THE MACCABEES
Wall Of Arms

 
 
28 Settembre 2009
 

Piccoli wavers crescono.

L’esordio dei Maccabei ci aveva sì colpiti ma non ci saremmo aspettati una loro evoluzione così impressionante. Ai tempi di “Colour It In” c’è chi li accusava di essere troppo derivativi, di essere il solito misero combo di imberbi postpunkettari dal vago piglio pop , addirittura di fare troppi pezzi uguali tra di loro. A chiudere la bocca ai detrattori ci pensa dunque questo scintillante nuovo album intitolato “Wall Of Arms”, stiloso già a partire dalla foto della copertina realizzata da Boo Ritson.

La band si dimostra capace come poche altre di rielaborare la materia wave impiegando soluzioni, progressioni e intrecci ingegnosi insieme a fantasiose geometrie ritmiche che danno il giusto brio ai brani. Su tutto regna la voce di Orlando Weeks, sconsolata, epica ma a suo modo anche dolce, eccezion fatta per il brano “No Kind Words” (l’episodio più cupo dell’album), in cui si fa severa e gelida.

Con “Love You Better” è amore a prima vista…o meglio, a primo ascolto. Il pezzo è sorretto nelle strofe da riffetti secchi che creano una sorta di “gioiosa suspence”, alle quali si alternano parti di raccordo sghembe e solari e altre ricolme di nervose pulsazioni chitarristiche, fino al nevrastenico e insieme festoso finale batticuore condito da esuberanti fiati. È un pezzo che si avviluppa velocemente intorno ai pensieri e difficilmente li abbandona. “One Hand”, “Can You Give It”, “Young Lions” sono numeri di alta classe di post-punk coloratissimo e dolceamaro, mentre “Wall Of Arms” è un pop-wave “spiaggistico” dal sapore fortemente nostalgico. Poi arriva la già citata, alienante “No Kind Words” che ci fa precipitare in una dimensione sonora alquanto inospitale. Ma i Maccabees non si fanno risucchiare dalle tenebre joydivisionane e ci regalano un’altra manciata di brani ancora migliori di quelli precedenti. “Dinosaurs”, “William Powers” e “Seventeen Hands” sono canzoni più tenere e però in qualche modo al contempo pure più spumeggianti delle altre, in cui si intravede una certa vicinanza con l’Arcade Fire-sound (guarda caso produce Markus Dravs, già al fianco della rinomata band canadese in “Neon Bible”). “Kiss and Resolve” unendo un cantato profondamente dandy a riff festosamente isterici e ritmi spediti, è un vero tuffo al cuore, un emozionantissimo e avvincente connubio di naiveté, malinconia e vitalità. La sognante “Bag And Bones” è il più delicato degli arrivederci, una dolciastra allucinazione sonora a base di cori ipnotici e fraseggi soavemente ossessivi.

Cover Album

Wall Of Arms
[ Polydor – 2009 ]
Similar Artist: XTC, Gang of Four, The Cure, Talking Heads, Arcade Fire, Echo & The Bunnymen, Joy Division
Rating:
1. Love You Better
2. One Hand Holding
3. Can You Give It?
4. Young Lions
5. Wall of Arms
6. No Kind Words
7. Dinosaurs
8. Kiss and Resolve
9. William Powers
10. Seventeen Hands
11. Bag of Bones
Tracklist
 
 

Braids – Shadow Offering

Inizia con la dichiarazione di un amore fugace contenuta nell’opening track “Here 4 U” il quarto album in studio della ...

Cloud Nothings – The Black ...

Era ottobre 2018 quando i Cloud Nothings avevano pubblicato, via Wichita Recordings, il loro quinto LP, “Last Building Burning”: ora la ...

The Beths – Jump Rope Gazers

Diamo il bentornato ai simpatici Beths di Auckland che danno un seguito al piacevolissimo esordio di due anni fa. Il quartetto cambia un ...

Khruangbin – Mordechai

Tornano i mariachi del groove texani dopo l’ottimo “Con Todo El Mundo”, e lo fanno dimostrano un invidiabile stato di ...

Sault – Untitled (Black is)

In un mondo di sovraesposizione mediatica i Sault si fanno notare per la loro misteriosa identità: arrivati al terzo album, di cui due ...