DEVENDRA BANHART
What Will We Be

 
 
23 novembre 2009
 

Provate per un attimo a calarvi nei panni del menestrello di Houston, o di Caracas se preferite, anche se presumere di sapere che cosa possa passargli per i meandri della mente è impossibile, ragionando di un artista che ha sempre fatto dell’imprevedibilità una delle sue carte vincenti.
Comunque sia, proviamo a riporre in un cassetto un contratto fresco fresco, appena firmato con la Warner, una delle ormai ridotte a quattro multinazionali della musica, in crisi, certamente, ma sempre una casa discografica che, nel bene e nel male, ci ha regalato in passato gioielli e pietre miliari in grande quantità.

Avete un cospicuo numero di brani pronti e un passato tale da permettervi di fare, in un certo senso, quello che vi va, che vi passa per la testa, perché loro, mettendovi sotto contratto, non potevano certo credere di avervi domato, voi, il principe dell’antifolk, nato per essere sempre libero e indomito. Certamente loro hanno corsi dei rischi, con questa operazione.
Voi, invece, cosa avete da perdere? Molto, tanto, anzi parecchio. Sono sicuramente in tanti pronti ad impallinarvi al primo passo falso, tutti quei critici che amano solo l’hype, l’ultima moda o l’ultima tendenza, che amano crearla e poi abbandonarla appena è diventata costume, o appena ha smesso, fosse anche solo per un attimo, di cambiare pelle, incessantemente. Oppure gli altri, quelli che devono a tutti i costi giudicarti solo se riempi di grandi significati o di grandi ideali quello che in realtà è solo rock’nroll.

Allora a questo punto avete deciso, che si fottano tutti, anzi, che si diano una calmata, perché avete voglia di assaporare ancora una volta pace e tranquillità, alla faccia di ambizioni e false speranze.
Ok, a questo punto ritorniamo nei nostri miseri panni, e cosa ci ritroviamo tra le mani? L’ultimo, fresco di stampa, sesto album di Devendra Banhart, generoso come sempre nel minutaggio e nei contenuti. Ricco, pantagruelico nei riferimenti, ma semplice e spontaneo nei suoni, cristallino e diretto come forse non è mai stato, immediato e accattivante anche per chi non ha mai masticato sonorità “alternative”.

La cricca di musicisti che l’accompagna è la stessa del precedente lavoro, e a loro si unisce stavolta, per la produzione, il già conosciuto ed apprezzato Paul Butler (se ancora non li conoscete, andate a sentirvi i Bees, il suo gruppo, con quel gioiellino che è “Octopus”). E forse è giusto partire proprio da qui per capire i brani del disco.
Da una parte infatti la ritrovata familiarità con musicisti già conosciuti, e ormai amici, sfocia in una naturalezza di esecuzione dei brani spesso più che evidente, come se li sentissimo suonare e registrare delle canzoni quasi in presa diretta. Non è così, certamente, perché la pulizia dei suoni e la favolosa bilanciatura delle timbriche dei vari strumenti è frutto di accurata produzione, e qui il nostro Butler ha certamente giocato la sua parte. C’è infatti un comune denominatore, sotto molte delle tracce del disco, una sonorità che evoca con cura e amore anni sessanta e settanta, senza però essere mai scontata o dozzinale nella citazione o nella struttura del singolo pezzo.

In questa luce, l’attacco spectoriano di “16th & Valencia Roxy Music” trasfigura veloce nei Fleetwood o negli stessi Roxy dei tardi settanta, la dolcezza catstevensiana della prima parte di “Veronika” lascia il passo ai ritmi tropicali di una samba velosiana. Il lieve funky alla Motown del primo singolo estratto, l’accattivante “Baby”, ha la sua controparte nella psichedelia elevatorsiana di “Rats”. Altrove troviamo, a più riprese, i sixties dei Byrds, dei CSN&Y e di Donovan, in pezzi come “Goin’ Back”, “Maria Leonza” o “Walilamdzi”.
Diversi, ma allo stesso tempo in linea coi suoi primi lavori, alcuni pezzi centrali, come “First Song For B” e “Last Song For B” o in chiusura come “Brindo” e “Meet Me At Lookout Point”, acustici e lievi, ma dove evidente risalta l’esperienza accumulata in questi anni.

