BARBAGALLO
Floppy Disk

 
19 ottobre 2009
 

L’onesto recensore ogni tanto deve saper ammettere che alcuni dischi vanno ascoltati con una cultura musicale alle spalle che non possiede. Alzo la mano. Il cantautore siciliano Carlo Barbagallo mette sinceramente in difficoltà, ma piuttosto che lamentarmi preferisco trovare le parole per descrivere un lavoro immenso nella sua completezza ed originalità, un disco che tocca i più diversi meandri del blues, del pop, del rock, della psichedelia, con sperimentazioni al di là degli schemi che ormai ingabbiano anche chi fa prog o musica d’avanguardia. Molto spesso, perlomeno.

“Floppy Disk” esce dalla mente di uno dei musicisti più eclettici che mi sia capitato di ascoltare. Dalla sua biografia si apprende la sua abilità con molti strumenti, ma anche che ha solo 25 anni. Non è questo che scopriamo in un CD influenzato dai Beatles (per questo fari puntati su “Paper Mirror” e “Friday”) e dal brit-rock meno ostentato (è il caso dell’unico pezzo orecchiabile, “Yolkrise”), con chitarre di buona ispirazione anni ’60 – ’70 (i primi Pink Floyd o i lavori solisti di Barrett? Zappa?), piano e tastiere allucinate, musica raffinata. Ricordi di Genesis e dei più recenti Motorpsycho, quando anche loro superano le vie più “alternative” per raggiungere quello stato quasi comatoso, riflessivo, che con le venature psichedeliche tra arpeggi e synth ti sa far immaginare di essere chissà dove, sorvolando chissà quale posto incantato. Evocativo, il termine giusto (soprattutto per un pezzo come “Spectacle”, che in alcuni tratti fonde i Radiohead di “OK Computer” alle atmosfere di “Animals”, di quei bravi ragazzi di Waters & co. che ho già citato prima). Sono anche i titoli a farti capire che si cerca una certa comunicatività, come “Pale Purple Sky”, e la successiva, in ordine, “Motion Reprise”, un viaggio noise senza pretese. Si ritorna sulle frequenze radio (se qualcuno ha visto I Love Radio Rock) con “Cold Shiver”, apprezzabile in particolare per l’inserimento, tanto azzeccato quanto inaspettato, di un vortice di archi e suoni sintetizzati dalle arie piuttosto “classicheggianti”, e controtempi di batteria praticamente irriproducibili. Ed è musica da sonorizzazione di film muto in “Little Island”, un elemento su cui spero questo artista si voglia cimentare in futuro perché ha potenzialità per creare accompagnamenti davvero degni a scene di inimmaginabile teatralità (l’LSD non serve quando circola questa roba, sul serio).

Un album davvero caleidoscopico, quasi un’opera dimostrativa di come la cultura musicale ti possa portare, anche con poca esperienza (senza sminuire il buon Carlo), a produrre dei gioielli di raro splendore, ed il valore artistico di questo disco, già riconosciuto da recensori ed ascoltatori un po’ ovunque, dovrebbe avere la possibilità di viaggiare oltre i meandri di internet. Ma si sa, dissotterrare la musica migliore dalla fossa in cui l’hanno conficcata i discografici del 2000 è impresa da pochi. Ma per Barbagallo, ci metterei la firma. Ascoltatelo, ne vale veramente la pena.

Floppy Disk
[ self-released – 2009 ]
Similar Artist: Syd Barrett, Pink Floyd, Radiohead, tuttalamusicafigadegliultimi50anni
Rating:
1. Paper Mirror
2. Yolkrise
3. The Motion
4. Spectacle
5. Pale Purple Sky
6. Motion Reprise
7. Cold Shiver
8. Oh, Carol!
9. Friday
10. Little Island
11. French Road
  • Helmut

    Cinque stelle, ammazza!!!

  • DEAD

    …e costa pochissimissimo!

  • http://www.indieforbunnies.com Barocciga

    Davvero bel disco, un plauso a te per la recensione (anche se sei stato troppo generoso con la votazione, a mio avviso) e ad Alex per aver dato visibilità a questo artista. Quasi quasi mi compro gli MP3 e poi il disco più in là

  • http://gtbtreviews.blogspot.com Emanuele Brizzante

    La generosità è il mio piu grande difetto di recensore, lo ammetto. Questo disco però è stato davvero una sorpresa per me, anche se proprio non è il mio genere e per questo magari si vede una descrizione abbastanza “distaccata” della musica. Ma comunque veramente un disco figo.

 

L’Attimo Fuggente 19 Giugno ...

01. Il Nostro Singolo della Settimana: The Clientele – Lunar Days 02. Michael Head and…

l’Attimo Fuggente 12 Giugno ...

01. Il Nostro Singolo della Settimana: Lake Ruth – Dry Salt In Our Hair 02.…

L’Attimo Fuggente 5 Giugno ...

01. Il Nostro Singolo della Settimana: Oddfellow’s Casino – Swallow The Day 02. Crescent –…

L’Attimo Fuggente 29 MAggio ...

01. Il Nostro Singolo della Settimana: Star Tropics – Another Sunny Day 02. The Luxembourg…

Oggi “Sgt. Pepper’s Lonely ...

Oggo, 1 giugno 2017, sono 50 anni esatti dall’uscita (1 giugno 1967) di “Sgt. Pepper’s…