banner

STARSAILOR – Live @ Magazzini (Milano, 24/09/2009)

2 ottobre 2009

TAGS:

In un mondo utopico, giovedì sera, gli Starsailor avrebbero suonato in un posto grande, con luci stratosferiche e il parcheggio a pagamento. Avrebbero suonato senza fretta in un posto strapieno di gente che cantava commossa ogni singola canzone.
Nel mondo reale, invece, giovedì sera, gli Starsailor hanno suonato ai Magazzini Generali, pieni per metà e dietro di loro solo un lenzuolo raffigurante la copertina dell’ultimo disco. Hanno iniziato presto e soprattutto hanno finito presto per lasciare spazio a una qualche festa di Radio Deejay.

Ma non importa. Non è questo il punto.
Il punto fondamentale è che non capita spesso di uscire così soddisfatti da un concerto, soprattutto quando non ci si aspetta grandi cose.
E invece le grandi cose ci sono state. La semplicità con cui la band si pone, l’ottima esecuzione di ogni singolo brano in scaletta e un pubblico così coinvolto hanno reso Milano un posto migliore almeno per una sera.

L’inizio con “Tie Up My Hands” colpisce al cuore, “In The Crossfire” dà il via al sing-along e ti ritrovi a cantare canzoni di cui non pensavi nemmeno di conoscere il testo.
Si alternano canzoni vecchie e nuove e nessuna delude. A ogni singolone il sing-along aumenta un po’ di più, ma niente rimbomba forte nel locale come Don’t you know you’ve got your daddy’s eyes and your daddy was an alcoholic.
Con “Four To The Floor”, la band dimostra di sapersi remixare da sola, suonando in coda all’esecuzione classica, una versione del pezzo degna del Deejay Time.
L’espressione compiaciuta di James Walsh tra una canzone e l’altra mentre cambia chitarra continuamente e guarda il pubblico, è l’espressione di chi si diverte facendo divertire.
C’è tempo per altre due canzoni prima di essere invitati a uscire dal locale. “Lullaby”, solo voce e chitarra acustica, che è semplicemente da brividi e “Good Souls” che si trasforma sul finale in “Tomorrow Never Knows” dei Beatles.

In un mondo utopico, giovedì sera, gli Starsailor avrebbero potuto suonare ben oltre le 22:30.
Ma non importa. Non è questo il punto.
Il punto è che sono adorabili. Il punto è che il pubblico è stato fantastico. Il punto è che la voce di James è meravigliosa. Il punto è che non si sa perché non siano mai riusciti a fare il botto. Il punto è che non so perché prima di giovedì sera io non sia mai stata a un loro concerto.

Setlist:

Tie Up My Hands
In The Crossfire
All The Plans
Fidelity
Poor Misguided Fool
Boy In Waiting
Love Is Here
Alcoholic
Neon Sky
Keep Us Together
Silence Is Easy
Four To The Floor
Tell Me It’s Not Over

Lullaby
Good Souls

Link:

 

Articoli Correlati:

2 commenti »

Ultime recensioni

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…

Earthbeat

BE FOREST
Earthbeat

Ambientazione: Pesaro, Italian east-coast.
Campo lungo. Il mare in inverno. Una distesa plumbea, sconfinata…

Future’s Void

EMA
Future’s Void

Fuori dalle città disperse nel nulla – quei punti luminosi in mezzo a zone…