AU
Verbs

 
Tags:
 
23 Settembre 2009
 

Portland. Sono tanti gli artisti interessanti di questa magnifica città dell’Oregon: dal pop eccentrico di Yacht, alle schitarrate dei Menomena, Blitzen Trapper, The Thermals fino a scendere in quel sottobosco di sperimentazioni sonore caratterizzate da band come Parenthetical Girls, Yellow Swans e infine anche i nostri AU qui sugli attenti.
Ed è proprio di questo colorito supporto concittadino che si è servito Luke Wyland, leader del progetto, così all’appello troviamo più di una ventina di collaborazioni con artisti oregoniani di eccelsa fattura. Il risultato è un misto di semi-improvvisazioni strumentali, tra jazz, rock (nel senso contemporaneo del termine) e folk, immersi, quasi affogati, in un pantano di psichedelie chitarristiche, corali e sometimes elettriche.
Chiamiamolo weird folk, post folk, psych folk, quello che a noi interessa ora è che stiamo parlando di un disco assolutamente intrigante, e anche se a parlarne non sembra qualcosa di così accessibile, il lavoro in questione sorprende e affascina già ai primi ascolti.

“All My Friends” con la sua cantilena gospel-tribale ci prepara a questo universo caotico, imprevedibile e inafferrabile che i nostri sono riusciti a creare. Così il caos di cori animaleschi e battiti di mani si riordina improvvisamente in una sorta di sessione nu-jazz in “Are Animals”, poi sibili e ululati ‘godspeediani’ (“Summerheat”) e le musiche da giostra campagnola di “RR vs D”. Minimalismi pianistici con orchestra canterina in “All Myself”, “Prelude” e “The Waltz” invece sembrano davvero richiamare una certa “costellazione” canadese. Infine la melanconica “Sleep”: una candida chitarra, minimale, attimi di silenzio e una voce cupa quasi sussurrante.

“Verbs” è un orchestra in continua evoluzione. Sembra di entrare in una cittadina amish e ballare ad una festa di fine raccolto. Questo lavoro vuole essere lontano dai tempi, rivendicando forse un modo di suonare e far musica che ormai da qualche anno non ne si vede traccia. Attendiamo il prossimo ‘episodio’ con curiosità e grosse aspettative. Intanto godiamoci questo disco che sembra un buon modo per trascorrere certe serate uggiose e piovose di fine estate.

Cover Album

Verbs
[ Aagoo – 2009 ]
Similar Artist: Akron/Family, Animal Collective, Silver Mt. Zion, Atlas Sound, Parenthetical Girls
Rating:
1. All My Friends
2. Are Animals
3. Summerheat
4. RR Vs. D
5. All Myself
6. Two Seasons
7. Prelude
8. The Waltz
9. Sleep
Tracklist
 
 

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...

Lomelda – Hannah

E’ passato appena un anno e mezzo dall’uscita di “M For Empathy”, il terzo album di Lomelda, ma nei giorni scorsi la folk-singer ...

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...