SIMIAN MOBILE DISCO
Temporary Pleasure

 
 
23 Settembre 2009
 

La chiave di volta per capire un disco come “Temporary Pleasure” sta tutta in un dettaglio semplice come premere il tasto skit del proprio impianto stereo fermandosi solo in occasione del singolo “Audacity of Huge”, di “Bad Blood” (sad techno-ballad con Alexis Taylor degli Hot Chip alla voce, un capolavoro che sembra scritto in pieno down da ecstasy) e dell’interessante electro-soul track “Cruel Intentions”: al primo ascolto vai in delirio perché ha tutte le carte in regola per sembrare il disco dell’anno, al secondo ascolto inizi repentinamente a cambiare idea e a renderti conto che forse si tratta sul serio di un temporaneo senso di piacere, al terzo devi interrompere dopo poco perché sopraggiunge un certo senso di noia che ti assale e sembra non volersene andare via più mentre al quarto decidi che vale la pena di ascoltare solo le tracce salienti e saltare con arroganza tutto il resto, che di dischi composti da un 70% di fuffa e un 30% di cose valide giustamente ne hai piene le scatole.

Ci si sarebbe aspettati di più dai Simian Mobile Disco e, soprattutto, da un produttore con i controcazzi come James Ford. E invece “Temporary Pleasure” è un’opera che, togliendo un paio di brani-bomba che oggettivamente valgono molto, annoia parecchio e porta l’ascoltatore ad interrogarsi sul perché i Simian Mobile Disco si siano ostinati a voler cercare di replicare un successo (relativamente) clamoroso scegliendo di ripercorrere sentieri già ampiamente battuti invece di cercare di guardare avanti portando il discorso laddove i loro imitatori non osano arrivare.

In sostanza “Temporary Pleasure” è un disco praticamente uguale al precedente, però manca l’effetto sorpresa e c’è molta meno convinzione che in passato. Tutto bene finché i Simian si fermano alla canonica forma canzone, meno bene quando escono da questo schema e danno vita a episodi tech-house che sembrano scritti col pilota automatico. Rimandati al prossimo disco (sempre se avranno voglia e tempo di mettersi ancora al laptop a scrivere materiale nuovo – si sa, le mode passano in fretta e magari in occasione del prossimo disco i Simian imbracceranno chitarroni metal).

Cover Album

Temporary Pleasure
[ Wichite – 2009 ]
Similar Artist: Lcd Soundsystem, Technotronic, Vitalic, Justice
Rating:
1. Cream Dream
2. Audacity of Huge
3. 10000 Horses Can’t Be Wrong
4. Cruel Intentions
5. Off the Map
6. Synthesise
7. Bad Blood
8. Turn Up the Dial
9. Ambulance
10. Pinball

SIMIAN MOBILE DISCO su IndieForBunnies:

Tracklist
 
 

Nadine Shah – Kitchen Sink

Tre anni dopo “Holiday Destination” torna Nadine Shah con un disco conturbante, diverso da quanto fatto in passato anche se non certo ...

Pottery – Welcome To ...

Ci fanno assaggiare il loro valore i Pottery che questo weekend hanno pubblicato il loro debutto full-length, in arrivo a distanza di un ...

Cristiano Godano – Mi Ero ...

Alcuni suoni, alcune immagini, alcuni volti, alcune sensazioni, prendono vita dentro di noi, in maniera spontanea, quasi a voler evidenziare ...

Edda e Marok – Noio; volevam ...

Due mostri sacri della scena alternativa italiana, Edda e Gianni Maroccolo, hanno pensato bene durante la fase della quarantena, quando ...

bdrmm – Bedroom

Facile salire adesso sul carro dei vincitori. Facile osannare questi ragazzi stanziati in zona Hull/Leeds e definirli “nuovi eroi ...