JULIAN PLENTI
Julian Plenti Is… Skyscraper

 
Tags:
 
16 ottobre 2009
 

Paul Banks nel 2009 vuole correre da solo e per l’occasione rispolvera il nome d’arte che aveva scelto quando a metà degli anni Novanta era ancora un giovanissimo virgulto del sottobosco newyorkese del quale pochi sapevano l’esistenza.
Il sottovalutatissimo, atmosferico “Our Love To Admire” è stato il lavoro più controverso e complessivamente meno apprezzato degli Interpol, soprattutto da parte della critica. Sarà questo il motivo che ha spinto Paul a resuscitare il suo antico alter-ego?

Il singolo “Games For Days” (frustate marziali, riffoni dal fascino familiare, sensualità dark a iosa) è, tra le tracce di questo primo disco solista di Paul Banks, quella con cui ai primi ascolti ci si trova più a proprio agio, quella che ci ricorda maggiormente il passato di Paul.
Ascoltando gli altri brani notiamo come “Julian Plenty…is Skyscraper” risulti sia più “frivolo” che più tenebroso di un qualsiasi album degli Interpol. Più divertenti e divertite del solito sono le discrete “Only If You Run” e “The Fun That We Have”, mentre appare alquanto inusuale la tromba scoppiettante che caratterizza “Unwind” così come lo sono i toni rilassati di “Girl On The Sporting News”, canzone toccata solo di striscio da una tenue cupezza. Dall’altra parte (e qui il livello dell’album si alza decisamente) troviamo le “vampiresche” “Skyscraper” e “On The Esplanade” (a base di ipnotici arpeggi funerei), la fumosa “Madrid Song” (che si regge soprattutto su radi stralci di pianoforte), “No Chance Survival” e la sua inquietudine dandy, la sobriamente disperata “Fly As You Might” e “H”, il misterioso, atmosferico epilogo dell’album.

Lungi dall’essere un capolavoro, ma neanche un’opera infima, questo transitorio solo album di Banks può essere considerato più che altro come un piacevole antipasto in attesa che arrivi in tavola la prossima portata targata Interpol.

Cover Album

  • Band Site
  • MySpace
  • BUY HERE
Julian Plenti Is… Skyscraper
[ Matador – 2009 ]
Similar Artist: Interpol, Joy Division, Nick Cave, Placebo
Rating:
1. Only If You Run
2. Fun That We Have
3. Skyscraper
4. Games For Days
5. Madrid Song
6. No Chance Survival
7. Unwind
8. Girl On The Sporting News
9. On The Esplanade
10. Fly As You Might
11. H
Tracklist
 
  • Claudia

    Perchè tra similar artist ci sono i Placebo? Perchè??

  • Riccardo

    Nessun pezzo è eccezionale, ma TUTTO è estremamente godibile…e che brividi su “Madrid song”, e che divertimento (e chi l’avrebbe mai detto ?) su “Unwind”. E poi…e poi che timbro vocale ! Uno dei migliori dischi dell’anno. Ce ne fossero…il mondo sarebbe un posto bellissimo.

  • Dustman

    A me Only If You Run e Fun That We Have mi fanno pensare un po’ ai Placebo…non dobbiamo considerare la voce “similar artist” troppo vincolante! Per me equivale alle influenze…

 

Shame – Songs Of Praise

Forse la stampa avrebbe preferito venderceli come i nuovi Libertines, magari la casa discografica stessa, ma poco importa, sicuramente pare ...

J A G U W A R – Ringthing

La prima bella sorpresa di questo 2018, in ambito shoegaze, arriva dal nuovo album dei tedeschi J A G U W A R che spingono forte ...

King Krule – The OOZ

L’infanzia di Archy Ivan Marshall, a.k.a King Krule, non è stata delle più facili, segnata com’è stata dal divorzio dei genitori e da ...

Dunk – Dunk

Non si sentiva parlare dei Giuradei (coppia di fratelli bresciani dediti ad un cantautorato folk) da un po’ di tempo a questa parte e, ...

Bee Bee Sea – Sonic Boomerang

La provincia di Mantova sta sfornando piccoli capolavori in questi ultimi anni, esempio tra tutti i già citati submeet, che con il loro ...