BUILT TO SPILL
There Is No Enemy

 
 
20 Novembre 2009
 

Fregare il tempo, sentire l’aria che ti viene a prendere tutta d’un botto, avere sguardi limpidi, impallidire dinanzi all’ovvietà, cercare in continuazione la via di fuga, tremare e rincorrere un assolo di chitarra nell’ignoto che si sforma dinanzi ai tuoi occhi, cedere di schianto e lasciare che lo spostamento d’aria degli amplificatori smaterializzi le ultime incertezze: imbattersi in un disco dei Built To Spill rimane sempre un’esperienza taumaturgica, un avvenimento di per sé rivelatore di cosa possa fare una band con idee ben precise ed una manciata di sogni andati a male.

Su tutto questo, tra stuoli di chitarre (ben tre) e sezioni ritmiche vertiginose, veleggia ancora una volta incontrastata l’ugola cherubina di Doug Martsch, gigante dalla voce di fanciullo, che inchioda ed ammanta di meraviglia anche l’ascoltatore più smaliziato. Il fulvo barbone che guarnisce il viso di Martsch nasconde segreti inconfessabili, speranze e timori di un uomo che s’interroga dinanzi alle bizzarrie dell’esistenza, ricavandone risposte elettriche e magiche melodie.

La ricerca di quella scia luminosa pronta a riverberare in lunghi riff psichedelici rimane intatta in “There Is No Enemy”, settimo album in studio della band di Boise, Idaho, pur lasciando una sensazione di incompletezza che altre volte difficilmente veniva a galla. Alcuni brani sembrano usciti direttamente dalle sessioni che hanno animato il precedente “You In Reverse”, deludendo così le aspettative di chi, da tre anni, aspettava ansioso nuovo materiale. Ciò che smarca quest’ultimo disco dai predecessori, però, è rappresentato dalle liriche, che da impersonali si fanno adesso carico delle ansie e delle sensazioni del barbuto leader, trasformando il tutto in una sorta di cantautorato rock’n’roll.

La band si riscatta alla grande in altri frangenti, dimostrando l’innata predisposizione a tratteggiare infinite code psichedeliche, emozionanti cavalcate in una dimensione interstellare, mostrando qualità superiore al 90% delle formazioni odierne.
La traccia conclusiva, “Tomorrow”, manifesto delle potenzialità del gruppo americano, grattugia nitidi cieli notturni cospargendo di polvere di stelle le fantasie di chi saprà abbandonarsi senza condizionamenti alle storie raccontate dai cinque rockers americani.

In epoche di imbarazzanti album costruiti su sensazionalismi a bassa fedeltà, dove la ribellione è nient’altro che un giro sullo skate sotto le squinternate inquadrature di MTV, i Built To Spill confermano che per emozionare basta essere sinceri, rumorosi e soprattutto immuni alle sciocche regole di un mercato prossimo alla saturazione. Ben fatto Doug.

Cover Album

There Is No Enemy
[ Warner Bros – 2009 ]
Similar Artist: Dinosaur Jr., Death Cab For Cutie, Pixies, Sunny Day Real Estate, Sebadoh, Pink Floyd
Rating:
1. Aisle 13
2. Hindsight
3. Nowhere Lullaby
4. Good Ol’ Boredom
5. Life’s A Dream
6. Oh Yeah
7. Pat
8. Done
9. Planting Seeds
10. Things Fall Apart
11. Tomorrow

BUILT TO SPILL su IndieForBunnies:

  • Recensione “THERE’S NOTHING WRONG WITH LOVE”
Tracklist
 
 

Day Wave – Pastlife

Day Wave ritorna con questo suo secondo album dopo cinque anni dal suo esordio, “The Days We Had” (in mezzo è uscito anche l’EP ...

Weezer – SZNZ: Spring / ...

Siamo sopravvissuti al caldo anomalo della primavera e abbiamo varcato la soglia di un’estate che, sul fronte climatico, si preannuncia ...

The Dream Syndicate – ...

La nuova fase dei Syndicate approda ad una ulteriore evoluzione, un mix di ritorno alle origini e contaminazione con la contemporaneità  ...

Phill Reynolds – A Ride

“A Ride” è un racconto di viaggio e di fuga, di redenzione e di ricerca, di comprensione e di dannazione, nel quale una vicenda ...

Moderat – MORE D4TA

Tornando ad abbeverarsi alla fonte di una elettronica “totale” (dall’idm al trip-hop), il progetto Moderat (Sasha Ring aka Apparat e i ...