banner

ANIMAL COLLECTIVE
Fall Be Kind [EP]

26 febbraio 2010

TAGS:

Parlare degli Animal Collective adesso è come parlare dei Led Zeppelin negli anni ‘70. Beh, certo, o li si ama o li si odia. Il problema è che le persone che hanno molta competenza in campo musicale (come me), li adorano. “Merryweather Post Pavilion” è stato eletto da Pitchfork, la mastodontica webzine americana nonché la più influente su questo pianeta, come miglior disco del 2009. Ma il collettivo animale esagera e continua con i suoi felici e deliranti EP. Pubblicare EP a ripetizione è un po’ il senso che ha preso la musica indie negli ultimi anni, aperta e chiusa parentesi. Ma “Fall Be Kind” ha le palle, perché non sono canzoni tagliate fuori dall’album precedente, o robaccia riciclata, o eccesso di creatività che sfocia nel presuntuoso zelo di poter pubblicare ogni stronzo che ti esce dal culo una volta mixato.

“Graze” è l’opening acrobatico, equiparabile ad un viaggio a Disneyland, su una montagna russa che vola nell’arcobaleno, partendo eterea da synth e cadendo su un milione di palline colorate che sono il ritmo dispari stagliato dai fiati campionati e stra-cuttati. Poi “What Would I Want?Sky” è veramente un pezzone, che illude con l’inizio alla Underworld e si apre a Dub psichedelico, conservando i fascinosi e meticolosi spauracchi musicali dell’iperstrumentazione digitale. Il testo è chiaramente una cronaca di un viaggio di ritorno a casa in taxi dopo un cocktail di acidi. Vale decisamente tutto il ‘mezzodisco’.

Con “Bleed” c’è un netto ritorno a “Merryweather…”, con suggestioni spiritual/jungle.
“On A Highway” è un chiaro passo avanti della band, ed esplica il significato di questo lavoro che è decisamente il frutto ancora molto maturo di una nuova piega direzionale al sound del gruppo, molto più deep e metropolitano(nonostante i soliti bonghi riempitivi).
“I Think I Can” è uno sfoggio di quanto siano prodigiosi ad usare il sequencing, e di come abbiamo trovato un modo razionale per usarlo.
Ottimi, come sempre.

Fall Be Kind (EP)
[ Domino - 2009 ]
Similar Artist: Caribou, Panda Bear, Yeasayer
Rating:
1. Graze
2. What Would I Want? Sky
3. Bleed
4. On a Highway
5. I Think I Can

ANIMAL COLLECTIVE su IndieForBunnies:

 

Articoli Correlati:

5 commenti »

Ultime recensioni

What Is This Heart?

HOW TO DRESS WELL
What Is This Heart?

Confessioni: per qualche settimana della mia vita me ne sono andata in giro pubblicizzando…

3 FINGERS GUITAR
Rinuncia All’Eredità

Con colpevole ritardo anche noi di IndieForBunnies arriviamo a dirvi la nostra sul disco…

Stay

FROZEN FARMER
Stay

Parlare di folk e tradizione è ancora possibile grazie ai Frozen Farmer. Attivi dal…

Master Xploder

DOPE D.O.D.
Master Xploder

Sono in tre, sono olandesi e arrivano adesso al terzo disco in appena tre…

Grace

HDADD
Grace

Puntuale come un orologio svizzero (a differenza della nostra recensione, che arriva leggermente in…

Onward Aeropuerto

SUSIE ASADO
Onward Aeropuerto

C’è una donna che si è persa dentro una tazzina di tè molto molto…

Haus Of Dada

PLANKTON DADA WAVE
Haus Of Dada

Mettete insieme un delirio galoppante, un filo di pazzia lungo un kilometro e uno…

Brighter Days

FM BELFAST
Brighter Days

Adorati nei giri dei grandi festivals, osannati da falangi di electropoppisti d’ultima generazione e…