben oltre la somma delle influenze e dei nomi che vengono in mente, “Reservoir” lo dimostra molto bene. Questo esordio racconta con chiarezza estrema di una band a cui non manca il talento: un gruppo capace di costruire orchestrazioni pop articolate e immediate allo stesso tempo, da portare di volta in volta in direzioni diverse. E conoscendo i Fanfarlo, le strade rimaste da esplorare sono ancora molte.

Reservoir [ self-released - 2009 ]
BUY HERE
Similar Artist: Arcade Fire, Okkervil River, The National, Grandaddy
Rating:
1. I’m A Pilot
2. Ghosts
3. Luna
4. Comets
5. Fire Escape
6. The Walls Are Coming Down
7. Drowning Men
8. If It Is Growing
9. Harold T. Wilkins, Or How To Wait For A Very Long Time
10. Finish Line
11. Good Morning Midnight

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…

Earthbeat

BE FOREST
Earthbeat

Ambientazione: Pesaro, Italian east-coast.
Campo lungo. Il mare in inverno. Una distesa plumbea, sconfinata…

Future’s Void

EMA
Future’s Void

Fuori dalle città disperse nel nulla – quei punti luminosi in mezzo a zone…