MILANESE
Lockout

 
Tags:
 
27 Novembre 2009
 

Dopo le ultime uscite su Warp, la performance al Bbc’s Electric Proms e un fruttoso tour nella west coast USA, il nostro qui al varco Milanese – che tutto è tranne che italiano e tantomeno lombardo – sforna il terzo full-lenght in casa Planet Mu, pionieristica famiglia londinese (µ-Ziq, Benga, Venetian Snares, Vex’d, Luke Vibert…) dalle note aspirazioni dnb, jungle e dubstep.
La carriera di Milanese è segnata da passaggi stilistici altamente sperimentali, riuscendo infatti a cogliere l’aspetto più noise, hardcore, clubby e oscuro della dubstep ormai -forse troppo- evoluta.

Con il disco in questione, “Lockout”, Milanese vuol sembrare più maturo, a partire dalla copertina stessa, dove si autoraffigura quasi come un barbuto borghese ottocentesco. Non sparisce la vena guerrillesca ma qui il dna dubstep puro, quello della Londra di un paio d’anni fa sembra davvero evolversi-involversi, esplodere-implodere verso qualcosa che non è ormai più distinguibile come dovrebbe. Allora riassaggiamo il grime antico, un pizzico di wobbly bass ben dosato, misceliamo a creare pozioni-veleni afro-hiphop. Tutto questo grazie alla collaborazione di certi chef del settore come Ben Sharpa, RQM e Oliver Grimball. Ma purtroppo il piatto che ne vien fuori non ci gusta più di tanto e i punti amari si sentono: ripetitività data dai remix e re-edit di stesse tracce che sembra accorciare la tracklist di troppo, poche idee stilistiche e poca vera carne da mettere sul fuoco.

Si parte con quella che pretende di essere la summa del post-wonkybass, “Baby Blue” con un rap saggiamente vocoderizzato, poi Ben Sharpa si impossessa quasi ossessivamente del mic in “Wonderful World” e “B Sharpa” (queste forse le uniche vere gemme di tutto l’album), c’è anche il tentativo di rendere “The End” il ‘singolo’ di riferimento, con risultati poco soddisfacenti.
Poi i remix e re-edit, come la stessa “The End” rivisitata da Untold, forse più interessante dell’originale.
La strada sembra quella giusta, ma va studiata meglio. Non sembra si debba aspettare molto con i tempi che corrono, l’evoluzione nasce rapida.

Cover Album

  • Band Site
  • MySpace
  • BUY HERE
Lockout
[ Planet Mu– 2009 ]
Similar Artist: Benga, Ital Tek, Pinch, Kode9, Vex’d
Rating:
1. Baby Blue Remix
2. Wonderful World
3. The End
4. B Sharpa
5. The End (Untold Remix)
6. Unique 3 – Take This Love (Milanese Remix)
7. Disclosure
8. Fun With Robots
9. B Sharpa
10. The End (Off Mix)
11. Shake Wut Ya Mama Gave Ya (Milanese Remix)
12. Disclosure (Instrumental)
Tracklist
 
 

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...

Lomelda – Hannah

E’ passato appena un anno e mezzo dall’uscita di “M For Empathy”, il terzo album di Lomelda, ma nei giorni scorsi la folk-singer ...

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...