BADLY DRAWN BOY
Is There Nothing We Could Do?

 
Tags: ,
 
11 Gennaio 2010
 

Nel 2009, quasi 2010, Badly Drawn Boy è l’unico artista che è riuscito nell’impresa di pubblicare un disco che dopo una settimana dalla pubblicazione non è ancora illegalmente reperibile online. Che sia perché il buon Damon Gough (o chi lavora con lui) abbia trovato un metodo infallibile che possa risollevare le sorti della discografia mondiale? O che sia solo perché la notizia di questo nuovo lavoro è passata totalmente inosservata? Così, a occhio, temo sia la seconda ipotesi. Scarsa promozione e scarso interesse. Peccato.

Damon Gough torna dopo tre anni esattamente come l’avevamo lasciato, col cappellino di lana e la barba incolta, con quell’aria un po’ imbronciata, ma sotto sotto tanto tenera. Torna con un’altra colonna sonora (dopo l’eccellente lavoro svolto per “About A Boy”), questa volta per “The Fattest Man In Britain”, film che andrà in onda sulla tv inglese in questi giorni.

“About A Boy” è stato sufficiente per capire che Badly Drawn Boy ha la capacità di interpretare e di mettere in musica un film in maniera magistrale. E per questo ha la mia piena fiducia. Ascoltando “Is There Nothing We Could Do?”, pur senza aver visto il film, ho la sensazione che Badly Drawn Boy ci sia riuscito ancora. I quindici brani hanno una composizione e un’orchestralità invidiabili. Vengono ripresi più volte mostrando arrangiamenti diversi. Chitarra acustica e fingerpicking, pianoforte e archi, a volte tutto insieme, a volte singolarmente. Sono solo quattro i pezzi che potrebbero vivere indipendentemente dal film, l’ottima title track e singolo di lancio della colonna sonora, “Welcome Me To Your World” dove una tromba entra a enfatizzare la melodia elevando il livello di una canzone che parte da uno stato piuttosto minimale di solo piano e voce, “Just Look At Us Now” e la conclusiva “I’ll Carry On” che hanno il chiaro stampo che solo il ragazzo mal disegnato sa dare.

“Is There Nothing We Could Do?” non è il nuovo album di Badly Drawn Boy e non è un disco a sé stante. Sono assolutamente sicura che le immagini del film completino perfettamente ogni singolo brano e forse daranno anche un valore aggiunto a un prodotto già di suo ben soddisfacente. Un prodotto che è un ottimo antipasto nell’attesa di un vero e proprio nuovo disco di quel buontempone col cappellino di lana e la barba incolta.

Cover Album

Is There Nothing We Could Do?
[ 101 Distribution– 2009 ]
Similar Artist: Ed Harcourt, I Am Kloot, Elliott Smith
Rating:
1. Opening Theme
2. Is There Nothing We Could Do?
3. A Gentle Touch
4. All The Trimmings
5. Welcome Me To Your World
6. Guitar Medley
7. Is There Nothing We Could Do? (Reprise)
8. Big Brian Arrives
9. Amy In The Garden
10. Been There, Verified
11. Just Look At Us Now
12. Wider Than A Smile
13. Piano Theme
14. The Letter
15. I’ll Carry On
Tracklist
 
 

Alice Boman – Dream On

E’ già da qualche anno che il nome di Alice Boman è sui radar dei principali siti musicali in giro per l’Europa e non solo, ma la ...

Brunori Sas – Cip

Il cantautore calabrese, uno dei più apprezzati del panorama musicale italiano, sembra aver già conquistato tutti, pubblico e critica, con ...

Pinegrove – Marigold

I Pinegrove sono tornati con il loro quarto album – il loro primo per Rough Trade Records – che arriva a distanza di appena un anno ...

A Girl Called Eddy – Been ...

Beh, ma chi lo avrebbe mai detto? Avere fra le mani una nuova uscita a nome A Girl Called Eddy…giuro non ci speravo più. Ma, come ...

Field Music – Making A New ...

Settimo disco per Peter e David Brewis questa volta in formazione allargata e in missione per conto dell’ Imperial War Museum, fondato ...