CRYSTAL STILTS
Alight Of Night

 
 
30 Settembre 2009
 

Sporco, polveroso e svagato, “Alight Of Night” è un esordio coi fiocchi, un diamante musicale grezzo che sa di darkwave primigenia, di proto-shoegaze come di alt rock fine anni 80 (come in un viaggio ideale che parte dai Joy Division e dai Modern English e arriva ai Pastels passando per Jesus And Mary Chain ).

“The Dazzled”, tanto gommosa nelle ritmiche quanto rugginosa nei suoni, ci dà il benvenuto in questa catacomba metropolitana, trappola volontaria dove sono rimasti a suonare questi strafatti newyorkesi. Si prosegue tra le notturne nostalgie urbane e i sapori oltremodo vintage che impregnano “Crystal Stilts”, una specie di malconcio cadavere rockabilly ritornato in vita. Ancora più stilose e affascinanti sono la cimiteriale “Graveyard Orbit”, “Prismatic Orbit” con i suoi ghirigori languidi di organo e “Departure”, che vira verso territori più dark. Certo è difficile scegliere quale siano le tracce più rappresentative di questo “Alight Of Night”. Sono tutti brani davvero ottimi, all’apparenza molto simili tra di loro (la batteria è sempre assolutamente essenziale, il suono è ovunque marcio, i riff sono sovente narcotici e la voce è sempre abulica e cupa), ma ognuno dotato di una vita propria, di una fortissima identità che lo contraddistingue rispetto agli altri.

“The Sinking “è un garage zozzo che accosta a una specie di strana euforia drogata toni assolutamente mortiferi. Sempre angoscianti e bisunte sono “Verdant Graze”, “Bright Night” e “Spiral Transit”. Più fragili e malinconiche sono “Shattered Shine” (toccante il ritornello strumentale con quella melodia struggente e l’armonica mielosa e triste) e soprattutto la finale, bellissima “The City On The Sea”, un po’ la “Sunday Morning” dei Crystal Stilts, che ha il compito di condurci verso l’alba, fuori da una notte di polvere, cenere e lacrime.

Cover Album

  • MySpace
  • BUY HERE
Alight Of Night
[ Slumberland – 2009 ]
Similar Artist: Wedding Present, Pastels, Modern English, Jesus And Mary Chain, Velvet Underground
Rating:
1. The Dazzled
2. Crystal Stilts
3. Graveyard Orbit
4. Prismatic Room
5. The Sinking
6. Departure
7. Shattered Shine
8. Verdant Gaze
9. Bright Night
10. Spiral Transit
11. The City in the Sea
Tracklist
 
 

Gum Country – Somewhere

Tanto nostalgico quanto piacevole. Courtney Garvin (che conosciamo per essere nei The Courtneys) e Connor Mayer ci conducono nel loro mondo ...

Arca – KiCk i

“KiCk i” è un calcio a sorpresa alla bocca dello stomaco che ti costringe a spalancare gli occhi e a guardare. Arca esiste, guardala. ...

Le voci di Gero – Il colore ...

Un disco impegnativo quello di Le voci di Gero, nome in codice di Andrea Aloisi, cantautore milanese con le idee chiare e i piedi ben ...

Altrove – Bolle

Ho seguito da vicino la lavorazione di quella miscela odorosa e raffinata che è “Bolle” sin dall’apertura dei cantieri, ...

Nic Cester – Live Across ...

Nic Cester, australiano di nascita e milanese d’adozione, ama molto l’Italia. Un affetto sincero e non di circostanza che traspare ...