THE XX
Xx

 
Tags: ,
 
di Cristina Bernasconi
14 ottobre 2009
 

Non è sempre così semplice parlare di musica. Non è sempre così immediato descrivere un disco, soprattutto quando è già l’inizio dell’intro strumentale a causare un blackout mentale.
Un blackout che non ti fa vedere quello che succederà il 29 aprile 2010, ma che ti porta in un mondo diverso, vellutato, calmo. Un mondo costruito su groove minimali e melodie malinconiche. Un mondo in cui il suono delle voci dei due cantanti è importante tanto quanto il resto degli strumenti e il tutto si amalgama perfettamente creando un’atmosfera intima e sensuale.

Nelle undici canzoni scritte da questi quattro ventenni londinesi usciti dalla stessa scuola di Hot Chip e Burial, Romy Madley Croft e Oliver Sim cantano quasi sussurrando e dando l’impressione che stiano quasi cercando di sedursi l’un l’atra sopra chitarre delicate, giri di basso languidi e una drum machine saggiamente programmata senza mai cadere in fallo. Non ci sono punti deboli.

Diventa difficile fare paragoni quando la bellezza di queste canzoni riesce a portare la mente altrove. Possiamo provare a immaginare una versione di “Colossal Youth” dei Young Marble Giants con gli angoli più smussati e con un suono più pulito. Possiamo trovare echi di Portishead o degli Interpol di “Turn On The Bright Lights”, la capacità di comunicare qualcosa solo con il suono della voce che è propria di Regina Spektor, le atmosfere di “Wicked Games” di Chris Isaak, beat che vanno dal dubstep all’R&B. Ma la realtà è che gli xx sembrano arrivare dal nulla, così come -con le dovute proporzioni- era successo con gli Arcade Fire nel 2004. Forse non riceveranno gli stessi consensi e non riscuoteranno lo stesso successo, ma non si parla di paragone tra le due band. Si parla della piacevolissima sorpresa che è stata il primo ascolto dei due dischi di debutto.

Se state cercando un disco su cui struggervi, fermatevi pure qui. L’avete trovato.
Se state cercando il disco giusto da sentire mentre guidate da soli di notte su un’autostrada deserta, o mentre passeggiate all’alba in una città ancora addormentata, fermatevi pure qui. L’avete trovato.
Se state cercando un disco che non avete già sentito mille volte, fermatevi pure qui. Avete trovato uno dei migliori dischi dell’anno.

XX
[ Young Turks – 2009 ]
Similar Artist: Young Marble Giants
Rating:
1. Intro
2. VCR
3. Crystalised
4. Islands
5. Heart Skipped A Beat
6. Fantasy
7. Shelter
8. Basic Space
9. Infinity
10. Night Time
11. Stars

THE XX su IndieForBunnies:

Tracklist
 
 

Aa. Vv. – Next Life

La dipartita di un producer – DJ Rashad – che stava riscrivendo i confini della…

Greylag – S/T

Anni Settanta a tutto tondo nell’esordio omonimo degli americani di Portland Greylag, un buon viatico…

Splatterpink – Mongoflashmob

Gli Splatterpink nascono nel 1990 dal cantante e bassista Diego D’Agata (o D’Anatra), attualmente anche…

Function & Vatican Shadow ...

Certe città sono dei contenitori troppo grandi, mastodontici aggregati di parallelepipedi in cui perdersi. In…

Loscil – Sea Island

Scott Morgan e la Kranky, la Kranky e Scott Morgan. Il canadese, l’etichetta di Chicago…