SCRAMBLER SEEQUILL
Secret Passageways

 
Tags:
 
di Enrico "Sachiel" Amendola
21 aprile 2010
 

Gli Scrambler Seequil meriterebbero cinque stelle semplicemente per la loro gentilezza. Mi hanno spedito il disco con qualche settimana di ritardo e si sono scusati con una bella letterina scritta a mano, ricordandomi che si può ancora scrivere con qualcosa di diverso da una tastiera. Nel mio caso forse la tecnologia è arrivata in mio soccorso, visto che la la mia calligrafia sembra appartenere ad un bambino di 5 anni con grossi problemi di coordinazione motoria della mano. Oltre al delicato foglio di carta, simile ad un papiro nella costistenza e ornato da foglie e piume incollate sopra, il dischetto in questione perde almeno un paio di stelluzze per la via.

“Secret Passageways” è una summa dell’indierock moderno mescolato alle sonorità psichedeliche degli anni ’70. Un bel pasticcio che unisce folk, rock, elettronica minimale, melodie trasversali e voci sbilenche. Da mal di testa, soprattutto per una lunghezza forse eccessiva, ma suonato bene ed interpretato all’altezza. Forse farò un torto alla squisita gentilezza della band nel parlare più della lettera che del disco, ma siamo travolti da un piccolo mare di dischi che si muovono tutti sulla stessa lunghezza d’onda ed è difficile entusiasmarsi per un lavoro pur impeccabile in sede di scrittura. Le grandi emozioni, però, albergano altrove.

Cover Album
Secret Passageways
[ Layered - 2010 ]
Similar Artist: Arcade Fire, The Coral, Sunset Rubdown
Rating:
1. Hear The Sound
2. Thirteen
3. One Design
4. Rest For Now
5. A Lesser Greater
6. The Phoenix
7. Pockets
8. Dead Grass
9. Amidst The Abyss
10. Us, Be
11. Top Of The hill
12. No Wods

Tracklist
 
 

Andy Stott – Faith In ...

In che direzione si muove Andy Stott? Dopo “Luxury Problems” era inutile cercare di…

Melvins – Hold It In

I Melvins sono il passato, il presente ed il futuro della musica. (Kurt Cobain).…

Dracula Lewis – Technical XTC

Anche se si è ormai perso quel gusto iniziale per il mistero e l’ambiguità…

Lamb – Backspace Unwind

Mi trovo un poco in soggezione a parlare degli inglesi Lamb: il duo mancuniano…

Omosumo – Surfin’ Gaza

È un disco ambizioso questo esordio dei siciliani Omosumo (Angelo Sicurella, Roberto Cammarata e…