PIERS FACCINI
Two Grains Of Sand

[ Tôt ou tard - 2009 ]
6.5
 
Genere: songwriting, folk
 
29 Maggio 2009
 

Piers Faccini non propone nulla di innovativo. Tutto ciò che canta e suona è già stato cantato e suonato con successo da artisti del calibro di Neil Young, Bob Dylan, Nick Drake, James Taylor, Ben Harper.
Piers Faccini è un bravo artista e propone musica di qualità con passione e dedizione. “Two Grains Of Sand” continua il discorso dei lavori precedenti, è delicato e toccante, vola via in men che non si dica e, a fine ascolto, si ha quasi voglia di rimettere il cd d’accapo e riascoltarlo.

La voce di Piers è avvolgente e calda e dà il meglio in episodi romantici e intimisti come “To See Is To Believe” che non sfigurerebbe in un film di Wong Kar Wai.
Ma è un artista che non lascia il segno, nonostante le sue innumerevoli qualità, si propone come un doppio di Damien Rice e offre con l’umiltà di un monaco ascetico e la malinconia di un songwriter solo una manciata di canzoni piacevoli.
I brani sono supportati da una struttura ritmica ridotta, appaiono come la normale evoluzione di un provino e sono bozze, piccoli ritratti in cui vi sono diverse sfumature che, talvolta, riecheggiano il classico paesaggio americano e altre volte rimandano alle dolci notti mediterranee e orientali.
D’altronde, Piers Faccini è un pittore prestato alla musica (o un musicista prestato alla pittura) ed è una persona che mette tutto se stesso nelle canzoni che, inevitabilmente, sono il riflesso di una persona pacata, dedita alla famiglia e alla tranquillità.

“Two Grains Of Sand” è un album fatto di cose semplici, è pregno di riflessioni sulla morte, sul futuro, sull’amore, è quasi un sillabario in musica.
Sono canzoni che sfiorano, accarezzano ma non rimangono, sfuggenti e intangibili.
Certamente da un artista come Faccini ci aspettiamo tanti altri lavori di qualità come questo ma è anche necessario che si metta in discussione, che metta a disposizione di un progetto parallelo la sua vena creativa

Tracklist
1. Two Grains of Sand
2. The Wind That Blows
3. Your Name No More
4. To See is to Believe
5. Who Loves the Shade
6. Home Away From Home
7. A Storm is Going to Come
8. Time of Nought
9. Save a Place For Me
10. The Dust in Our Eyes
11. Strangers
12. My Bruden is Light
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments