banner

HOT CHIP
One Life Stand

19 marzo 2010

TAGS:

Ormai ci hanno abituato: ogni anno pari esce un loro disco.
Se il primo “Coming On Strong” nel 2004 è passato quasi inosservato, malgrado fosse molto valido, il secondo nel 2006 dal titolo “The Warning” li ha consacrati alla critica internazionale. Due anni dopo “Made In The Dark” delude un po’ le aspettative e quindi molti erano gli interrogativi prima dell’ascolto di questa quarta pubblicazione.

Il formato originale della band, fatto da 4 tastiere e una batteria, rende la ricerca del suono originale uno stile di vita. Forse questo è proprio il punto di partenza, la maturazione armonica delle tastiere attorno alle quali si sviluppa il sound divenuto adulto ad accattivante, grazie all’enorme lavoro di Joe Goddard e Alexis Taylor che di fatto sono le menti pensanti del combo.
Ed ecco che il disco suona funky, soul, house e techtronic. E piace davvero.
Si inizia con “Thieves In The Night”, i ladri nella notte, una traccia molto d’impatto e destinata, forse, ad un pubblico vasto. Ma il sound tradizionale degli Hot Chip emerge nella successiva “Hand Me Down Your Love”, riportandoci al pluridecorato “The Warning”. Una ballata cadenzatissima, dal ritmo incessante.

“I Feel Better” segna più di altri brani la virata danzereccia del gruppo dalle innumerevoli tastiere sincronizzate. Lo stesso dicasi per “We Have Love”, che sembra una “People Are People” degli anni duemiladieci.
Un capitolo a parte è l’impalpabile “Alley Cats” che ancora non riesco a classificare: un sound tipo The XX con tanto di finti violini ed effetti evanescenti.
Il disco segna sicuramente la maturazione artistica della band ma paga un prezzo molto alto all’originalità, forse nel tentativo di accontentare tutti i palati o forse più gente possibile.
Ma chi ama i Depeche Mode magari odia i Pet Shop Boys. E quindi alla fine si rimane mediamente delusi. Non sempre maturare significa crescere.

SVILUPPABILE.

One Life Stand
[ Parlophone/EMI - 2010 ]
Similar Artist: LCD Soundsystem, Pet Shop Boys, Four Tet, The XX
Rating:
1. Thieves In The Night
2. Hand Me Down Your Love
3. I Feel Better
4. One Life Stand
5. Brothers
6. Slush
7. Alley Cats
8. We Have Love
9. Keep Quiet
10. Take It In

HOT CHIP su IndieForBunnies:

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…

Earthbeat

BE FOREST
Earthbeat

Ambientazione: Pesaro, Italian east-coast.
Campo lungo. Il mare in inverno. Una distesa plumbea, sconfinata…

Future’s Void

EMA
Future’s Void

Fuori dalle città disperse nel nulla – quei punti luminosi in mezzo a zone…