OK GO
Of The Blue Color Of The Sky

 
 
18 gennaio 2010
 

Alzi la mano chi si sarebbe aspettato un disco del genere dagli OK Go, quelli del video virale sul tapis roulant, quei cazzoni che ballavano e cantavano sul tapis roulant ed intanto vendevano vagonate di dischi finendo pure in heavy rotaton su Mtv. Alzi la mano chi in vita sua non ha mai giocato a fare lo snob salvo poi pentirsene un attimo dopo.

Tre anni fa accendevi la radio e sentivi il loro power-pop, gradevole fin che vuoi ma pur sempre del tutto inoffensivo, roba che te ne scordavi un attimo dopo averlo ascoltato e non ti chiedevi nemmeno perché. Tre anni dopo tre anni fa (quindi adesso, ma potremmo essere anche ai tempi di certi Beatles di fine anni sessanta, del Prince più illuminato, del Beck che cazzeggia con il funk in “Midnite Vultures”, dei Blur del disco omonimo, dei They Might Be Giants più maestosi, degli Eels dei primi due dischi) gli OK Go pubblicano il loro capolavoro, “Of The Blue Color Of The Sky”, un disco che ha voglia di osare e sperimentare e che soprattutto non c’entra assolutamente nulla con quanto il combo americano ha finora detto.

Un disco che inizia con una cosa (“WTF”?) che suona come Prince che canta chiuso nel bagagliaio dell’auto degli Enon non è un disco che passa inosservato, eppure via via che si procede nell’ascolto e ci si addentra nelle pieghe più nascoste dell’opera ci si rende conto che gli OK Go sono arrivati ad un tale livello di consapevolezza che se ne fregano delle vendite perché vogliono suonare solo ciò che amano. E, visti i risultati (“Skyscrapers”, “In The Glass”, “White Knuckles”), fanno benissimo.

Se fossero una band esordiente tutti griderebbero al miracolo, ma siccome sono quelli del video sul tapis roulant e dell’heavy rotation su Mtv se li fileranno in pochissimi. Brutta cosa lo snobismo a prescindere.

Of The Blue Color Of The Sky
[ Capitol – 2010 ]
Similar Artist: They Might Be Giants, Beates, Prince, Enon, MGMT, The Flaming Lips
Rating:
1. WTF?
2. This Too Shall Pass
3. All Is Not Lost
4. Needing/Getting
5. Skyscrapers
6. White Knuckles
7. I Want You So Bad I Can’t Breathe
8. End Love
9. Before The Earth Was Round
10. Last Leaf
11. Back From Kathmandu
12. While You Were Asleep
13. In The Glass
Tracklist
 
 

Kamasi Washington – Heaven ...

Parliamoci chiaro, non sono un esperto di jazz, certo ne ascolto ma non sono di sicuro un “cultore” del genere: non per questo mi sento ...

Mecna – Blue Karaoke

Un disco per domarli, un disco per trovarli, Un disco per ghermirli e nel Blue Karaoke incatenarli. La poesia dell’anello riadattata al ...

Dirty Projectors – Lamp Lit ...

Il 2017 è stato probabilmente l’anno più difficile della carriera dei Dirty Projectors. Reduci da due album (“Bitte Orca” e “Swing ...

Bulldada – What a Bunch of ...

Avete presente la parola “Capolavoro”? Ecco molto spesso la si usa in contesti assolutamente insensati (come ad esempio “Mhh Ah Ah ...

The Vines – In Miracle Land

Con l’avvento del nuovo secolo, decine e decine di band nascevano con l’ondata cd. “new rock revolution” ed andavano ...