INDIEFORBUNNIES READERS POLL’S: THE 100 BEST ALBUMS OF 2009

 
Tags:
di ifb
24 gennaio 2010
 

VINCITORI CONTEST:
1 T-SHIRTS ARCTIC MONKEYS —> leonix
1 T-SHIRTS ARCTINC MONKEYS —> Claudia Tosti
CD ANIMAL COLLECTIVE – “MERRIWEATHER POST PAVILLION” —> marc_antony
CD THE HORRORS – “PRIMAL COLOURS” —> Antonello Grossi
CD FRUIT BATS – “THE RUMINANT BAND” —> munich
CD FRANZ FERDINAND – “ULYSSES EP” —> Valeria Piazza
CD IL TEATRO DEGLI ORRORI – “DELL’IMPERO DELLE TENEBRE” —> Lucariello
CD JULIAN PLENTI “JULIAN PLENTI IS…SKYSCRAPER ” —> Sara Manini

#100) Girls – Girls
#99) Sonic Youth – The Eternal [RECENSIONE]
#98) Jason Lytle – Yours Truly, The Commuter
#97) Sick Tamburo – Sick Tamburo
#96) Empire Of The Sun – Walking On A Dream
#95) Six Organs Of Admittance – Luminous Night
#94) Fine Before You Came – Sfortuna
#93) Bonnie Prince Billy – Beware [RECENSIONE]
#92) The Rifles – Great Escape [RECENSIONE]
#91) La Fame Di Camilla – La Fame Di Camilla [RECENSIONE]
#90) Julian Casablancas – Phrazes For The Young
#89) Silversun Pickups – Swoon [RECENSIONE]
#88) Great Lake Swimmers – Lost Channels [RECENSIONE]
#87) Dinosaur JR – Farm [RECENSIONE]
#86) Them Crooked Vultures – Them Crooked Vultures
#85) Why? – Eskimo Snow [RECENSIONE]
#84) Mono – Hymn To The Immortal Wind [RECENSIONE]
#83) The Juan MacLean – The Future Will Come [RECENSIONE]
#82) The Raveonettes – In And Out Of Control
#81) Dan Auerbach – Keep It Hid [RECENSIONE]
#80) Aa. Vv. – Dark Was The Night
#79) Moderat – Moderat [RECENSIONE]
#78) The Cribs – Ignore The Ignorant [RECENSIONE]
#77) IAMX – Kingdom Of Welcome Addiction [RECENSIONE]
#76) Brunori Sas – Vol.1 [RECENSIONE]

#75) Ramona Falls – Intuit
#74) Danger Mouse & Sparklehorse – Dark Night Of The Soul [RECENSIONE]
#73) Peter, Bjorn & John – Living Thing [RECENSIONE]
#72) Dead Weather – Horehound [RECENSIONE]
#71) Ben Harper And The Restless7 – White Lies For Dark Times [RECENSIONE]
#70) Blank Dogs – Under And Under
#69) DM Stith – Heavy Ghost [RECENSIONE]
#68) Oneida – Rated O
#67) Tortoise – Beacons Of Ancestorship [RECENSIONE]
#66) Devendra Banhart – What Will We Be [RECENSIONE]
#65) Gossip – Music For Men [RECENSIONE]
#64) The Decemberists – The Hazards Of Love [RECENSIONE]
#63) Jack Penate – Everything Is New [RECENSIONE]
#62) Japandroids – Post-Nothing [RECENSIONE]
#61) St. Vincent – Actor [RECENSIONE]
#60) A Place To Bury Strangers – Exploding Head
#59) Port-Royal – Dying In Time [RECENSIONE]
#58) Mùm – Sing Along To Songs You [RECENSIONE]
#57) Giardini Di Mirò – Il Fuoco
#56) Mew – No More Stories
#55) Mulatu – Inspiration Information 3 [RECENSIONE]
#54) Zu – Carboniferous [RECENSIONE]
#53) Wild Beasts – Two Dancers [RECENSIONE]
#52) Bill Callahan – Sometimes I Wish We Were An Eagle
#51) And You Will Know Us… – Century Of Self [RECENSIONE]

