PHOENIX
Wolfgang Amadeus Phoenix

 
Tags:
 
15 giugno 2009
 

A volte è bene partire dalla fine, anche quando la fine è più vicina al principio che alla conclusione. Le due parti di cui si compone “Love Like A Sunset” occupano lo spazio che precede la metà della scaletta, eppure “Love Like A Sunset ” è la classica canzone da piazzare in fondo al disco. Una lunga apertura strumentale, giocata su accumulo di suoni e accelerazioni in due crescendo successivi, che lascia spazio nella seconda parte a una svolta melodica più lineare, i colpi di una chitarra acustica che spiccano sulla trama sintetica e la voce di Thomas Mars che canta: Right where it starts it ends / And then we start the end. Dovrebbe essere la fine, potrebbe benissimo esserlo, però c’è ancora spazio per metà disco. Il quarto lavoro in studio a nome Phoenix è una fila di canzoni che scorrono inesorabili, una dopo l’altra senza sbavature. Una scaletta da mettere in loop, che non teme sbilanciamenti. Quella “Love Like A Sunset” è l’unica barriera, l’unico spazio concesso al respiro.

Con “Wolfgang Amadeus Phoenix” la band francese mette a punto una formula implacabile. Bilancia un’anima tutta sintetica, vicina agli Air e ai Daft Punk più eterei, con solidi meccanismi pop-rock di stampo britannico, guidati dalla classica triade chitarra-basso-batteria e spinti avanti dalla voce di Thomas Mars, ritmata, sempre melodica, sempre a pochi passi dall’isteria.

“1901” è forse il caso più paradigmatico: l’incedere regolare delle tastiere, che richiama strutture rigide vicine agli anni ’80, si incastra in modo sorprendentemente preciso con la forza d’urto dinamica delle chitarre e con una base ritmica aperta e inarrestabile. Il cantato, poi, alto e presente, aggiunge la spinta decisiva per rendere il brano niente meno che irresistibile. Così come del tutto contagioso è il singolo di lancio, “Lisztomania”, lucido e perfetto, tanto diretto da non lasciare il tempo a ragionamenti o pensieri. Colpisce, passa e lascia storditi, pieni della voglia di premere di nuovo il dito sul tasto play.

E discorsi molto simili possono essere fatti per tutti gli altri brani in scaletta. Escluso il caso di “Love Like A Sunset”, “Wolfgang Amadeus Phoenix” è uno di quei dischi in cui tutte le canzoni possono aspirare a essere estratte come singolo: tanto i momenti più tirati come “Girlfriend”, “Lasso” o “Armistice”, che quelli in cui il ritmo cala un poco, ad esempio “Fences” o la splendida “Rome”.

Con il loro quarto lavoro in studio i Phoenix sembrano aver trovato una formula perfetta, quasi troppo perfetta. L’ascolto è talmente tanto lucido, privo di crepe o incertezze, che rischia di scivolare via a una velocità troppo elevata per riuscire a lasciare un segno. Le canzoni però, come nelle favole più belle, fanno la differenza: una serie di trappole implacabili da cui sembra impossibile riuscire a fuggire. Minuti di musica capaci ogni volta, in ogni singola occasione, di bilanciare l’abbaglio della precisione con i meriti innegabili dell’immediatezza.

Cover Album

Wolfgang Amadeus Phoenix
[ Glassnote – 2009 ]
Similar Artist: Air, The Teenagers, Hot Chip, Daft Punk
Rating:
1. Lisztomania
2. 1901
3. Fences
4. Love Like A Sunset Part I
5. Love Like A Sunset Part II
6. Lasso
7. Rome
8. Countdown
9. Girlfriend
10. Armistice
Tracklist
 
 

Gruff Rhys – Pang!

Gruff Rhys ama cambiare, stupire. Difficile trovare un filo conduttore nell’ormai lunga carriera solista del frontman dei Super Furry ...

Lana Del Rey – Norman Fucking ...

Ogni volta che Lana Del Rey pubblica un album il dibattito tra estimatori e detrattori della musica di Elizabeth Grant diventa sempre più ...

Kazu Makino – Adult Baby

Siamo abituati a sentire la voce eterea di Kazu Makino nei Blonde Redhead a fianco dei gemelli Simone e Amedeo Pace, ma ora Kazu ha deciso ...

Frankie Cosmos – Close It ...

Sempre molto prolifica la giovane Greta Kline, titolare del progetto Frankie Cosmos: dopo un anno e mezzo dal precedente “Vessel”, ...

The Futureheads – Powers

Aspetti positivi: i ritorni sono sempre graditi. Specie se le cose che più si ricordano negli ultimi anni circa la band di Sunderland sono ...