banner

ANIMAL COLLECTIVE
Fall Be Kind [EP]

26 febbraio 2010

TAGS:

Parlare degli Animal Collective adesso è come parlare dei Led Zeppelin negli anni ‘70. Beh, certo, o li si ama o li si odia. Il problema è che le persone che hanno molta competenza in campo musicale (come me), li adorano. “Merryweather Post Pavilion” è stato eletto da Pitchfork, la mastodontica webzine americana nonché la più influente su questo pianeta, come miglior disco del 2009. Ma il collettivo animale esagera e continua con i suoi felici e deliranti EP. Pubblicare EP a ripetizione è un po’ il senso che ha preso la musica indie negli ultimi anni, aperta e chiusa parentesi. Ma “Fall Be Kind” ha le palle, perché non sono canzoni tagliate fuori dall’album precedente, o robaccia riciclata, o eccesso di creatività che sfocia nel presuntuoso zelo di poter pubblicare ogni stronzo che ti esce dal culo una volta mixato.

“Graze” è l’opening acrobatico, equiparabile ad un viaggio a Disneyland, su una montagna russa che vola nell’arcobaleno, partendo eterea da synth e cadendo su un milione di palline colorate che sono il ritmo dispari stagliato dai fiati campionati e stra-cuttati. Poi “What Would I Want?Sky” è veramente un pezzone, che illude con l’inizio alla Underworld e si apre a Dub psichedelico, conservando i fascinosi e meticolosi spauracchi musicali dell’iperstrumentazione digitale. Il testo è chiaramente una cronaca di un viaggio di ritorno a casa in taxi dopo un cocktail di acidi. Vale decisamente tutto il ‘mezzodisco’.

Con “Bleed” c’è un netto ritorno a “Merryweather…”, con suggestioni spiritual/jungle.
“On A Highway” è un chiaro passo avanti della band, ed esplica il significato di questo lavoro che è decisamente il frutto ancora molto maturo di una nuova piega direzionale al sound del gruppo, molto più deep e metropolitano(nonostante i soliti bonghi riempitivi).
“I Think I Can” è uno sfoggio di quanto siano prodigiosi ad usare il sequencing, e di come abbiamo trovato un modo razionale per usarlo.
Ottimi, come sempre.

Fall Be Kind (EP)
[ Domino - 2009 ]
Similar Artist: Caribou, Panda Bear, Yeasayer
Rating:
1. Graze
2. What Would I Want? Sky
3. Bleed
4. On a Highway
5. I Think I Can

ANIMAL COLLECTIVE su IndieForBunnies:

 

Articoli Correlati:

5 commenti »

Ultime recensioni

The Wilderness Inside

ARMY NAVY
The Wilderness Inside

Quando esce un disco degli Army Navy c’è una sola certezza: di sicuro si…

Earth, Wind And Fire EP

CAPITAN LOVE
Earth, Wind And Fire EP

Dietro questo lavoro di Raniero Spinelli, in arte Capitan Love, “Earth, Wind and Fire”…

Electric Skulls Radio

GO KOALA
Electric Skulls Radio

Pop elettronico di garbo e che trasporta come in un altra dimensione quello suonato…

La Pulce Nell’Orecchio

MANO
La Pulce Nell’Orecchio

Caldo e “naturale” il debutto “La pulce nell’orecchio” di Marco Giorio in arte Mano,…

Wine Dark Sea

JOLIE HOLLAND
Wine Dark Sea

Se sei un musicista e fai un album capace di prendereun sacco distelline/pallini/voti di…

Herd Runners

CHERRY GHOST
Herd Runners

Non c’è dramma peggiore per una band che quello di ripetersi, eguagliarsi, addirittura migliorarsi…

The Feast Of The Broken Heart

HERCULES AND LOVE AFFAIR
The Feast Of The Broken Heart

Sempre in bilico tra la passione per i suoni del dancefloor e un innegabile…

Familiars

THE ANTLERS
Familiars

Ascolto “Familiars” su un regionale Milano – Brescia. Di fianco a me c’è una…