#50) Kings Of Convenience – Declaration Of Dipendence
#49) Sophia – There Are No Goodbyes
#48) The Flaming Lips – Embryonic [RECENSIONE]
#47) Vic Chesnutt – At The Cut [RECENSIONE]
#46) Placebo – Battle For The Sun [RECENSIONE]
#45) Andrew Bird – Noble Beast [RECENSIONE]
#44) Zen Circus – Andate Tutti Affanculo
#43) Ministri – Tempi Bui
#42) Pearl Jam – Backspacer [RECENSIONE]
#41) Uochi Toki – Libro Audio [RECENSIONE]
#40) The Leisure Society – The Sleepers Dover
#39) The Black Heart Procession – Six [RECENSIONE]
#38) Morrissey – Years Of Refusal [RECENSIONE]
#37) Bat For Lashes – Two Suns [RECENSIONE]
#36) Built To Spill – There Is No Enemy [RECENSIONE]
#35) Yo La Tengo – Popular Songs [RECENSIONE]
#34) Muse – The Resistance [RECENSIONE]
#33) The Antlers – Hospice [RECENSIONE]
#32) Julian Plenti – Julian Plenti Is … Skyscraper [RECENSIONE]
#31) Dirty Projectors – Bitte Orca
#30) Barzin – Notes To An Absent Lover [RECENSIONE]
#29) Mumford & Sons – Sigh No More [RECENSIONE]
#28) Piano Magic – Ovations [RECENSIONE]
#27) The Maccabees – Wall Of Arms [RECENSIONE]
#26) Florence + The Machine – Lungs [RECENSIONE]

#25) Scott Matthew – There Is An Ocean That Divides… [RECENSIONE]
#24) Soap & Skin – Lovetune For Vacuum
#23) Antony And The Johnsons – The Cryng Light [RECENSIONE]
#22) Fever Ray – Fever Ray [RECENSIONE]
#21) Noah And The Whale – The First Days Of Spring [RECENSIONE]
#20) The Big Pink – A Brief History Of Love [RECENSIONE]
#19) Yeah Yeah Yeahs – It’s Blitz [RECENSIONE]
#18) Patrick Wolf – The Bachelor [RECENSIONE]
#17) Doves – Kingdom Of Rust [RECENSIONE]
#16) Editors – In This Light And On This Evening [RECENSIONE]
#15) Fanfarlo – Reservoir [RECENSIONE]
#14) Fuck Buttons – Tarot [RECENSIONE]
#13) Wilco – Wilco [RECENSIONE]
#12) Franz Ferdinand – Tonight: Franz Ferdinand [RECENSIONE]
#11) White Lies – To Lose My Life [RECENSIONE]

Indie Top Ten, terza posizione

#10) Il Teatro Degli Orrori

A Sangue Freddo [La Tempesta]

Alcuni potrebbero ravvedere in queste canzoni un certo populismo e un’attitudine pateticamente ribelle. Il fatto è che non si tratta di una band politicizzata. L’atteggiamento del Teatro degli Orrori è quello di una persona o di un gruppo di persone che semplicemente rimangono ogni giorno sgomente dinnanzi ad una realtà avversa e grottescamente violenta, contro la quale l’unica scelta è la lotta non tanto dell’Intelletto quanto dello Spirito, uno Spirito che comunque accetta la propria, in un certo senso, ‘mediocrità’, in realtà collegato ad una mente tagliente e dotata di grande ironia a autoironia.
(Luca “Dustman” Morello)

Indie Top Ten, settima posizione

#9) Phoenix

Wolfgang Amadeus Phoenix [V2]

