THE HACIENDA
Conversation Less [EP]

 
Tags:
 
5 Giugno 2009
 

Una bella fiorentina sul piatto, di quelle toste, enormi, che ti lasciano stordito e senza nessuna voglia di alzarti dal tavolo. Gli Hacienda, anche loro fiorentini, tirano fuori questo ep ”Conversation Less” bello e sostanzioso, proprio come la loro conterranea prelibatezza. In passato la band ha vinto il Rockcontest 2005 e ha pure calcato i palchi europei aprendo per gente del tipo Mando Diao, The Wombats e The Others.

Salta subito all’occhio che The Hacienda perseguono l’indie-rock prettamente british, insomma uno dei più classici brit-rock annacquato con un attitudine punk, che con un ascolto più approfondito rivela molte cose interessanti. Si possono trovare gli Smiths in ”Small Town Boyfriend”, c’è il tocco jammiano di Paul Weller in pezzi come ”1am” e ”Goodbye Stilt Walker”, se dovessimo collocarli in una prospettiva odierna direi che si avvicinano molto ai Good Shoes e ai Paddingtons; ma appaiono anche ombre americane quali The Vines e The Strokes.

Un’ ossessiva ricerca del riff giusto, del ritornello appiccicoso biascicato con un accento cockney e del ritmo che faccia muovere il culo a più persone possibili fa capire che i ragazzi ci credono in quello che fanno, e anche XFM Manchester ci crede (finirono tra le tre bands della settimana della radio mancuniana in passato), molto probabilmente hanno capito anche loro che una bella fiorentina è molto più sostanziosa e ricca di qualche fish&chip tanto blasonato delle loro parti.
”Conversation Less” è la pietra che afferma le capacità della band dopo una lunga serie di live, speriamo che questa pietra sia anche la base di un successo futuro, intanto saziatevi per bene con questo ep.

Cover Album
Band Site
MySpace
Conversation Less (EP) [ Black Candy – 2009 ]
BUY HERE
Similar Artist: Good Shoes, Paddingtons, The Vines, The Jam
Rating:
1. Goodbye Stilt Walker
2. 1am
3. Little Boy
4. Conversation Less
5. Small Town Boyfriend
6. Mirrors
Tracklist
 

2 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

peccato che i vines siano australiani, imbecille

 

Alex G – God Save The Animals

Nono album (e quarto per la Domino) per il prolifico Alexander Giannascoli da Havertown, Pennsylvania: il disco, che arriva a tre anni dal ...

Crack Cloud – Tough baby

Tornano i Crack Cloud, collettivo di Vancouver che continua ad esprimersi in maniere indipendente e che riesce ancora a confermare le ...

Cesare Malfatti – I Catari di ...

Cesare Malfatti non è un detective ma dell’investigatore ha l’acume e l’indole soprattutto quando la sua innata curiosità lo spinge ...

Johnny DalBasso – Lo Stato ...

Avevamo lasciato Johnny DalBasso qualche mese fa alle prese con i sei brani de “Lo Stato Canaglia”, progetto di ampio respiro che il ...

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

Recent Comments