Bene, ecco quindi un disco che ‘capitalizza’ (parola terribile, ma che…rende) tutto quello che Devendra è stato fino ad adesso. Lasciamogli tirare il fiato, lasciamolo rilassare con i suoi amici per quest’oretta che ci ha regalato. Poi, alla prossima puntata, saprà stupirci ancora una volta, senza bisogno di nascondersi dietro sigle e copertine ‘primitive’ per sfogare la sua innata stravaganza.

What Will We Be
[ Warner Bros - 2009 ]
Similar Artist: Beck, Bees & Bear (Grizzly)
Rating:
1. Can’t Help But Smiling
2. Angelika
3. Baby
4. Goin’ Back
5. First Song For B
6. Last Song For B
7. Chin Chin & Muck Muck
8. 16th & Valencia Roxy Music
9. Rats
10. Maria Lionza
11. Brindo
12. Meet Me At Lookout Point
13. Walilamdzi
14. Foolin’

DEVENDRA BANHART su IndieForBunnies:

Tracklist
 
  • Alessandro

    disco veramente molto bello, forse proprio perché più “accessibile” degli ultimi. Un Devendra in grandissima forma

  • http://www.indieforbunnies.com sachiel

    Non male il disco.Ho sempre ammirato Devendra B., anche se poi a conti fatti non ho mai mato veramente i suoi dischi.

  • Helmut

    Grandissimo disco, uno dei migliori di Devendra…

  • Helmut

    P.S. Foto magnifica!

  • giov

    …devo ancora ascoltarlo…sto cercando di recuperare il tempo perso, piano piano…

    ottima rece comunque, forse l’unica che ho letto in giro che ne parla con questi termini entusiastici, quindi devo assolutamente dare un ascolto… .

    (p.s. …è “Angelika” non “Veronika”) :D

  • http://www.indieforbunnies.com/author/michele-tioli/ mikk64

    …”touchè”…lapsus freudiano?

  • giov

    dai su…chi è sta veronica?…tanto ormai l’hai scritto… :D

  • Daniele

    Ragazzi un consiglio: cercate di restituire anche l’umore dei dischi che recensite.
    Cioè spesso non si capisce se si andrà ad ascoltare dei dischi cupi, dimessi, autunnali, oppure gioiosi, gioviali.
    Provate a sottolinearlo di più questo aspetto.
    Ciaoo

  • http://www.indieforbunnies.com/author/michele-tioli/ mikk64

    …potremmo inserire le faccine, come fà giov…;) :( o_O…
    …scusa, daniele…sto scherzando…ma l’appunto è più che giusto…e spesso si fa, mi pare…
    questo di DB è vario…direi un quattro stagioni =)

  • giov

    Daniele hai ragione cercherò di fare altrettanto anche con la MSG.

    p.s.
    giuro che una volta quando Pamello scriveva ancora per questo sito mi aveva insegnato anche a fare la faccina del diavolo… ora non la so fare più :(

  • Daniele

    Si, tranqui ragazzi, siete bravissimi, voleva essere una piccola critica costruttiva:).

 

The Suitcase Junket – Pile Driver

Matt Lorenz, l’istrionico musicista del Massachusetts che si cela dietro le spoglie di The Suitcase…

Julie’s Haircut – ...

Suoni ipnotici, storpiati, elettrizzati, mescolati. Volutamente psichedelici, rotatori, ritornanti. Questo è lo stile Julie’s ...

Splashh – Waiting a Lifetime

Batterie in loop e chitarre riverberate: così parte Waiting a Lifetime, seconda fatica degli Splashh.…

Moon Duo – Occult Architecture ...

Secondo disco dell’anno per i Moon Duo che completano il discorso iniziato con “Occult Architecture…

Woods – Love Is Love

E’ nato all’alba dell’elezione Trump, ma è una risposta troppo pacata ad un evento del…