RONIN
L’Ultimo Re

 
 
28 Settembre 2009
 

Chiariamo subito una cosa: i Ronin ci hanno regalato il miglior disco di musica italiana di questo 2009 giunto al suo ultimo quarto. Chiariamone un’altra: non c’è traccia di pop italiano, non c’è traccia di voci, questo è un disco strumentale. Nei negozi di dischi potrebbe finire anche nella sezione colonne sonore, anche se non esiste nessun film che ne accompagni i brani. Un nome su tutti: Ennio Morricone. Un album che è un viaggio polveroso e caldo attraserso le lande desolate del vecchio west americano, in cui l’anima attraversa numerosi stadi di tensione emotiva ed è sempre pronta ad esplodere in adrenalinico furore. Echi di surf e scottature da sole ardente. Strade bruciate dal tempo e orizzonti sfocati, acqua come beffardo miraggio consolatorio.

Le note di chitarra si sciolgono dell’alcool, strati di pensieri ubriachi si sovrappingono al rullante della batteria e dalle profonde note di basso. E’ come se ogni brano costruisse un quadro di insieme che sfuma di volta in volta in atmosfere dai colori caldi, intervallati da un’oscurità sempre incombente, ma lungi dall’infliggere angoscia. E’ culla di tormenti interiori, che come piante rampicanti si aggrovigliano alle nostre sensazioni. Una goccia di sudore si infrange sul pavimento con impercettibile rumore, immobile resta ferma per pochi secondi per poi svanire in un brivido di vapore acqueo. Non c’è spazio per il verde, il bianco è il blu, tutto assume i contorni lividi di una notte a lume di candela, con la luna alta in cielo e un fuoco acceso sulla collina. Fantasmi e un coyote che ulula. Un disco che costruisce vivi frammenti con la nostra immaginazione, che scalda le giornate e rende la notte perfetta, tesa, fatta di paura sottile e strisciante che ti coglie nel sonno.
Nessun incubo, soltanto il lento cullarsi nel’ineluttabilità della penombra.

Per chi non sente la necessità di redimersi da niente, che non annega nel rimpianto e che brucia al solo pensiero che la notta possa finire appena dopo l’alba. Come sempre.

Cover Album

  • MySpace
  • BUY HERE
L’Ultimo Re
[ Ghost – 2009 ]
Similar Artist: Ennio Morricone, Calexico, 16 Horsepower
Rating:
1. L’Ultimo Re
2. Fuga Del Prete
3. Meandro
4. Lo Spettro
5. Tre Miniature
6. Bleedingrim
7. Venga La Guerra
8. Morte Del Prete
9. Morte Del Re
Tracklist
 
 

Nick Cave & Warren Ellis ...

La notizia del nuovo album di Nick Cave è arrivata qualche mese fa tra le righe dei suoi “Red Hand Files”, umanissima newsletter in cui ...

The Pretty Reckless – Death ...

Come mamma l’ha fatta – con le parti intime celate da una elegante posa – si presenta la bella Taylor Momsen sulla ...

Indigo Sparke – Echo

Se andate in brodo di giuggiole per il sound folk femminile à la Marissa Nadler o Aldous Harding, allora dovete decisamente farvi il regalo ...

Madeline Kenney – Summer ...

Uscito a sorpresa lo scorso 22 gennaio un nuovo mini album, pubblicato dalla label Carpark Records, della statunitense Madeline Kenney che ...

Pale Waves – Who Am I?

“Who Am I?” Bella domanda… chi sei Heather Baron-Gracie? Avril Lavigne? Alanis Morisette? Dolores O’Riordan? Bo. Una cosa è certa: ...