PAVEMENT
Quarantine The Past: Greatest Hits 1989-1999

[ Matador - 2010 ]
7.5
 
Genere: alternative rock
 
 

E alla fine dopo 11 anni hanno ceduto!
I Pavement si ritrovano magicamente, riempiendo di gioia cuori e cervelli di migliaia di fans adoranti.
Con un tour mondiale davvero impegnativo, partenza in marzo con un paio di date piazzate in maggio nella desolata Italia, tanto per iniziare ed un “Best Of”, questo, dai natali studiati nei minimi particolari e con furbesca attitudine.
In “Quarantine Past” infatti è la voce degli adepti a schiamazzare, chiamati all’adunanza per un contest incentrato sulla tracklist segretissima e svelata solo agli sgoccioli.
Ben 23 pezzi scandagliano minuziosamente l’intero periodo d’attività della band di Stephen Malkmus, dal 1989 al 1999, anni in cui il combo di Stockton dominò l’immaginario underground mondiale con il suo stile caratteristico, intessuto di chitarre sferraglianti e voce annoiata al limite del tedio esistenziale.

Nell’ambito di un rilancio verticale (sarà infatti ristampata l’intera loro discografia) la Matador ci vede lungo nell’anno della crisi, licenziando questo lavoro sia in formato cd che doppio vinile a prezzo economico.
Mica poca roba se consideriamo che in “Quarantine Past” sono presenti (oltre ai pezzi da 90 come “Summer Babe”, “Cut Your Hair” e “Gold Soundz”) i primi Ep ormai introvabilissimi ed una traccia tratta da una compilation minore anch’essa ormai merce da repertorio strettamente collezionistico.
Non avendo mai apprezzato i Pavement durante la loro carriera per strani motivi postadolescenziali, ma riscoprendoli con l’andare degli anni ed una percezione ammorbidita, sono piacevolmente sorpreso dal vivere questo disco come il paio di jeans preferito. Segnato nell’intensità del colore dal tempo dei ricordi, ma che ben si adatta al corpo che cambia, una sorta di seconda pelle che non ti stufa mai e che ti scoccia buttare in lavatrice anche se per un sol giorno di privazione.

Non saprei definire meglio di così quanto questa compilazione risulti centrata e completa, buona tanto per il parvenu di turno, quanto per il devoto completist in crisi glicemica da lutto continuato e almeno, per ora, in parte attenuato.

Tracklist
1. Gold Soundz
2. Frontwards
3. Mellow Jazz Docent
4. Stereo
5. In The Mouth A Desert
6. Two States
7. Cut Your Hair
8. Shady Lane / J Vs. S
9. Here
10. Unfair
11. Grounded
12. Summer Babe (Winter Version)
13. Range Life
14. Date w/ IKEA
15. Debris Slide
16. Shoot The Singer (1 Sick Verse)
17. Spit On A Stranger
18. Heaven Is a Truck
19. Trigger Cut/Wounded-Kite At :17 )
20. Embassy Row
21. Box Elder
22. Unseen Power Of The Picket Fence
23. Fight This Generation
 
 

Marco Castello – Contenta tu

C’è voluto un po’ di tempo per ascoltare l’esordio di Marco Castello, “Contenta tu”, e ora le cose iniziano a farsi interessanti ...

Django Django – Glowing In ...

I negativi di vecchie foto sono tesori inestimabili, memorie di un tempo che non può più tornare. “Glowing In The Dark” soffia via la ...

Lucero – When You Find Me

La perdita, lo smarrimento, pistoni roventi e fughe palpitanti. Giovani eroine e vite ai margini. Fiabe gotiche intinte nel bourbon. E ...

God Is An Astronaut – Ghost ...

Le vette e le depressioni dei mari lunari, la vista di quel pianeta verde ed azzurro, che sembra quasi essere a portata di mano, le nubi ...

The Staves – Good Woman

A quasi sei anni di distanza dal loro sophomore, “If I Was”, le Staves sono tornate con un nuovo atteso LP: le sorelle di Watford hanno ...