“Lisztomania” o “1901”? Si potrebbe trovare un compromesso e dire “Lisztomania” fino all’estate e “1901” per i mesi successivi. E “Rome”, “Girlfiend”, “Armistice” e tutte le altre? Il 2009 più solare e scanzonato è racchiuso in questo disco. Semplice e intelligente, senza enormi pretese, ma infallibile nel fare il proprio lavoro.
(Matteo “matteb83″ Benni)

Indie Top Ten, settima posizione

#8) Grizzly Bear

Veckatimest [Warp]

Un disco coraggioso e non immediato, se confrontato con gli altri che l’hanno preceduto in questa mia selezione. Però la palma è loro, americani con i Beach Boys nel dna, un amore sconfinato per il pop, una genialità che li spinge a sperimentare soluzioni sempre diverse e originali pescando nel pop, nel jazz, nel folk, con coraggio e ambizione che stregano. Il risultato è un caleidoscopio musicale che intriga e affascina, lasciando sempre l’impressione di non essere ancora riusciti a farlo proprio fino in fondo.
(Michele Tioli)

Indie Top Ten, ottava posizione

#7) The Pains Of Being Pure At Heart

The Pains Of Being Pure At Heart [Slumberland]

Non sono solo un bel nome per una band e belle faccine da abbinarci: sono quanto di più bello in quest’anno ci sia arrivato dai tanti cloni della Sarah Records dei bei tempi. Melodie sognanti, voci intrecciate che è una meraviglia, titoli che la dicono tutta sul rimando ad esperienze adolescenziali dei nostri: “This Love Is Fuckin Right” è l’esempio massimo. Se tutti i cloni fossero così, sarebbe un mondo migliore.
(Emanuele “kingatnight” Chiti)

Indie Top Ten, settima posizione

#6) Dente

L’Amore Non E’ Bello [Ghost]

Abbandonate le sghembe atmosfere da cameretta dei dischi precedenti, Giuseppe Peveri incide un album di musica leggera italiana, fatto con garbo ed eleganza. Giochi di parole, qualche ruffianeria, il primo sole di primavera che riscalda screpolate finestre di legno. Bruno Lauzi, Alan Sorrenti e Sergio Endrigo non sono mai stati così vicini come nelle filastrocche del cantastorie fidentino.
Godibile.
(Giuseppe “Joses” Ferraro)

Indie Top Ten, settima posizione

#5) Kasabian

West Rider Pauper Lunatic Asylum [Red Ink/Red Int]

Questo disco mi manda ai matti. Voglio ringraziare Sergio Pizzorno per non aver sbagliato niente. Spunti e idee ai livelli del primo disco e scusate se è poco. Canzoni che potrebbero essere uscite dai dischi dei Primal Scream. Ho sempre pensato che questo sarebbe stato il mio disco dell’anno, ma avevo dimenticato di fare i conti con lui.
(Cristina Bernasconi)

Indie Top Ten, terza posizione

#4) The Horrors

Primary Colours [Beggars Banquet]

Alla faccia del tarocchismo delle band costruite a tavolino, con le capigliature da modelli di Dior e l’atteggiamento per convenzione. Perché questi qui, con il famigerato secondo album, si sono rivelati degni eredi della tradizione dark e post-punk più vera. “Sea Within A Sea” è proprio un gran singolo, l’album segue a ruota.
(Claudia Durastanti)

Indie Top Ten, terza posizione

#3) Arctic Monkeys

Humbug [Domino]

Quella carica esplosiva fatta di bass driven songs, testi ironici e british sound sembra essersi perso nelle desert session del Mojave, dove Alex Turner e soci si sono rinchiusi a registrare sotto la regia di Josh Homme dei Queens Of The Stone Age, che ha lasciato un evidente marchio di fabbrica: un suono ruvido e pieno, il basso più nascosto dietro alla texture di chitarra e quella voce, divenuta forse più adulta.
(Bruno De Rivo)

Indie Top Ten, settima posizione

#2) The XX

XX [Young Turks]

