JULIAN PLENTI
Julian Plenti Is… Skyscraper

 
Tags:
 
16 ottobre 2009
 

Paul Banks nel 2009 vuole correre da solo e per l’occasione rispolvera il nome d’arte che aveva scelto quando a metà degli anni Novanta era ancora un giovanissimo virgulto del sottobosco newyorkese del quale pochi sapevano l’esistenza.
Il sottovalutatissimo, atmosferico “Our Love To Admire” è stato il lavoro più controverso e complessivamente meno apprezzato degli Interpol, soprattutto da parte della critica. Sarà questo il motivo che ha spinto Paul a resuscitare il suo antico alter-ego?

Il singolo “Games For Days” (frustate marziali, riffoni dal fascino familiare, sensualità dark a iosa) è, tra le tracce di questo primo disco solista di Paul Banks, quella con cui ai primi ascolti ci si trova più a proprio agio, quella che ci ricorda maggiormente il passato di Paul.
Ascoltando gli altri brani notiamo come “Julian Plenty…is Skyscraper” risulti sia più “frivolo” che più tenebroso di un qualsiasi album degli Interpol. Più divertenti e divertite del solito sono le discrete “Only If You Run” e “The Fun That We Have”, mentre appare alquanto inusuale la tromba scoppiettante che caratterizza “Unwind” così come lo sono i toni rilassati di “Girl On The Sporting News”, canzone toccata solo di striscio da una tenue cupezza. Dall’altra parte (e qui il livello dell’album si alza decisamente) troviamo le “vampiresche” “Skyscraper” e “On The Esplanade” (a base di ipnotici arpeggi funerei), la fumosa “Madrid Song” (che si regge soprattutto su radi stralci di pianoforte), “No Chance Survival” e la sua inquietudine dandy, la sobriamente disperata “Fly As You Might” e “H”, il misterioso, atmosferico epilogo dell’album.

Lungi dall’essere un capolavoro, ma neanche un’opera infima, questo transitorio solo album di Banks può essere considerato più che altro come un piacevole antipasto in attesa che arrivi in tavola la prossima portata targata Interpol.

Cover Album

  • Band Site
  • MySpace
  • BUY HERE
Julian Plenti Is… Skyscraper
[ Matador – 2009 ]
Similar Artist: Interpol, Joy Division, Nick Cave, Placebo
Rating:
1. Only If You Run
2. Fun That We Have
3. Skyscraper
4. Games For Days
5. Madrid Song
6. No Chance Survival
7. Unwind
8. Girl On The Sporting News
9. On The Esplanade
10. Fly As You Might
11. H
Tracklist
 
 

Drinks ‎– Hippo Lite

Il secondo lavoro dei Drinks sembra proiettarci alla fine degli anni 70, quando il rock e il punk si trasformavano in quello che poi sarebbe ...

The Body – I Have Fought ...

Nuovo capitolo dell’avventura di Chip King e Lee Buford, in arte The Body, che da quasi vent’anni battono le strade del metal americano ...

Brazilian Girls – Let’s ...

Se avete la passione per strade e caffè affollati e non riuscite vivere senza il ronzio di città dal sapore metropolitano e ...

Illuminati Hotties – Kiss Yr ...

Si è già data una definizione più che calzante la deliziosa Sarah Tudzin, ovvero ‘tenderpunk‘. Partendo da questa parola noi ...

Jess Williamson – Cosmic Wink

Terzo LP e primo per la Mexican Summer per Jess Williamson: la songwriter texana, il cui album più recente è “Heart Song”, uscito nel ...

Recent Comments

No Recent Comments Found