banner

AFTERHOURS
Hai Paura Del Buio?

17 marzo 2010

TAGS:

Pochi dischi hanno condizionato la musica venuta dopo come questo “Hai Paura del Buio?” degli Afterhours. Secondo disco in lingua italiana per la band di Milano, ha rivoluzionato il linguaggio e la composizione delle musiche per quanto riguarda l’alternative rock italico, creando, loro malgrado, sciami interminabili di imitatori ed ispirando, più o meno dichiaratamente, praticamente qualunque band uscita successivamente. E’ un album completo, a trecentosessanta gradi, dove un tris di power chords o quattro accordi da spiaggia messi di fila appaiono talmente emotivamente coinvolgenti da risultare complici di un capolavoro, per scarabocchiare sulla tela pensieri ed immagini che grazie alla poesia di Manuel Agnelli e ai graffi isterici di Xabier Iriondo diventano ’storia’.

C’è tutto in questo disco. La potenza pura del post-Nirvana in “Dea” e “Lasciami Leccare l’Adrenalina”, gli inni grunge come “Sui Giovani d’Oggi ci Scatarro Su” e l’intramontabile “Male di Miele” (ti do le stesse possibilità di neve al centro dell’inferno, ti va), il noise minimalista di “Senza Finestra” e “Simbiosi”, emozionanti ancora oggi quando riproposte nei live, il pop rock delle ballad come “Voglio una Pelle Splendida” (la vita è un suicidio, l’amore è un rogo) e ”Pelle”, tra le più belle del loro intero repertorio. Il ritmo sempre molto sostenuto del disco sembra fermarsi in episodi come la dolce “Mi Trovo Nuovo” o la classicheggiante “Come Vorrei”, ma riesplode sempre con “Punto G”, “Veleno” e “Rapace”, che presentano la tipica alternanza di melodia e riff taglienti, costruita però con una precisione e degli arrangiamenti veramente ineguagliati nel nostro paese.

La produzione del disco non è superba, e tutt’oggi nonostante internet ci abbia permesso di apprezzare anche molti dischi di fattura non proprio ottima abituandoci alle sonorità ‘da MySpace’ sentiamo che in casa Agnelli non giravano ancora i soldi. Ma il suono è comunque d’impatto, graffiante, e complice del sensazionale risultato, potente ma a tratti intimistico, grazie ai testi sempre molto personali e variamente interpretabili del frontman. Strumentalmente non troviamo virtuosismi ne passaggi difficili, e mai ne troveremo nella carriera degli Afterhours, ma la sincerità con la quale due accordi di chitarra e un bel giro di violino sanno creare canzoni come queste stupisce ancora. E non rimanerne appassionati è davvero impossibile.

Se non c’è niente che sia per sempre, beh questo disco sicuramente lo sarà.

HAI PAURA DEL BUIO?

Etichetta: Mescal/EMI
Pubblicazione: 1997
Durata: 54:29

1.Hai Paura Del Buio?
2. 1.9.9.6.
3. Male Di Miele
4. Rapace
5. Elymania
6. Pelle
7. Dea
8. Senza Finestra
9. Simbiosi
10. Voglio Una Pelle Splendida
11. Terrorswing
12. Lasciami Leccare L’Adrenalina
13. Punto G
14. Veleno
15. Come Vorrei
16. Questo Pazzo Pazzo Mondo Di Tasse
17. Musicista Contabile
18. Sui Giovani D’Oggi Ci Scatarro Su
19. Mi Trovo Nuovo

 

Articoli Correlati:

5 commenti »

Ultime recensioni

What Is This Heart?

HOW TO DRESS WELL
What Is This Heart?

Confessioni: per qualche settimana della mia vita me ne sono andata in giro pubblicizzando…

3 FINGERS GUITAR
Rinuncia All’Eredità

Con colpevole ritardo anche noi di IndieForBunnies arriviamo a dirvi la nostra sul disco…

Stay

FROZEN FARMER
Stay

Parlare di folk e tradizione è ancora possibile grazie ai Frozen Farmer. Attivi dal…

Master Xploder

DOPE D.O.D.
Master Xploder

Sono in tre, sono olandesi e arrivano adesso al terzo disco in appena tre…

Grace

HDADD
Grace

Puntuale come un orologio svizzero (a differenza della nostra recensione, che arriva leggermente in…

Onward Aeropuerto

SUSIE ASADO
Onward Aeropuerto

C’è una donna che si è persa dentro una tazzina di tè molto molto…

Haus Of Dada

PLANKTON DADA WAVE
Haus Of Dada

Mettete insieme un delirio galoppante, un filo di pazzia lungo un kilometro e uno…

Brighter Days

FM BELFAST
Brighter Days

Adorati nei giri dei grandi festivals, osannati da falangi di electropoppisti d’ultima generazione e…