Tanto giovani e tanto onesti paiono. Alla faccia del tarocchismo delle band costruite, seconda puntata: chiunque avrebbe voluto diffidare di loro e chiunque ha dovuto cedere. Smorfiano Chriss Isaack (che proprio raffinato non è), usano dei loop da Festivalbar nascosti furbamente sotto sospiri e sussurri, ma ti colpiscono diritti in un’area non ben definita tra la lo sviluppo tardo-adolescenziale e l’insofferenza da nerd ultimo stadio.
(Claudia Durastanti)

#1) Animal Collective

Merriweather Post Pavilion [Domino]


Indie Top Ten, settima posizione

Arrivati a 10 anni di lavori e 9 album, lo stile e la padronanza ormai si sono affinati, evoluti e consolidati. “MPP” infatti è ricco di melodie pop e psichedelie deliranti, tra ritmi frenetici loop ripetitivi e sintetizzatori fuorvianti. Tutto elettronico e ovattato, più analogico che digitale, stimolante ed ipnotico al tempo stesso.
(Riccardo “Friccardo” Valentino)

Sono decisamente il Gruppo (con la G maiuscola) del 2009. Arrivati al quinto disco non si lasciano scadere in banali ripetizioni e rimescolamenti di suoni precedenti, ma sanno come reinventarsi per sorprendere i vecchi fan e trovarne dei nuovi. Mirabolanti e psichedelici, un pop acido tra campionamenti, basi elettroniche e beat. Dei geni. Anche dal vivo, vincono il premio come migliori concerti dell’anno (non uno solo, ma tutti quelli che ho visto, sempre diversi uno dall’altro).
(Silvia “Anais”)

Un lucido delirio, un risveglio dopo una nottata passata in acido. O semplicemente la psichedelia nel 2009. I quattro che un tempo si vestivano da animali (ormai non più a quanto visto dal vivo) ci sorprendono con un gioiellino fatto di pochi riferimenti al folk e tanti rimandi all’essenzialità fatta di percussioni (vere o sintetiche) e suoni ’saturi’ e che contiene pezzi da novanta come “My Girls” o la stupenda “In The Flowers”. Disco dell’anno.
(Emanuele “kingatnight” Chiti)

Ormai dei veri fuoriclasse, capaci di non sbagliare un colpo, sia che si tratti di un ep estemporaneo che di un vero e proprio album. Smisurati nella produzione, ricchi ed esuberanti anche nei suoni, l’ultimo “Merriweather Post Pavilion” ce li consegna ad un gradino successivo, ancora più definiti e sicuri nella loro micidiale alchimia di suoni e ritmi. Vera psichedelia del nuovo millennio, calata nei nostri tempi e capace di instillare genio e sregolatezza nel magma sonoro della dance contemporanea . E soprattutto cuore e umanità, gioia di vivere e voglia di divertirsi.
(Michele Tioli)

Un disco fatto di canzonette, canzoncine ed abusi di sostanze psicotrope. Sembrano dei bambini rinchiusi in una sala di giocattoli, con tutto ciò che ne consegue.
(Federico “Accento Svedese”)

 

TOP 10 ALBUM 2014 DI FABIO NIEDDU

#10) SBTRKT Wonder Where We Land [Young Turks] LEGGI LA RECENSIONE Un disco stupefacente…

TOP 10 ALBUM 2014 di Sara Marzullo

#10) HAVE A NICE LIFE The Unnatural World [Enemies List – 2014] LEGGI LA…

L’ATTIMO FUGGENTE: 15 DICEMBRE ...

01. Singolo della Settimana: Red Trees – Come Winter 02. Lorna – Like Alastair Sim 03.…

TOP 10 ALBUM 2014 di Valentina ...

#10) YELLOW OSTRICH Cosmos [Barsuk] Ennesimo (e ultimo visto che si scioglieranno) album intrigante…

L’Attimo Fuggente: 1 dicembre ...

01. Singolo della Settimana: Pale Lights – Fourteen Stories Tall 02. Pretty Sad – Never…