banner

AFTERHOURS
Hai Paura Del Buio?

17 marzo 2010

TAGS:

Pochi dischi hanno condizionato la musica venuta dopo come questo “Hai Paura del Buio?” degli Afterhours. Secondo disco in lingua italiana per la band di Milano, ha rivoluzionato il linguaggio e la composizione delle musiche per quanto riguarda l’alternative rock italico, creando, loro malgrado, sciami interminabili di imitatori ed ispirando, più o meno dichiaratamente, praticamente qualunque band uscita successivamente. E’ un album completo, a trecentosessanta gradi, dove un tris di power chords o quattro accordi da spiaggia messi di fila appaiono talmente emotivamente coinvolgenti da risultare complici di un capolavoro, per scarabocchiare sulla tela pensieri ed immagini che grazie alla poesia di Manuel Agnelli e ai graffi isterici di Xabier Iriondo diventano ’storia’.

C’è tutto in questo disco. La potenza pura del post-Nirvana in “Dea” e “Lasciami Leccare l’Adrenalina”, gli inni grunge come “Sui Giovani d’Oggi ci Scatarro Su” e l’intramontabile “Male di Miele” (ti do le stesse possibilità di neve al centro dell’inferno, ti va), il noise minimalista di “Senza Finestra” e “Simbiosi”, emozionanti ancora oggi quando riproposte nei live, il pop rock delle ballad come “Voglio una Pelle Splendida” (la vita è un suicidio, l’amore è un rogo) e ”Pelle”, tra le più belle del loro intero repertorio. Il ritmo sempre molto sostenuto del disco sembra fermarsi in episodi come la dolce “Mi Trovo Nuovo” o la classicheggiante “Come Vorrei”, ma riesplode sempre con “Punto G”, “Veleno” e “Rapace”, che presentano la tipica alternanza di melodia e riff taglienti, costruita però con una precisione e degli arrangiamenti veramente ineguagliati nel nostro paese.

La produzione del disco non è superba, e tutt’oggi nonostante internet ci abbia permesso di apprezzare anche molti dischi di fattura non proprio ottima abituandoci alle sonorità ‘da MySpace’ sentiamo che in casa Agnelli non giravano ancora i soldi. Ma il suono è comunque d’impatto, graffiante, e complice del sensazionale risultato, potente ma a tratti intimistico, grazie ai testi sempre molto personali e variamente interpretabili del frontman. Strumentalmente non troviamo virtuosismi ne passaggi difficili, e mai ne troveremo nella carriera degli Afterhours, ma la sincerità con la quale due accordi di chitarra e un bel giro di violino sanno creare canzoni come queste stupisce ancora. E non rimanerne appassionati è davvero impossibile.

Se non c’è niente che sia per sempre, beh questo disco sicuramente lo sarà.

HAI PAURA DEL BUIO?

Etichetta: Mescal/EMI
Pubblicazione: 1997
Durata: 54:29

1.Hai Paura Del Buio?
2. 1.9.9.6.
3. Male Di Miele
4. Rapace
5. Elymania
6. Pelle
7. Dea
8. Senza Finestra
9. Simbiosi
10. Voglio Una Pelle Splendida
11. Terrorswing
12. Lasciami Leccare L’Adrenalina
13. Punto G
14. Veleno
15. Come Vorrei
16. Questo Pazzo Pazzo Mondo Di Tasse
17. Musicista Contabile
18. Sui Giovani D’Oggi Ci Scatarro Su
19. Mi Trovo Nuovo

 

Articoli Correlati:

5 commenti »

Ultime recensioni

Ruins

GROUPER
Ruins

I’m happy for any emotion to present itself in a song, and to give…

Petali

GIAN LUCA MONDO
Petali

Le suggestioni cominciano già dal nome “Petali”, che però non bastano da sole per…

Acoustic Dust

LEE RANALDO AND THE DUST
Acoustic Dust

Stare dietro alle carriere (ormai) separate di quella che era la complicata famiglia Sonic…

Soused

SCOTT WALKER + SUNN O)))
Soused

“Soused” è una collaborazione tra sperimentatori di razza, l’enigmatico Scott Walker (musicista con una…

Shallow

PISSED JEANS
Shallow

Alcune band gli esordi preferirebbero dimenticarli come errori di gioventù ormai superati, morti e…

Into The Wide

DELTA SPIRIT
Into The Wide

Eccoli di nuovo, i Delta Spirit. Meno allegri del solito, con un pizzico di…

L’Improbabile

BANDABARDO’
L’Improbabile

Spesso salire il carro di una major significa “riconoscimento” artistico dopo per anni di…

Listen

THE KOOKS
Listen

C’erano una volta dei ragazzini con la chitarra che giocavano a fare le rockstar,…