EFTERKLANG
Magic Chairs

[ 4AD - 2010 ]
4
 
Genere: alt-folk, chamber pop
Tags:
 
3 Marzo 2010
 

Dal silicio dal sapore tipicamente ambient ai ricchi arrangiamenti barocchi il passo non é esattamente breve. E, nonostante un intervallo creativo durato circa tre anni, le conseguenze non sono sempre facili da digerire. Questo forse é stato il limite principale della precedente uscita degli Efterklang. La volontá di diversificarsi dallo stuolo di gruppetti piú o meni indiependenti ha portato ad una forzatura dei meccanismi sonori non ancora oliati a dovere che ha parzialmente compromesso quanto di buono avevo fatto in passato. Ora a distanza di altri tre anni il collettivo danese ha cercato di correggere il tiro con un lavoro che sembra essere in apparenza essere piú organico e bilanciato del suo predecessore, ma che diventa paradossalmente una parodia pop di quello che una volta era un gruppo promettente.

Detto ció vi anticipiamo il giudizio finale su “Magic Chairs”: se non avete apprezzato “Parades” allora tenetevi alla larga. Perché le dieci tracce in scaletta si muovono sulla falsa riga dell’opera precedente, mettendo qualche pezza qua e lá senza tuttavia fare quel salto qualitativo in parte auspicato. Insomma, ad eccezione di qualche episodio, la proposta finisce ben presto col cadere nel dimenticatoio o, peggio ancora, rischia in alcune occasioni di non arrivare a fine ascolto. Onestamente é un peccato perché partenza e conclusione sembravano presagire ben altra qualità: l’emotività suadente di “Modern Drift” accarezza i sensi e trasporta davvero lontano, mentre la dolce malinconia di “Natural Tune” scava un solco nell’animo dell’ascoltatore. Nel mezzo tuttavia tanta, tantissima noia: un’overdose di sinfonie che sguazzano in maniera caotica, quasi a voler tramortire i sensi di chi si cimenta all’ascolto, e un’abbondanza di effetti elettronici che appesantiscono ulteriormente il disco.

Insomma “Magic Chairs” sembra sancire l’inizio della fine per gli Efterklang. Quando l’eutanasia diventa l’unica via di salvezza per i nostri timpani…

Credit Foto: Rasmus Weng Karlsen

Tracklist
1. Modern Drift
2. Alike
3. I Was Playing Drums
4. Raincoats
5. Harmonics
6. Full Moon
7. The Soft Beating
8. Scandinavian Love
9. Mirror Mirror
10. Natural Tune
 
 

Robbie Robertson – Sinematic

Autore parco nella produzione discografica (sette album in trent’anni), personaggio che non ha bisogno di presentazioni, senza necessità ...

Mark Lanegan Band – ...

Stima, rispetto, fino alla devozione ai limiti dell’idolatria: sono tutti sentimenti che con Mark Lanegan possono essere utilizzati senza ...

David J – Missive To An Angel ...

Quando la notte è tarda, quando la casa è silenziosa e buia, quando l’unico rumore è quello dei nostri pensieri, è il momento di ...

Lightning Bolt – Sonic ...

I Lightning Bolt tornano a colpire quattro anni dopo “Fantasy Empire”, trasferendosi in una “Sonic Citadel” fatta su misura per le ...

Foals – Everything Not Saved ...

“Come puoi continuare nelle macerie e attraverso la terra bruciata?” In una sola domanda Yannis Philippakis è riuscito a racchiudere il ...