THE HORRORS
Primary Colours

[ Beggars Banquet - 2009 ]
 
Genere: indie-rock
Tags:
 
1 Giugno 2009
 

Un afoso Primo Maggio di due anni fa li vidi passeggiare per le vie del centro di Bologna, e luce fu. I passanti li guardavano come fossero alieni e loro semplicemente non prestavano la minima attenzione a nessuno: non uno sguardo storto, non un battito di ciglia, non una parola di troppo, solo superiorità. Con grande classe sono entrati in un ristorante del centro e hanno ordinato da mangiare. Non ho potuto verificare cosa ordinarono, però due sere più tardi gli Horrors diedero vita ad una performance memorabile, una di quelle che restano scolpite a fuoco nella memoria di coloro che hanno avuto il privilegio di prendervi parte.

Erano i tempi del primo tour e gli Horrors erano una band fatta di ragazzi che lottavano per emergere e ci davano dentro senza compromessi, producendo musica assolutamente fuori dagli schemi precostituiti da NME et altra stampa specializzata (che pure per un certo periodo di tempo ha osato metterli in copertina). Il successo di massa che tutti si aspettavano purtroppo per loro non è arrivato ma ancora oggi non un briciolo di quello spirito e di quella attitudine sono andati perduti, ed un disco come “Primary Colours” sta lì a dimostrarlo in tutto il suo splendore.

A livello mainstream (e forse anche a livello underground) nulla suonava come gli Horrors due anni fa e nulla suona come gli Horrors oggi, solo che “Primary Colours” non c’entra assolutamente nulla col loro fantastico debut album “Strange House”, e ciò è cosa buona e giusta. Sembra il disco di un’altra band: tanto era grezzo e spigoloso “Strange House”, tanto è dopato e curato nei minimi particolari “Primary Colours”. Vien quasi da pensare che i ragazzi abbiano smesso con anfetamine e siano passati ai tranquillanti e/o agli oppioidi (magari associati all’alcool per un’azione di geometrica potenza), ma probabilmente è solo questione di ‘hanno allargato i loro orizzonti’, ‘han voluto fare qualcosa di nuovo e ci sono riusciti benissimo’, ‘hanno messo nero su bianco il disco che hanno sempre avuto in testa ma che finora non erano ancora stati in grado di concretizzare’, ‘la produzione di Geoff Barrow dei Portishead ha fatto il resto e ne è venuto fuori quello che potrebbe anche essere classificato come capolavoro’.

È shoegazing? È post-punk? È kraut? È depressione? È Julian Cope sano di mente? È la descrizione calligrafica di una tossicodipendenza? Francamente non lo so, però “Primary Colours” inizia, se ne va giù in un sorso e ricomincia, perché non si può fare a meno di riascoltarlo una, due, tre volte e ricominciare senza provare noia o stanchezza. Contiene tutto ciò che serve per essere felici nella propria paranoia: “Scarlet Fields” è quasi una “Smells Like Teen Spirit” versione 2.0 suonata a velocità dimezzata, “Who Can Say”, la title track e “I Can’t Control Myself” sono ciò che avrebbero potuto essere i New Order se Ian Curtis dei Joy Division non si fosse mai impiccato, “Mirrors Image” dimostra come la lezione impartitaci dai My Bloody Valentine sia tuttora valida e possa essere utilizzata in contesti più danzerecci, “Sea Within a Sea” dimostra come la lezione impartitaci dai Neu! sia tuttora valida e possa essere utilizzata in contesti più danzerecci, “I Only Think of You” probabilmente è dedicata al Tavor e dimostra come la lezione impartitaci da certi laboratori chimici svizzeri sia tuttora valida nonostante non possa essere utilizzata in contesti più danzerecci.

Insomma, un disco di qualità superiore che nemmeno stavolta porterà gli Horrors al successo di massa. Ma va benissimo così. Gli Horrors non sono i Jonas Brothers.

Tracklist
1. Mirror's Image
2. Three Decades
3. Who Can Say
4. Do You Remember
5. New Ice Age
6. Scarlet Fields
7. I Only Think Of You
8. I Can't Control Myself
9. Primary Colours
10. Sea Within A Sea
 

9 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Onore a chi ha avuto il coraggio di dare le 5 stelle a questo disco, porcodd*.
E in culo ai democristiani.

Sono troppo vecchio per gli Horrors:-)

Confermo al 1000%: mio malgrado devo ammettere che questo è uno dei dischi dell’anno, e due pezzi come NEW ICE AGE e SCARLET FIELDS sono tra i più fichi degli ultimi anni…anche se a vedere come si conciano sarebbero da prendere a cintate in faccia, sono tutt’altro che solo l’ennesimo hype di nme..

mah, ho ascoltato il disco, tropa era la curiosità. DEvo dire che è fatto davvero molto bene, anche se comunque ergerlo a capolavoro non ci riesco. Troppo facile fare musica così adesso. Ok essere derivativi, però nel 2009 uscirsene con un disco così, che non fa una piega comunque, manca di quel tocco di imprevedibilità. Comunque sono bravi.

concordo per quanto riguarda la loro assoluta derivatività (si può dire? XD) però dai, ora come ora ci sta. bello bello bello, a me è piaciuto davvero molto.

…io darei qualche cinghiatina pure a un liam gallagher con giacchetto di pelle fuxia, che dici Dà?

se proprio ho voglia di ascolto, mi vado a cercare gli ORIGINALI, e non dei pur bravi epigoni.

si può dire che suona un disco “poser”?
visti a Milano l’altra sera non mi hanno convinto anche se non hanno nemmeno fatto brutta figura (meglio i caribou). In definitiva troppo simili ai manichini di american apparel (anche i suoni). Faccio una previsione: soon finiranno per stufare anche chi ora se li gode. In my opinion osano troppo poco…

 

Alex G – God Save The Animals

Nono album (e quarto per la Domino) per il prolifico Alexander Giannascoli da Havertown, Pennsylvania: il disco, che arriva a tre anni dal ...

Crack Cloud – Tough baby

Tornano i Crack Cloud, collettivo di Vancouver che continua ad esprimersi in maniere indipendente e che riesce ancora a confermare le ...

Cesare Malfatti – I Catari di ...

Cesare Malfatti non è un detective ma dell’investigatore ha l’acume e l’indole soprattutto quando la sua innata curiosità lo spinge ...

Johnny DalBasso – Lo Stato ...

Avevamo lasciato Johnny DalBasso qualche mese fa alle prese con i sei brani de “Lo Stato Canaglia”, progetto di ampio respiro che il ...

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

Recent Comments