banner

ERYKAH BADU
New Amerykah Part Two: Return Of The Ankh

26 aprile 2010

TAGS:

Ci è riuscita ancora una volta, a sorprendermi, a travolgermi, ad emozionarmi. In una parola: a fregarmi. Non pensavo che dopo le scorribande in acido al suono di Sly and the Family Stone in salsa hip-hop che è quel capolavoro di “New Ameryka Part One 4th World War”, Erykah Badu potesse ripetersi senza correre il rischio di stancare o addirittura fare tabula rasa e traghettare il Soul Motown nel terzo millennio. Invece dopo il ventesimo ascolto di quest’opera ammaliante e stordente che è “New Amerykah Part Two: Return of the Ankh”, non solo ci si rende conto che non c’è una singola cosa che la signora non riesca a fare in grande stile, come produrre, suonare, cantare e scrivere testi poetici e taglienti, ma ci si domanda anche: come diavolo farà?

A prendere Nina Simone, ad esempio e farla suonare insieme ad Herbie Hancock alle prese con un Fender Rhodes celestiale (“20 Feet Tall”), ipotizzare una jam tra Stevie Wonder e Roy Ayers (“Window Seat”), prendere i Wings pregni di funk di “Back to the Egg” e farli suonare con Madlib e Dilla – non me lo sono inventato, sicchè “Gone Baby, Don’t Be Long” utilizza un sample di “Arrow Through Me” del fido Paul McCartney – o suonare in un’epopea space-jazz insieme a David Sancious (“Agitation” anch’essa costruita su un sample di “Just As I Thought” dell’ex-pianista della E-Street Band). Beh, ma a prendere sample di canzoni memorabili e ricamarci su, ci riescono tutti, potrebbero asserire i maligni, non fosse che Erykah dimostra che quando scrive di suo pugno, chiamando a raccolta la figlioccia Georgia Anne Muldrow, è capace di mettere su una suite che unisce Isaac Hayes, Stevie Wonder i Wu-Tang Clan e Billie Holiday, che risponde al nome di “Out My Mind, Just in Time” e che chiude il disco con i suoi fantasmatici 10.21 minuti. Orbene, cosa avranno da ridire i detrattori? Assolutamente nulla, perché questo disco è un capolavoro, semplicemente.

Ci sei riuscita ancora una volta, quindi, Erykah.
Mi hai fregato ed io sono sempre più innamorato di te. Mi struggerò ancora una volta al suono dolce e suadente della tua voce, aspettando la parte terza della tua epopea in musica. Cosa tirerai fuori dal cilindro? Miles Davis? Tutto può essere.

New Amerykah Part Two: Return Of The Ankh
[ Motown - 2010 ]
Similar Artist: Billie Holiday, Nina Simone, Stevie Wonder, Roy Ayers, Madlib, Georgia Anne Muldrow
Rating:
1. 20 Feet Tall
2. Window Seat
3. Agitation
4. Turn Me Away (Get MuNNY)
5. Gone Baby, Don’t Be Long
6. Umm Hmm
7. Love
8. You Loving Me (Session)
9. Fall In Love (Your Funeral)
10. Incense
11. Out My Mind, Just In Time

 

Articoli Correlati:

25 commenti »

Ultime recensioni

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…